Categorie
ATTUALITÀ Coronavirus (COVID-19) Italia Protezione civile Sanità

Coronavirus, nuovo tragico bollettino della Protezione civile: 793 morti in un giorno, ora sono 4825. 4821 nuovi contagi, 943 i guariti

Record di morti in un solo giorno. Il punto della situazione in Italia del 21 marzo nel bollettino diffuso dal commissario per l’emergenza Angelo Borrelli
L’articolo Coronavirus, nuovo tragico bollettino della Protezione civile: 793 morti in un giorno, ora sono 4825. 4821 nuovi contagi, 943 i guariti proviene da Open. …


Il bollettino del 21 marzo

L’Italia registra un nuovo tragico record di morti per coronavirus: sono 793 le persone decedute nelle scorse 24 ore, mentre ieri, 20 marzo, i nuovi decessi erano stati 627. Lo ha detto il commissario per l’emergenza Angelo Borrelli nel consueto appuntamento quotidiano in cui ha illustrato l’ultimo bollettino.

Il totale delle vittime sale così a 4825. Il numero dei positivi attuali sale a 42.681 pazienti, con 4.821 nuovi casi in un giorno, che portano il totale nazionale a 53.578 persone colpite finora. Quanto alle guarigioni, nelle ultime 24 ore sono guariti 943 pazienti, e dunque il totale delle guarigioni sale a 6.072 persone.

I pazienti ricoverati in strutture ospedaliere con sintomi sono al momento 17.708, di cui 2.857 in terapia intensiva. 22.116 sono invece le persone in isolamento domiciliare in tutta Italia. I numeri più pesanti arrivano ancora una volta dalla Lombardia, dove in un solo giorno si sono contati 3.095 morti e 3251 nuovi contagi. Cifre temute dal presidente lombardo Attilio Fontana, che ha chiesto a più riprese misure più drastiche da parte del governo per limitare gli spostamenti non necessari.

La conferenza stampa

[embedded content]

I pazienti attualmente positivi regione per regione

In base ai dati ufficiali della Protezione Civile, il numero di persone al momento positive al SARS-CoV-2 è così distribuito di regione in regione:

I pazienti attualmente positivi regione per regione

Il parere degli esperti

Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *