Categorie
ATTUALITÀ Australia Brasile Coronavirus (COVID-19) Italia Lombardia Protezione civile Sanità

Covid-19, ultime notizie – In Italia torna l’ipotesi obbligo mascherine all’aperto. Brasile, a San Paolo screening di massa per la riapertura delle scuole

Sarà un autunno (e un inverno) in stile Fase 2: a breve potrebbe arrivare una nuova ordinanza sulle mascherine in strada. Secondo uno studio del Walter and Eliza Hall Institute di Melbourne, l’idrossiclorochina avrebbe un ruolo nel controllo del contagio. A San Paolo, in Brasile, al via i test su ampia scala
L’articolo Covid-19, ultime notizie – In Italia torna l’ipotesi obbligo mascherine all’aperto. Brasile, a San Paolo screening di massa per la riapertura delle scuole proviene da Open. …


Ultimi bollettini:

Per saperne di più:

Sono 34,2 milioni i casi di Covid-19 nel mondo. A tenerne traccia è la mappa della Johns Hopkins University, che segnala come le vittime siano invece più di 1 milione. I due Paese più colpiti dalla pandemia restano Stati Uniti e India, con rispettivamente 7,2 e 6,3 milioni di casi di contagio e oltre 207 mila e 99 mila decessi. Seguono Brasile , Russia, Colombia e Perù.

ITALIA

ANSA/ANGELO CARCONI | Roma, Italia

Ipotesi mascherine in strada

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha parlato di un autunno e di un inverno con il «coltello fra i denti». Ieri, 1 ottobre, il quotidiano bollettino sulla situazione Coronavirus in Italia ha segnato +2.548 positivi. L’andamento della curva ha fatto spuntare l’ipotesi di un nuovo obbligo di mascherina a livello nazionale. Già alcune Regioni, come il Lazio, hanno preso provvedimenti territoriali, ma ora il progetto sembra quello di estendere la misura a tutto il Paese.

Nell’attesa del vaccino di massa, quindi – che realisticamente arriverà non prima di 7 o 8 mesi – bisognerà tornare all’attenzione della Fase 2. E non è escluso che se la situazione contagi dovesse peggiorare ancora, si possa tornare allo smart working generale. «Servono ancora attenzione, serietà e prudenza nei comportamenti di ciascuno di noi», aveva scritto Speranza in un tweet del 28 settembre.

AUSTRALIA

EPA/DAN HIMBRECHTS | Sydney, Australia

Lo studio sulla idrossiclorochina per prevenire i contagi

Gli scienziati del Walter and Eliza Hall Institute di Melbourne, in Australia, continuano a studiare le potenzialità della idrossiclorochina contro il Coronavirus. Il farmaco, usato contro l’artrite reumatoide e contro la malaria in Africa, non si era dimostrato efficace nella cura della Covid-19. Stando ai ricercatori, però, potrebbe essere utile a prevenire il contagio.

La parabola della idrossiclorochina di questi mesi è stata altalenante: dopo aver raggiunto il picco massimo di notorietà tramite il presidente americano Donald Trump – che l’aveva definita «miracolosa» -, era stata declassata da The Lancet, che l’aveva indicata come fattore di mortalità nei pazienti affetti da Covid-19.

Secondo i ricercatori dei Walter and Eliza Hall, «molti hanno mancato di distinguere tra la mancanza di efficacia del farmaco nel trattare il Covid-19 e il suo potenziale effetto preventivo». Secondo Sylvie Briand, direttrice del dipartimento di malattie pandemiche ed epidemiche dell’Organizzazione mondiale della sanità, «sarebbe interessante studiare se l’idrossiclorochina usata ampiamente in Africa abbia avuto un ruolo nella dinamica del contagio».

BRASILE

EPA/Fernando Bizerra | Street art a San Paolo, Brasile

Screening di massa a San Paolo per la riapertura delle scuole

Il Brasile ha messo a punto un programma di tracciamento su larga scala contro il Coronavirus a San Paolo in vista della riapertura delle scuole. Le attività di screening sono iniziate ieri, 1° ottobre, e il piano è quello di fare il tampone a circa 777 mila persone, inclusi studenti e insegnanti, così da permettere la ripartenza delle lezioni in presenza (le scuole sono chiuse dal 23 marzo scorso).

I test verranno fatti in 3 fasi: durante la prima – che durerà di 15 giorni – verranno fatti 193 mila test in vari punti della città. Un cifra che è però ancora troppo bassa: la metropoli più grande del Brasile conta in tutto più di 12 milioni di abitanti. I residenti morti a causa della Covid-19 in città sono stati almeno 13 mila.

Link utili:

Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *