Categorie
ATTUALITÀ Coronavirus (COVID-19) Francia Indonesia Italia Lombardia Protezione civile Sanità Scuola

Coronavirus, ultime notizie – Azzolina: «Scuole chiuse per il principio di massima precauzione». Francia, centinaia di commercianti protestano contro il lockdown

La ministra dell’Istruzione non si sbilancia sulla data di rientro in classe. Brusco colpo ai mercati in Indonesia, la prima economia del sud-est asiatico e il quarto paese più popoloso al mondo: è in recessione dopo 20 anni di crescita. In Francia il nuovo lockdown nazionale fa esplodere la rabbia tra i commercianti
L’articolo Coronavirus, ultime notizie – Azzolina: «Scuole chiuse per il principio di massima precauzione». Francia, centinaia di commercianti protestano contro il lockdown proviene da Open. …


Ultimi bollettini:

Per saperne di più:

Sale a oltre 48,1 milioni il bilancio dei contagi da Coronavirus nel mondo. Stando a quanto registrato dalla dashboard della Johns Hopkins University, i decessi toccano quasi quota 1,25 milioni. Il Paese più colpito in termini assoluti restano gli Stati Uniti, con quasi 9,4 milioni di casi e oltre 233 mila vittime. Seguono l’India, con oltre 8,3 milioni di casi e più di 124 mila decessi, e il Brasile, con quasi 5,6 milioni di contagi e oltre 161 mila vittime.

FRANCIA

Parigi, FranciaEPA/YOAN VALAT | Parigi, Francia

Grande manifestazione dei commercianti contro il lockdown

Tornano le proteste in Francia contro le nuove restrizioni anti-Coronavirus del governo. A Bayonne, nel Sud-ovest, sono stati centinaia i proprietari e gestori di esercizi commerciali che hanno manifestato perché non inclusi tra le attività che possono rimanere aperte nel nuovo lockdown imposto dal presidente Emmanuel Macron.

Secondo quanto riportato da France Presse, i manifestanti vogliono riaprire il prima possibile: «Non vogliamo che il Covid ci uccida in un altro modo», ha detto una di loro all’agenzia di stampa. «Se non ci lasciano lavorare falliremo». Intanto la situazione dei contagi da Covid-19 nel Paese resta difficile: nelle ultime 24 ore sono stati 40.558 i nuovi casi positivi al Covid-19 da ieri in Francia. Le vittime salgono a 38.674: ieri ne sono morte altre 394.

INDONESIA

Distanza di sicurezza in un cinema, Giacarta, Indonesia EPA/MAST IRHAM | Distanza di sicurezza in un cinema, Giacarta, Indonesia

In recessione dopo 20 anni

Erano più di 20 anni che non si verificava una recessione. Era il biennio 1998-1999 quando, durante una crisi della valuta, l’Indonesia ebbe l’ultimo brusco freno economico. Ora il Paese, colpito come tutto il mondo dalla pandemia da Coronavirus, ha registrato una contrazione dei mercati per il terzo trimestre consecutivo. Secondo quanto comunicato dall’agenzia statistica nazionale, quella che è la più grande economia del Sud-est asiatico (nonché il quarto Paese più popoloso al mondo) è crollata del 3,49% su base annua a luglio-settembre.

Nel trimestre aprile-giugno, il calo era stato del 5,3%. A risentire di più in assoluto del crollo sono stati i settori del turismo, del commercio e dell’edilizia. A partire da ottobre, in Indonesia – soprattutto nella capitale, Giacarta – ci sono state diverse proteste contro la riforma del lavoro approvata il 5 ottobre dal parlamento. La legge porterebbe a una riduzione degli stipendi, della liquidazione e dei giorni di ferie, oltre a rendere più facile la stipulazione dei contratti a tempo determinato.

ITALIA

Lucia AzzolinaROBERTO MONALDO/ LAPRESSE| La ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina

Azzolina: «Prematuro pensare agli esami di maturità»

Torna il lockdown, tornano le zone rosse e, di conseguenza, torna la didattica a distanza. Da domani, 6 novembre, studenti del liceo, delle università e anche delle medie in alcune regioni si ritroveranno a fare lezione davanti al pc. La nuova misura, imposta dal governo per frenare l’ascesa dei contagi da Coronavirus, continua a non piacere alla ministra Lucia Azzolina, che tutta l’estate aveva lavorato per assicurare il rientro a scuola in sicurezza a circa 8 milioni di studenti.

«In Italia la scuola non è stata mai considerata nello stesso modo che negli altri Paesi», ha detto Azzolina in un’intervista al Corriere della Sera, spiegando perché in Francia e in Germania non sono state chiusi gli istituti e in Italia sì. «E poi abbiamo seguito il principio di massima precauzione». Quando si tornerà in classe non è ancora pronosticabile. E nemmeno se i maturandi faranno l’esame ridotto anche quest’anno. «È un po’ prematuro – ha detto -, affronteremo il problema a tempo debito».

Link utili

Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *