Categorie
ATTUALITÀ Australia Corea del Sud Coronavirus (COVID-19) Italia Lombardia Protezione civile Sanità

Coronavirus, ultime notizie – In Australia prolungate le restrizioni verso i viaggi all’estero. La Corea del Sud torna sotto quota 200 contagi giornalieri

Finisce lo sciopero dei medici sudcoreani, in protesta dal 21 agosto. In Australia il governo ha deciso di prolungare fino al 17 dicembre il blocco delle navi da crociera. In Italia 7 genitori su 10 temono il ritorno a scuola
L’articolo Coronavirus, ultime notizie – In Australia prolungate le restrizioni verso i viaggi all’estero. La Corea del Sud torna sotto quota 200 contagi giornalieri proviene da Open. …


Ultimi bollettini:

Per saperne di più:

Il bilancio complessivo dei contagiati nel mondo è di 26.310.505 persone. Continua la crescita di casi negli Stati Uniti che dall’inizio dell’emergenza Coronavirus hanno raggiunto quota 6.150.998. Secondo i dati forniti dalla Johns Hopkins University, il secondo e il terzo Paese più colpito dalla pandemia sono il Brasile, con 4.041.638 casi, e l’India, con quasi 4 milioni di contagi (3.936.747). Il totale delle vittime mondiali è salito a quota 868.805 con Messico e Regno Unito tra le Nazioni con il più alto numero di morti con rispettivamente 66.329 e 41.616 decessi.

COREA DEL SUD

EPA/JEON HEON-KYUN | Seul, Corea del Sud

I medici mettono fine allo sciopero. Nuovi contagi sotto quota 200

Per il secondo giorno consecutivo il numero di casi da Coronavirus confermati in Corea del Sud è rimasto sotto quota 200 dopo che le regole di distanziamento sociale sono state inasprite. Il bilancio dei casi dall’inizio dell’emergenza è così salito a 20.842 e i nuovi decessi sono stati 331. Circa il 70% dei nuovi casi si è verificato nell’area metropolitana densamente popolata di Seul. Le autorità della zona hanno limitato i pasti nei ristoranti e ordinato la chiusura di chiese, locali notturni e doposcuola.

Intanto i medici sudcoreani hanno deciso di mettere fine allo sciopero iniziato due settimane fa. Il primo ministro Chung Sye-Kyun ha annunciato un accordo tra il governo, il partito e l’Associazione medica coreana. Un portavoce dell’Associazione ha detto che era previsto un evento per firmare un accordo, ma nulla era definitivo fino a quando non si svolgerà effettivamente. Circa 16.000 medici interni e residenti sono stati in sciopero dal 21 agosto.

AUSTRALIA

EPA/DAN HIMBRECHTS | Sidney, Australia

Prolungate le restrizioni sui viaggi all’estero e il blocco delle navi da crociera

Sono 59 i decessi e 81 i nuovi casi di contagio registrati in Australia e provenienti da case di cura. Per un bilancio complessivo che è arrivato a quota 737 vittime e 26.136 positivi. I funzionari dello Stato di Victoria affermano che i 59 decessi sono state determinate dal ricalcolo dei numeri di luglio e agosto. A Melbourne, in particolare, l’epidemia ha visto dozzine di casi tra gli anziani delle case di cura. Intanto il governo ha deciso di prolungare fino al 17 dicembre lo stato di emergenza in vigore dal 18 marzo che prevede il blocco delle navi da crociera e restrizioni ai viaggi all’estero.

Il ministro federale della sanità Greg Hunt ha affermato che l’estensione segue la consulenza medica ed epidemiologica fornita dall’Australian Health Protection Principal Committee. Hunt ha detto che l’AHPPC ha informato che la situazione internazionale e nazionale del COVID-19 continua a rappresentare un rischio per la salute. La dichiarazione di emergenza sulla biosicurezza umana garantisce che il governo abbia il potere di adottare tutte le misure necessarie per prevenire e controllare il Covid-19 e proteggere la salute di tutti gli australiani.

ITALIA

ANSA/FILIPPO VENEZIA | Brescia, Italia

Sondaggio Ipsos: 7 genitori su 10 sono preoccupati dal ritorno a scuola

Pronti e via. A dieci giorni dalla riapertura delle scuole, le domande sul tavolo sono ancora molte. E la ripresa delle lezioni preoccupa non poco i genitori. Secondo un sondaggio Ipsos 7 genitori su 10 si dicono preoccupati e timori e incertezze aggravano le condizioni delle famiglie più fragili. Un allarme lanciato da Save the Children sulla base dei risultati dell’indagine su un campione di 2.370 persone.

La principale ansia è data dall’incertezza sulle modalità di ripresa (60%), seguita dai rischi legati al mancato distanziamento fisico (51%). 1 genitore su 10 crede di non potersi permettere l’acquisto dei libri, 2 su 10 temono di non poter più sostenere il costo della mensa scolastica.

Link utili:

Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *