Categorie
ATTUALITÀ Coronavirus (COVID-19) Italia Protezione civile Sanità

Coronavirus, 4.458 contagi nell’ultima giornata, Campania record a 750. Ventidue le vittime – Il bollettino della Protezione civile

Le terapie intensive aumentano di 21 unità, i ricoveri ordinari di 175. Sono solo quattro le regioni italiane con un incremento nei contagi inferiore a 50. Le regioni più colpite, invece, sono la Campania (757), la Lombardia (683) e il Veneto (491)
L’articolo Coronavirus, 4.458 contagi nell’ultima giornata, Campania record a 750. Ventidue le vittime – Il bollettino della Protezione civile proviene da Open. …


Il bollettino dell’8 ottobre

Dopo l’incremento notevole nei nuovi casi registrato ieri, pari a 3.678, il numero dei contagi continua a crescere. Sono 4.458, per la precisione, le nuove infezioni da Coronavirus registrate oggi e inserite nel bollettino della Protezione Civile e del Ministero della Salute. Il totale dei casi di positività, in Italia, raggiunge così la cifra di 338.398. I dati odierni arrivano a fronte di 128.098 tamponi eseguiti (ieri erano 125.314). Complessivamente, dall’inizio del monitoraggio, sono stati analizzati 12.197.500 test.

I decessi segnalati nelle ultime 24 ore ammontano a 22, per un totale di vittime che arriva a quota 26.083. Ieri, erano morte 31 persone. I cittadini che, invece, hanno superato la Covid-19 sono 236.363. In Italia, al momento, ci sono 65.952 persone attualmente positive. Di queste, 3.925 risultano ricoverate con sintomi (ieri erano 3.782), mentre 358 sono in terapia intensiva (ieri erano 337). Le persone sottoposte a isolamento domiciliare sono 61.669. Le regioni con l’incremento maggiore di casi, oggi, sono la Campania (757), la Lombardia (683) e il Veneto (491).

Ieri e oggi a confronto

L’andamento dei nuovi contagi negli ultimi dieci giorni

I positivi al Covid-19 Regione per Regione

Ecco i dati sulle persone attualmente positive al Coronavirus regione per regione:

Grafiche a cura di Vincenzo Monaco

Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *