Categorie
ATTUALITÀ Coronavirus (COVID-19) Fabrizio Pregliasco Italia Numeri in chiaro Sanità

Coronavirus, i numeri in chiaro. Pregliasco: «In terapia intensiva la situazione può essere esplosiva»

Il virologo ammette che il sistema di tracciamento dei contatti sta andando in affaticamento: «Quella a cui stiamo assistendo è una fase di rottura»
L’articolo Coronavirus, i numeri in chiaro. Pregliasco: «In terapia intensiva la situazione può essere esplosiva» proviene da Open. …

La curva epidemiologica italiana continua a salire. Nella giornata di oggi, infatti, il Paese sfonda quota 11.705 nuovi casi di contagio da Coronavirus. Solo ieri, invece, erano stati 10.925 e due giorni fa 10.010. Secondo i dati diffusi dalla Protezione civile i decessi registrati sono 69 a fronte dei 47 di ieri e dei 55 di due giorni fa. Il totale degli attualmente positivi sale a 126.237.

Sono 750 le persone ricoverate nei reparti di terapia intensiva. I tamponi effettuati scendono rispetto ai giorni precedenti: 146.541. Per l’epidemiologo e direttore sanitario dell’istituto Galeazzi di Milano, Fabrizio Pregliasco, il virus sta facendo esattamente quello che è nella sua natura: «diffondersi alla grande».

Professore, i dati di oggi continuano a dirci che la progressione dei contagi ha smesso di essere lineare ed è diventata esponenziale.

«Quella cui stiamo assistendo è una fase di rottura, per la prima volta si avverte la fatica relativa al contact tracing. C’è da dire che i numeri sono diversi da marzo-aprile. Ora abbiamo la contezza sia dei casi gravi, che degli asintomatici che cerchiamo di individuare sin da subito. Durante l’emergenza di questa primavera i casi asintomatici erano tantissimi, ma non avevamo capito quanto influissero e non riuscivamo a fare una diagnosi».

Dalla situazione sanitaria sembra però si stia in qualche modo perdendo il controllo.

«In qualche caso è così. Se penso alla pervasività che il virus ha in Lombardia, è micidiale».

La notizia di oggi è che la percentuale del rapporto tra tamponi e casi positivi è aumentata.

«Sfioriamo l’8%, abbiamo più casi con meno tamponi. La situazione è certamente generalizzata ma ci sono regioni come Campania, Lombardia, Veneto e Piemonte in cui questo peggioramento è più evidente».

Ci sono poi le terapie intensive, sempre al rialzo.

«La terapia intensiva è in una situazione potenzialmente esplosiva, specie in quei territori in cui i posti sono pochi».

Anche secondo lei ci sarà un lockdown a Natale?

«Diciamo che, se guardo al periodo natalizio, temo la situazione non sarà affatto piacevole. Il punto è che bisogna essere in grado di giocare d’anticipo, e non di inseguire il virus».

Il numero dei decessi rimane comunque contenuto…

«Perché siamo in grado di gestire meglio il paziente. Le cure sono migliori, per cui migliore è l’effetto. Ma questo può durare finché il sistema regge».

Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *