Categorie
ATTUALITÀ Cina Coronavirus (COVID-19) Emmanuel Macron Francia Italia Lombardia Protezione civile Sanità

Coronavirus, ultime notizie – Francia verso il lockdown, oggi l’annuncio di Macron. Cina, mai così tanti contagi da agosto

Sono quasi 44 milioni i casi di contagio in tutto il mondo e più di 1,1 milioni le vittime. In Italia intanto si fanno i conti con il coprifuoco e le chiusure alle 18 e il Sud Tirolo diventa l’ultima enclave dove è possibile andare a cena. In Cina 44 nuovi positivi, non succedeva da agosto. La Francia verso il lockdown
L’articolo Coronavirus, ultime notizie – Francia verso il lockdown, oggi l’annuncio di Macron. Cina, mai così tanti contagi da agosto proviene da Open. …


Ultimi bollettini:

Per saperne di più:

Secondo gli ultimi dati sui contagi a livello globale di Coronavirus, i casi registrati dall’inizio dell’emergenza sanitaria dalla dashboard della Johns Hopkins University in tutto il mondo sono quasi 43,9 milioni, mentre il totale delle vittime sale a 1,1 milioni di persone. Gli Stati Uniti restano come ormai da tempo lo Stato più falcidiato dalla pandemia con oltre 8,7 milioni di contagi. Segue l’India, con quasi 7,9 milioni di casi, e il Brasile con 5,4 milioni di positivi.

CINA

Pechino, CinaEPA/Wu Hong | Pechino, Cina

Boom di contagi in Cina, mai così tanti dal 10 agosto

Secondo il bollettino quotidiano diffuso dalle autorità locali, la Cina ha registrato nelle ultime 24 ore – dato aggiornato a martedì 27 ottobre – il numero più alto di casi dal 10 agosto scorso: 42 ora, 44 allora. A pesare è in particolare un cluster nella regione del nordovest di Xinjiang. 22 casi di infezione domestica sono stati riscontrati, a detta della Commissione sanitaria nazionale, nell’area di Kashgar: qui lo screening a tappeto ha rilevato anche 19 casi di persone positive e asintomatiche.

I contagi importati nel resto del Paese sono invece 20: 7 nella municipalità di Shanghai, 6 nella provincia di Shaanxi, 2 nella provincia del Guangdong, 1 a Tianjin comune, 1 nella provincia di Hebei, 1 nella regione autonoma della Mongolia Interna, 1 nella provincia dell’Henan e 1 nella provincia del Sichuan.

In Cina il computo totale dei contagi arriva a 85.868, con 4.634 persone decedute. Secondo le autorità di Kashgar, ieri sono terminati i test sui 4,75 milioni di residenti: e sono emerse 183 persone positive a Covid-19. Il cluster era già stato rilevato da alcuni giorni e si colloca in una fabbrica di abbigliamento.

FRANCIA

EPA/Mohammed Badra | Una stazione della metropolitana poco prima del coprifuoco a Parigi, Francia, 27 ottobre 2020.

Macron pronto a chiudere quasi tutto e prepara il paese al lockdown nazionale

L’appuntamento è per stasera: Emmanuel Macron come anticipato, parlerà alla Francia. Il virus infatti continua a correre non solo in Italia, ma prepotentemente in tutta Europa, e la Francia resta tra i paesi dove il numero quotidiano di contagi e decessi preoccupa pesantemente: ieri 33 mila nuovi casi e 523 vittime. Ecco allora che il paese potrebbe essere il primo in Europa a varare una nuova serrata totale, anche se con modalità differenti rispetto a quanto accaduto nella prima ondata e a marzo. Mentre la vicina Germania va verso un lockdown light.

Le risposte sul tavolo di Macron sono variegate, posto che il sistema è sotto assedio, tutti i mezzi per combattere il virus sono ormai impiegati, e il collasso, a detta dello stesso governo, appare vicino. Un lockdown solo nel weekend? O serrate locali e puntuali? O ancora: limitazioni solo per le categorie più fragili? Quest’ultima ipotesi è già stata bocciata dalla stessa amministrazione per evidenti difficoltà di applicazioni.

Di certo la seconda ondata, attesa, ha colto di sorpresa autorità politiche e scientifiche per la sua velocità e brutalità. Nemmeno qui si è riusciti a seguire lo schema testare-tracciare-isolare. Nemmeno qui è arrivato quel promesso, atteso e necessario reale potenziamento delle strutture sanitarie. Il personale medico manca (come in Italia) e ci sono zone già arrivate allo stremo. Ecco allora che, scrive Anais Ginori su la Repubblica, Macron stasera dovrà trovare le parole giuste per spiegare alla Francia l’arrivo di un nuovo lockdown e restrizioni che potrebbero partire già stasera.

ITALIA

Sud TiroloNeedpix | Sud Tirolo

Cene e feste nel Sud Tirolo dove i locali sono ancora aperti dopo le 18

Rifugiarsi, si fa per dire, nell’ultima enclave italiana dove è ancora possibile andare a cena o in un locale dopo le 18. Accade in Sud Tirolo e lo racconta oggi la Repubblica attraverso le storie di Andrea e Raffaella, per esempio. Partono da Verona e dopo poco più di un’ora e mezzo e 150 chilometri possono prendere posto nel cuore di Bolzano e gustare i tipici canederli e festeggiare i loro vent’anni di matrimonio.

I clienti dei locali della zona vengono dal Veneto o da Innsbruck, ma anche da Lombardia, Svizzera e Austria, in barba alle “raccomandazioni” a evitare gli spostamenti, leciti e non vietati, e attirati dalla “libertà” delle province autonome di Trento e Bolzano. Dove i contagi crescono, ma le cene fuori sono ancora consentite a differenza del resto d’Italia.

Un abisso che rende ancora più “plasticamente” sulle rive del lago di Garda, dove da un lato le località turistiche veneto-lombarde chiudono le serrande, mentre dall’altro, a nemmeno 30 km, restano aperte. Willy, chef del Vogele, racconta che stanno fioccando le prenotazioni per il prossimo fine settimana di Ognissanti. «Una boccata di ossigeno».

In copertina EPA/Mohammed Badra | Persone in coda davanti a un laboratorio per test COVID-19 a Parigi, Francia, 9 ottobre 2020.

Link utili

Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *