Categorie
ATTUALITÀ Belgio Coronavirus (COVID-19) FMI Francia Italia Lombardia Milano Olanda Pakistan Protezione civile Regno Unito Russia Sanità Scuola USA

Covid-19, ultime notizie – Fmi: «Il virus brucerà 28 miliardi di dollari nei prossimi 5 anni». Regno Unito, il sindaco di Londra Sadiq Khan: «Vicini al punto critico»

Dagli 11 miliardi persi nell’anno 2020-2021 si passerà a una crescita esponenziale fino al 2025. Il sindaco di Londra annuncia: «Al momento siamo in allerta media ma i londinesi devono essere consapevoli che la nostra situazione potrebbe cambiare molto rapidamente». Scuola a distanza, Zaia: «Sono stato io a proporla»
L’articolo Covid-19, ultime notizie – Fmi: «Il virus brucerà 28 miliardi di dollari nei prossimi 5 anni». Regno Unito, il sindaco di Londra Sadiq Khan: «Vicini al punto critico» proviene da Open. …


Ultimi bollettini:

Per saperne di più:

Sono 37,8 milioni le persone, nel mondo, che hanno contratto il nuovo Coronavirus. Più della metà di esse si concentra in soli tre Paesi: 7,8 milioni negli Stati Uniti, 7,1 milioni in India a 5,1 milioni in Brasile. I dati raccolti ed elaborati graficamente dalla Johns Hopkins University segnalano anche che, a livello globale, sono morti circa un milione e 80 mila pazienti Covid-19.

FMI

Gita Gopinath (FMI)ANSA | Gita Gopinath, capo economista del Fondo Monetario internazionale

Fmi: «La crisi peggiore dalla Grande Depressione»

Il capo economista del Fondo Monetario Internazionale, Gita Gopinath, sembra non avere dubbi su quanto raccolto nell’ultimo studio relativo all’impatto economico della pandemia da Covid-19. Il virus brucerà 28 miliardi di dollari tra il 2020 e il 2025, con una cifra che si andrà dunque ad ampliare, partendo dagli 11 miliardi persi nell’anno 2020-2021. «Questa è la crisi peggiore dalla Grande Depressione» ha commentato Gopinath, parlando di cicatrici che lasceranno un segno importante nel medio termine.

«Il mercato del lavoro impiegherà tempo per riprendersi» ha spiegato, «e gli investimenti sono trattenuti dall’incertezza». Il sistema economico mondiale sta cercando di arginare come possibile il crollo di produttività in molti ambiti. Per queste ragioni secondo Gopinath le azioni delle banche centrali e gli stimoli di bilancio per 12 miliardi di dollari hanno «prevenuto una catastrofe finanziaria» e «salvato molte vite».

REGNO UNITO

Sadiq KhanEPA/WILL OLIVER | Il sindaco di Londra Sadiq Khan

Sindaco di Londra preoccupato, città a un passo dal «punto critico»

Nei prossimi giorni sarà «inevitabile» per Londra il superamento del «punto critico». A dirsi preoccupato è il sindaco Sadiq Khan che ha parlato di indicatori allarmanti sotto tutti i punti di vista. «I dati, dalle terapie intensive, ai ricoveri in ospedale, al numero dei contagiati tra le persone anziane» ha spiegato il sindaco, «stanno andando tutti nella direzione sbagliata». Una condizione che preoccupa anche il primo cittadino della capitale inglese, che al momento sembra essere stata posta al primo dei tre livelli di restrizione. «Al momento siamo in allerta media» ha confermato Khan, «ma i londinesi devono essere consapevoli che la nostra situazione potrebbe cambiare molto rapidamente».

ITALIA

Una classe fa lezione in presenzaANSA | Una classe fa lezione in presenza

Zaia: «A proporre la didattica a distanza sono stato io»

All’indomani della riunione tra Stato e Regioni sulle nuove misure anti-Covid e del nuovo Dpcm arrivato nelle ore successive, continua il dibattito sulle restrizioni scelte e sulle proposte da parte di governo e amministrazioni regionali che invece sono state messe da parte. Una di queste è proprio la possibilità per gli istituti scolastici superiori di tornare alla didattica a distanza, non inserita nel Dpcm del governo e attribuita, subito dopo l’incontro di ieri, al presidente della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini.

A rivendicare la paternità della proposta oggi è il governatore del Veneto, Luca Zaia. «Sveliamo un piccolo segreto» ha detto, «la questione della didattica a distanza per le scuole l’ho posta io». Zaia ha spiegato che l’idea era rivolta alle classi degli ultimi 2-3 anni delle superiori e che era mirata a rispondere al problema legato ai trasporti pubblici. «In Veneto» ha ricordato, «ci sono 707.000 giovani che ogni giorno vanno a scuola con i mezzi». Dalla ministra Azzolina è arrivato un categorico rifiuto: «Speriamo non ci si ritrovi a dover chiudere le scuole di nuovo», ha commentato Zaia.

Fontana: «A Milano misure sufficienti»

Attilio Fontana ANSA/Matteo Corner | Il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana

La città di Milano è l’osservata speciale della Lombardia. Data la crescita preoccupante di contagi di Coronavirus registrati la settimana scorsa, l’amministrazione Regionale ha discusso ieri sulle possibilità di attuare ulteriori limitazioni sul territorio. Secondo il presidente della giunta Attilio Fontana, però, «al momento le misure già in vigore sono sufficienti»: quel che bisogna fare, dice, è «accentuare i controlli».

Fontana ha sottolineato che il problema vero sono gli assembramenti, «questa movida che sta portando a contagiare soprattutto i giovani». Per quanto riguarda il nuovo Dpcm approvato ieri nell’incontro con le Regioni, Fontana ha confermato che nessuno dei presidenti ha avuto nulla da obiettare: l’importante era evitare un lockdown e una stretta troppo invasiva sulle attività della ristorazione.

Giro d’Italia: 2 nuovi corridori e 6 membri dello staff positivi

Giro d'Italia 2020ANSA/LUCA ZENNARO | Giro d’Italia 2020

C’è anche Steven Kruijswijk tra i fermati al Giro d’Italia dopo il tampone positivo. L’olandese era insieme a Simon Yates uno dei favoriti alla maglia rosa. Tra i ciclisti che sono stati costretti ad abbandonare la gara c’è anche l’australiano Michael Matthews della Sunweb. Quest’ultimo è attualmente asintomatico e in buona salute.« Tutti gli altri corridori e il personale hanno restituito un test negativo – informa la Sunweb – in questa fase nessun altro membro del team mostra sintomi da Covid-19». Matthews aveva indossato la maglia rosa durante il Giro del 2015. Mentre Kruijswijk si trovava 11esimo in classifica con un ritardo di 1’24” dal primo posto detenuto al momento da Joao Almeida.

Il Teatro alla Scala annulla la campagna abbonamenti

Teatro alla ScalaANSA/UFFICIO STAMPA TEATRO ALLA SCALA/BRESCIA-AMISANO | Una veduta interna del Teatro alla Scala prima della “Turandot”, Milano

È uno dei palcoscenici più famosi di Europa ma, nella prossima stagione teatrale, il sipario potrebbe restare chiuso a lungo. La Scala di Milano ha deciso di annullare la campagna di abbonamenti, viste le incertezze dettate dalla recrudescenza dell’epidemia in Italia. Ad oggi, per permettere la fruizione in sicurezza, la capienza è stata ridotta di un terzo: dagli oltre 2 mila posti disponibili si è passati a 700, con le relative perdite economiche.

I danni economici, però, rischiano di essere ancora più pesanti: l’anno scorso le sottoscrizioni stagionali avevano permesso al teatro di incassare circa 15 milioni di euro. Quest’anno, il sovrintendente Dominique Meyer ha deciso di non andare oltre tre mesi di programmazione, annullando la possibilità di acquistare abbonamenti per tutta la stagione. Non accadeva dal dopoguerra e l’ultima volta che fu presa una decisione simile in tempo di pace risale al 1920, esattamente un secolo fa.

BELGIO

Bruxelles, Belgio EPA/STEPHANIE LECOCQ | Bruxelles, Belgio

I contagi salgono del +79%

Il Belgio è il paese europeo che preoccupa di più dal punto di vista del rapporto contagiati-abitanti. Negli ultimi giorni il numero dei nuovi casi da Coronavirus giornalieri non è migliorato, con un tatto di positività che ha raggiunto l’11,1%. Per cercare di contenere la diffusione del Sars-Cov-2, nella provincia del Brabante Vallone e del Lussemburgo è partito un coprifuoco notturno che durerà due settimane, e che riguarderà la fascia oraria dall’una alle 6 del mattino.

Per quanto riguarda i numeri dei contagi, tra il 3 e il 9 ottobre, le persone positive al Covid-19 sono state in media 4.449 al giorno. Una cifra che rappresenta il 79% in più rispetto alla settimana precedenti. Peggiora anche il dato sui ricoveri: tra il 6 e il 12 ottobre, il numero dei pazienti è aumentato del 68,4%, e le persone in terapia intensiva sono attualmente 267.

RUSSIA

Mosca, Russia EPA/YURI KOCHETKOV | Mosca, Russia

Record di decessi e contagi

La Russia fa i conti con un numero ancora più elevato di morti da Coronavirus e con un record di nuovi contagi. Nelle ultime 24 ore sono state 244 le persone decedute a causa del Covid-19: il giorno prima erano state 125. Quello registrato oggi è il numero più alto di morti giornaliere mai registrate dall’inizio della pandemia. Anche le nuove infezioni hanno registrato un record assoluto: +13.868. Secondo quanto comunicato dal Centro di Crisi anti-Coronavirus, il bilancio totale delle vittime ha raggiunto quota 22.966.

FRANCIA

Marine Le PenEPA/CHRISTOPHE PETIT TESSON | Marine Le Pen

Le Pen contro Macron: «Non ha un piano per la pandemia»

La nuova stretta sulla vita sociale ed economica che potrebbe presto arrivare in Francia non piace a Marine Le Pen, la leader del Rassemblement National. A seguito dell’annuncio del presidente Macron che il Paese potrebbe subire chiusure locali, Le Pen ha commentato che «le restrizioni si fanno quando hai sbagliato tutto». Ospite del canale BfmTv-Rmc, Le Pen ha attaccato il governo accusandolo di un’assenza «totale di anticipazione» e di non avere un «piano pandemia».

Sulla possibilità di coprifuoco la politica ha commentato che «le restrizioni arrivano quando hai sbagliato tutto». Per Le Pen – sconfitta nel 2017 nelle elezioni presidenziali da Emmanuel Macron – «l’unica strategia efficace è testare, tracciare, isolare, curare, e in questo settore è tutto disfunzionante».

OLANDA

Amsterdam, Olanda EPA/RAMON VAN FLYMEN | Amsterdam, Olanda

Chiusura totale ristoranti e stop vendita alcolici dopo le 20

Anche i Paesi Bassi sono alle prese con una crescita dei contagi. Per arginare la seconda ondata di Coronavirus il governo potrebbe disporre una chiusura totale dei ristoranti e vitare la vendita di alcolici dopo le 20. La notizia è stata riportata da RTL Nieuws, ma ha già sollevato le proteste degli imprenditori. Le nuove restrizioni, una volta applicate, saranno estese per due settimane e potrebbero essere presentate giù questa sera in conferenza stampa dal premier olandese Mark Rutte. Nessuna chiusura in vista per scuole e palestre, mentre il Paese ha superato nei giorni scorsi i 6.500 casi quotidiani.

PAKISTAN

Islamabad, PakistanEPA/SOHAIL SHAHZAD | Islamabad, Pakistan

I casi totali raggiungono la soglia dei 320mila

Non si arresta la diffusione del virus in Pakistan. Nelle ultime 24 ore, stando ai dati comunicati dal ministero della Salute di Islamabad, ci sono stati 531 nuovi contagi nel Paese: l’incremento porta il numero di casi totali a 319.848. Di questi, 304.609 hanno superato la malattia da quando è iniziato il monitoraggio: 424 persone hanno lasciato gli ospedali del Paese nell’ultima giornata. Restano ricoverati in condizioni critiche 516 pazienti Covid.

L’epidemia ha ucciso, in totale, 6.588 pakistani, con 8 nuovi decessi segnalati nell’ultimo aggiornamento del bollettino. Da quando il governo ha introdotto le misure di monitoraggio della pandemia nel Paese, sono stati eseguiti 3.914.818 tamponi sulla popolazione. Le province più colpite dal Coronavirus, ad oggi, risultano essere il Sindh, 140.534 casi riscontrati, il Punjab, 100.892, e il Khyber Pakhtunkhwa, 38.367.

USA

Las Vegas, NevadaAFP/Ethan Miller | Las Vegas, Nevada

La stessa persona contagiata due volte in pochi mesi

Uno studio dal titolo Genomic evidence for reinfection with SARS-CoV-2: a case study pubblicato sulla rivista scientifica Lancet solleva dubbi sulla presunta immunità data dal superamento della Covid-19. Un paziente di 25 anni del Nevada, negli Stati Uniti, si sarebbe ammalato due volte nel giro di pochi mesi. E la seconda infezione avrebbe causato addirittura sintomi più gravi della prima. Il 25enne è un giovane che non aveva nessun problema di salute o immunodeficienze che lo rendessero un soggetto vulnerabile al Sars-CoV-2.

I primi sintomi sono arrivati lo scorso 25 marzo, quando ha sviluppato mal di testa, tosse, nausea e diarrea. Il 18 aprile, l’esito di un tampone ne ha accertato la positività al Coronavirus. La sintomatologia è scomparsa a fine mese e il paziente è stato dichiarato guarito dopo il doppio esito negativo di due tamponi somministratigli il 9 e il 26 maggio. Due giorni dopo, però, i sintomi sono tornati: questa volta si è reso necessario il ricovero in ospedale a causa di problemi respiratori. Non si tratterebbe di una recidiva, affermano gli scienziati, poiché i codici genetici dei virus analizzati erano molto diversi.

Link utili:

Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *