Categorie
Ansa

Coronavirus: nuovo record in Israele, oltre 5 mila casi

Oggi ultimo giorno di scuola. Da venerdì lockdown. India, superati i 5 milioni di contagi …

Ha superato quota 930 mila il numero di decessi nel mondo legati al coronavirus, secondo i dati dell’università americana Johns Hopkins. I contagi totali sono oltre 29,4 milioni. Il paese più colpito al mondo in termini assoluti restano gli Stati Uniti, con 195.500 morti e quasi 6,6 milioni di casi. Seguono l’India e il Brasile.

Nuovo record di contagi in Israele: nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della sanità, sono stati 5.523 a fronte di un aumento dei tamponi arrivati a 55.734 test. Il tasso di infezione si attesta al 9.9%. I casi attivi sono ad ora 42.862 con 535 pazienti gravi e, di questi, 138 in ventilazione. Le vittime restano a 1.147. Oggi ultimo giorno di scuola, come ha stabilito il governo mentre dalle 14 di venerdì scatterà il lockdown nazionale di 3 settimane.  

L’India ha superato la soglia dei cinque milioni di casi di coronavirus, con la pandemia che si diffonde a un ritmo sempre più rapido in tutto il paese asiatico. La seconda nazione più popolosa del pianeta, che ha registrato un milione di nuovi contagi in soli undici giorni, registra ora 5,02 milioni di casi, subito dietro gli Stati Uniti che ne hanno 6,6 milioni.

Negli Usa almeno sette persone sono morte in relazione ad un’epidemia di coronavirus scoppiata dopo un ricevimento di nozze nel Maine. Lo riferisce l’agenzia Associated Press. Il Maine Center for Disease Control and Prevention ha riferito che alla festa, che si è svolta in agosto, sono collegati oltre 175 contagi e sei delle persone decedute non hanno nemmeno partecipato al matrimonio. Le autorità dello Stato, che da marzo ha registrato meno di 5.000 casi di coronavirus, hanno tracciato la linea dei contagi e concluso che dal ricevimento al Big Moose Inn di Millinocke il virus ha viaggiato centinaia di chilometri.

Il vaccino contro il coronavirus potrebbe essere pronto entro tre o quattro settimane: lo ha detto il presidente americano Donald Trump in un town hall a Philadelphia. Nel caso, il vaccino arriverebbe prima delle elezioni Usa del 3 novembre.

Crediti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *