Categorie
Algeria ATTUALITÀ Coronavirus (COVID-19) Germania Italia Lockdown Lombardia Protezione civile Sanità

Coronavirus, ultime notizie – La Germania annuncia che il lockdown parziale durerà diversi mesi. Coprifuoco in Algeria

«Forti restrizioni fino a Pasqua!» è il titolo che la Bild dà all’intervista a Peter Altmaier: il ministro prevede la proroga delle misure per il contenimento del contagio. Il governo algerino chiude centri sportivi, culturali e spiagge. Una storia a lieto fine arriva dal Comasco. Il medico Giuseppe Vallo, che ha curato un paziente di 90 anni, scrive su Facebook: «Noi abbiamo salvato te, ma tu hai salvato noi»
L’articolo Coronavirus, ultime notizie – La Germania annuncia che il lockdown parziale durerà diversi mesi. Coprifuoco in Algeria proviene da Open. …


Ultimi bollettini:

Per saperne di più:

Sono 54,4 milioni i casi di Coronavirus registrati nel mondo: lo dice la dashboard della Johns Hopkins University, che segnala anche 1,3 milioni di vittime totali. Gli Stati Uniti sono arrivati a contare 11 milioni di contagi da quando è iniziato il monitoraggio della pandemia. L’India è il secondo Paese più colpito al mondo, con 8,8 milioni di infezioni registrate. Al terzo posto c’è il Brasile: 5,8 milioni di casi di positività al Sars-CoV-2. Il Paese più impattato in Europa e quarto al mondo per numero di infezioni è la Francia, con 1,9 milioni di contagi.

GERMANIA

Ansa | Berlino, Germania

Misure anti-coronavirus in vigore per diversi mesi

Mentre in Italia si discute come festeggiare il Natale, dalla Germania arriva la notizia che i provvedimenti di contenimento del contagio saranno prorogati per diversi mesi. Tradotto? Il lockdown light imposto al Paese non finirà, probabilmente, questo dicembre. «Dovremo convivere con notevoli precauzioni per almeno i prossimi quattro-cinque mesi» ha dichiarato Peter Altmaier, ministro dell’Economia alla Bild.

«Forti restrizioni fino a Pasqua!» titola il quotidiano tedesco. È attesa in giornata una riunione del governo per decidere se estendere da subito le misure anti-Coronavirus e se pianificare, come fatto dalla vicina Austria, uno screening di massa sulla popolazione.

ALGERIA

RYAD KRAMDI / AFP | Algeri, Algeria

Coprifuoco notturno su buona parte del Paese

L’Algeria ha deciso di introdurre misure più stringenti, domenica 15 novembre, per contenere il contagio: dopo i picchi di infezioni registrati nelle ultime giornate, il governo ha ordinato la chiusura dei centri sportivi, culturali e delle spiagge. «Stiamo vivendo una fase preoccupante», è il messaggio che l’amministrazione lancia ai cittadini, invitandoli alla collaborazione per contrastare la pandemia.

Dall’inizio del monitoraggio, nel Paese sono stati registrati oltre 68 mila casi, con almeno 2.100 decessi. Lo stesso presidente Abdelmadjid Tebboune, contagiato, lo scorso mese è stato ricoverato in un ospedale tedesco per le cure. Intanto, il gabinetto del primo ministro algerino ha già annunciato che, presto, sulla maggior parte del territorio sarà imposto un coprifuoco notturno.

ITALIA

ANSA / MATTEO BAZZI | Como, Italia

Como, salvato un paziente di 90 anni che chiedeva di essere lasciato morire

«Noi abbiamo salvato te, ma tu hai salvato noi». È una storia a lieto fine quella che è avvenuta nel reparto di Riabilitazione respiratoria del Lanzo Hospital, nel Comasco. A raccontarla, Giuseppe Vallo, responsabile medico di quel reparto. Il paziente-protagonista è un anziano di 90 anni, arrivato in ospedale con uno stadio avanzato della Covid-19. Allettato, aveva stretto la mano al medico dicendogli: «Dottore, ho 90 anni e ho fatto tutto quello che dovevo nella mia vita, lasciami andare».

Medici e infermieri di quel reparto, però, non si sono dati per vinti. Vallo racconta che «nei suoi occhi ho rivisto quelli di mio padre, che ha la stessa età, e la sua richiesta spiazzante e allo stesso tempo così umile mi ha provocato una stretta al cuore tale, che sembrava fossi io quello a cui mancava l’ossigeno».

Dopo 15 giorni di terapia intensiva, gli operatori sanitari hanno tolto il casco Cpap dal paziente: è guarito e, adesso, il 90enne sta seguendo una riabilitazione per riacquistare la mobilità. «Ci ha ringraziato così tante volte per quello che abbiamo fatto per lui – ha spiegato Vallo -, ma in realtà non sa che siamo noi ad essere grati a lui perché il suo inizio di guarigione ci dà la speranza e la voglia di continuare a lottare ogni giorno».

Link utili

Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *