Categorie
Abruzzo ATTUALITÀ Basilicata Calabria Campania Coronavirus (COVID-19) Emilia-Romagna Fase 2 Fase 3 Friuli-Venezia Giulia Governo Conte II Italia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise OMS Protezione civile Puglia RSA Sanità Sardegna Scuola Sicilia Toscana Trentino-Alto Adige Umbria Veneto

Coronavirus, ultime notizie – In Italia calano i decessi: +15. In Lombardia 41 pazienti in terapia intensiva. Crisanti: «L’Italia non è una bolla protetta»

In Italia sono 14.884 le persone attualmente positive al Covid-19, il numero dei pazienti guariti adesso è 191.467. Dombrovskis: «Il Mes è disponibile per tutti nell’area euro, ma tocca ai governi decidere». Zangrillo insiste: «La capacità del virus di produrre malattia è uniformemente scomparsa nel contesto nazionale». Crisanti sul focolaio veneto: «L’Italia non è una bolla protetta»
L’articolo Coronavirus, ultime notizie – In Italia calano i decessi: +15. In Lombardia 41 pazienti in terapia intensiva. Crisanti: «L’Italia non è una bolla protetta» proviene da Open. …


Per saperne di più:

Ultimi bollettini:

La storia di Simona e Manuel: «Altro che figli: torniamo a vivere da papà»

ANSA/Nicola Fossella | Una coppia di fidanzati con mascherina anti contagio. 15 marzo 2020, Padova

Fare figli? Già in condizioni ordinarie è un “lusso” che non tutte e tutti possono permettersi. Figuriamoci in tempi di crisi da Coronavirus. E così su La Stampa ecco la storia di Simona e Manuel, 31 anni lei, 26 lui. Lei, che lavorava come receptionist in uno studio legale, lasciata a casa e a cui il Fis – il fondo di integrazione salariale, visto che la cooperativa per cui lavorava non rientrava nella applicabilità della cassa integrazione – è pure arrivato in ritardo.

Lui, tirocinante in un bar, ha perso il lavoro immediatamente. Senza accesso a indennità di sorta o bonus. Risultato? Non solo fare un figlio è impensabile. Ma i due hanno anche dovuto lasciare l’appartamento in affitto dove stavano a Milano e ripiegare in casa del papà di lei. Secondo l’Istat, a causa della crisi da Covid non nasceranno almeno 10mila bambini.

Veneto, ecco le tappe che hanno scatenato il focolaio vicentino

TWITTER | Una foto tratta dal profilo Twitter del presidente della Regione Veneto, Venezia, 29 Giugno 2020.

Per lui ha invocato, andando su tutte le furie, il Tso. Anzi, il carcere. Sono state queste le parole con cui il governatore del Veneto, il leghista Luca Zaia, ha parlato del focolaio nel vicentino scatenato dal comportamento «irresponsabile » di un imprenditore di un’azienda vicina a Vo’ Euganeo.

La task force anti-Coronavirus della Regione ha tracciato gli spostamenti dell’uomo visto come “untore”: alla riapertura delle frontiere ha immediatamente intrapreso un viaggio di lavoro in Serbia con un operaio. Nel suo paese di origine è entrato in contatto con un 70enne poi risultato positivo. Tornato in Veneto, il 20 giugno, è poi ripartito con due operai e nuovamente rientrato cinque giorni dopo. Poi la febbre. Ora l’uomo è in terapia intensiva. Ma nel frattempo, nonostante i sintomi e il tampone poi risultato positivo, ha continuato ad andare in giro in occasioni “sociali” – compresi una festa e un matrimonio.

Dombrovskis: «Il Mes è come chiesto dall’Italia»

EPA/OLIVIER HOSLET | Valdis Dombrovskis a Bruxelles, Belgio, 18 febbraio 2015

Il Mes come risposta alla grave crisi economica e sociale causata dalla pandemia di Coronavirus in Europa? «È disponibile per tutti nell’area euro, ma tocca ai governi decidere». Di certo il punto che l’Italia sollevava con grande forza sulla condizionalità «è stato soddisfatto in pieno»: il programma «è stato disegnato in modo che non ce ne sia; il solo requisito è che i soldi siano spesi in spesa sanitaria diretta e indiretta. Non c’è condizionalità macroeconomica o finanziaria». A dirlo, in un’intervista a Corriere Economia, è Valdis Dombrovskis.

Il vicepresidente della Commissione europea che coordina la risposta alla recessione da Covid avverte che il sistema europeo ha in qualche modo fretta di cominciare a chiudere le partite degli strumenti finanziari: «Il Patto di stabilità non è sospeso. Abbiamo solo attivato la “General Escape Clause”, la clausola generale di fuga, che certo ha conseguenze importanti e infatti non stiamo indicando ai governi obiettivi di debito e di deficit. Ma questa clausola ha anche chiare condizioni di scadenza e si applica in caso di una severa contrazione dell’economia», avverte.

Zangrillo: «Sì il virus circola, ma è più debole»

ANSA | Alberto Zangrillo

Torna sulla questione della carica virale di Sars Cov-2 Alberto Zangrillo, noto alle cronache come medico di Silvio Berlusconi, prorettore dell’Università Vita e Salute del San Raffaele di Milano e voce protagonista dei dibattiti degli ultimi tempi sulla situazione epidemiologica del paese. Il quadro sta volgendo al meglio spiega Zangrillo in un’intervista al Corriere della Sera.

«La capacità del virus di produrre malattia è uniformemente scomparsa nel contesto nazionale», dice Zangrillo. L’evidenza, spiega, è «nelle cartelle cliniche». Esclude anche l’arrivo di una seconda ondata. Il virus circola ancora, ma «in modo ‘benigno’».

Crisanti attacca i politici: «Messaggi contraddittori»

ANSA/FILIPPO VENEZIA | Il direttore del dipartimento di Medicina molecolare e virologica dell’Università di Padova, Andrea Crisanti, esce dalla procura di Bergamo dopo un colloquio con i magistrati che si occupano delle inchieste sulle conseguenze del coronavirus nel Bergamasco, 22 giugno 2020.

Andrea Crisanti, microbiologo di Padova e promotore dell’uso dei tamponi in Veneto, torna a commentare in un’intervista a la Repubblica il caso del focolaio nel vicentino per cui il governatore Luca Zaia su nuove restrizioni a partire da lunedì. Ce l’ha con i politici, da cui sono arrivati «messaggi contraddittori». Che il periodo sarebbe stato costellato da diversi focolai era «prevedibile», aggiunge.

L’Italia «non è una bolla protetta, l’altro giorno nel mondo ci sono stati 215 mila casi in 24 ore, è impossibile pensare di restarne fuori». I focolai sono «inevitabili» ma vietare gli assembramenti non è inutile, dice Crisanti. Risulta «difficile da far rispettare». E per l’autunno «la situazione potrebbe diventare caotica», con più focolai e «falsi allarmi dovuti a banali malattie da raffreddamento».

Il messaggio di Mattarella a Donald Trump

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha inviato a Donald Trump gli auguri per l’Independence Day, la festa in cui il 4 luglio gli Stati Uniti celebrano la Dichiarazione di indipendenza delle colonie dal Regno Unito. «Lo storico e profondo legame fra Italia e Stati Uniti è stato riaffermato con vigore anche nell’attuale drammatica emergenza sanitaria», dice Mattarella parlando dell’epidemia. «Il rapporto fra Stati Uniti e Italia non potrà che emergere ancora più solido nella costante condivisione dei principi di libertà, pace, giustizia e democrazia», aggiunge nel messaggio.

Zingaretti attacca Salvini: «Irresponsabile un politico che senza mascherina si fa le foto in mezzo alle persone»

ANSA/FABIO FRUSTACI | Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, durante l’inaugurazione della nuova barriera antirifiuti realizzata sul fiume Aniene, nella riserva naturale gestita da RomaNatura alla periferia est di Roma, 22 giugno 2020.

Il segretario del Partito Democratico Nicola Zingaretti ha attaccato dal palco della Festa dell’Unità di Modena Matteo Salvini per i selfie fatti senza mascherina e seza rispettare nessuna misura per il distanziamento sociale: «Il Coronavirus ancora non è sconfitto e guai a quei politici che se lo dimenticano: io giudico irresponsabile un politico che senza mascherina si fa le foto in mezzo alle persone senza mascherina».

Bergamo e Brescia capitale italiane della cultura per il 2023

La commissione Bilancio della Camera ha votato un emendamento al decreto Rilancio nel quale sono state designate Bergamo e Brescia come capitali italiane della cultura per l’anno 2023. Con un commento su Facebook il viceministro dell’Economia e delle Finanze e senatore Pd Antonio Misiani, bergamasco, ha voluto ricordare cosa hanno passato le due città lombarde durante la pandemia di Covid-19.

Link utili:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *