Categorie
Ansa

Coronavirus, primi casi nelle scuole di Berlino, una richiude

Sette istituti in quattro quartieri registrano contagi. Secondo l’Afp i morti nerl mondo avrebbero superato quota 750mila, di cui 200mila negli Usa …

 L’anno scolastico è ricominciato lunedì scorso, e nel giro di meno di una settimana sono già diversi i contagi da Coronavirus, segnalati negli istituti di Berlino: c’è anche il caso di una prima scuola che ha deciso di richiudere i battenti. È la Berliner Zeitung, uno dei tabloid della capitale, a elencare le sette scuole (in quattro quartieri) in cui si sono registrati i casi (singoli a quanto si sa per ora) di infezione. Gli istituti hanno reagito per lo più mettendo gruppi di studenti o classi in quarantena.Intanto, proprio oggi in cancelleria, Angela Merkel incontra la leader dell’SPD Saskia Esken e diversi ministri dell’Istruzione dei Laender, per fare il punto della situazione. La gestione del settore fa capo alle regioni, e nella città-Stato di Berlino il senato locale ha deciso di far ripartire le lezioni, abolendo perfino la regola del distanziamento in aula. Gli scolari sono tenuti però a portare la mascherina negli edifici scolatici (ma non seduti ai banchi). La disinvoltura della politica locale ha sollevato pareri discordanti e polemiche. Il sindacato del settore GEW ha fatto presente che sarebbe stato meglio ripartire alternando lezioni in presenza e online, mantenendo la divisione in gruppi, come accadeva nel mese di giugno. In Germania, il Covid ha ricominciato a diffondersi in modo preoccupante, con oltre mille casi nuovi di infezione al giorno: oggi sono 1445, stando ai dati del Robert Koch Institut; mentre a Berlino sono stati riportati 125 positivi in più, rispetto al giorno precedente. 

E mentre l’AFP segnala che ha superato la soglia dei 750 mila il bilancio dei morti per coronavirus nel mondo, 200.000, ben oltre i 166.038 conteggiati dalla Johns Hopkins University sarebbero nei soli Stati Uniti.  A fare i conti e’ il New York Times, secondo il quale molti stati sono indietro di settimane se non di mesi nel riportare il numero dei morti.

   

Crediti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *