Categorie
ATTUALITÀ Cina Coronavirus (COVID-19) India Italia Lombardia OCSE Palestina Piemonte Protezione civile Sanità

Covid-19, ultime notizie – Piemonte, partiti i controlli al confine con la Francia. Angel Gurria (Ocse): «Il Coronavirus sta mettendo in pericolo le migrazioni»

L’Ocse riunito a Parigi avverte: «Sono particolarmente esposte al virus le condizioni di alloggio a volte precarie». Il segretario generale dell’Olp, Saeb Ekerat, rilsultato positivo al Coronavirus, è in coma in seguito a una crisi respiratoria. Il governatore del Piemonte, Alberto Cirio, annuncia tendoni in allestimento per il monitoraggio ai confini
L’articolo Covid-19, ultime notizie – Piemonte, partiti i controlli al confine con la Francia. Angel Gurria (Ocse): «Il Coronavirus sta mettendo in pericolo le migrazioni» proviene da Open. …


Ultimi bollettini:

Per saperne di più:

La soglia dei 40 milioni di contagi è vicina: i casi confermati di Coronavirus nel mondo, per la precisione, sono 39,9 milioni. I decessi, invece, hanno raggiunto la cifra complessiva di 1,1 milioni. Lo si apprende dalla dashboard della Johns Hopkins University. Più della metà dei casi totali è concentrata in tre grandi Paesi: le autorità sanitarie degli Stati Uniti, al primo posto per numero di infezioni e di vittime, hanno individuato 8,1 milioni di positività dall’inizio della pandemia. L’India, al secondo posto per casi e al terzo, dopo il Brasile, per numero di vittime, ha raggiunto quota 7,5 milioni di contagi. In Brasile, infine, i casi registrati fino ad oggi sono stati 5,2 milioni.

OCSE

Angel Gurria ANSA/ ROMAN YANDOLIN | Il segretario generale dell’Ocse Angel Gurria

L’Ocse a Parigi: «Il virus ha stravolto le migrazioni internazionali »

Nella bufera di contagi altissimi e che non accennano ad arrestarsi, oggi Parigi ha trovato comunque l’occasione di parlare di un tema complesso. Nelle prospettive migratorie del 2020 presentate oggi in Francia, l’Ocse ha chiaramente fatto riferimento alla crisi causata dalla pandemia. «Il Coronavirus mette in pericolo le migrazioni e i progressi realizzati in materia di integrazione» ha avvertito il segretario generale Angel Gurria.

La preoccupazione è stata espressa anche per i tanti lavorati immigrati che forniscono «un contributo fondamentale contro il virus come quelli in ospedale o nei servizi d nettezza urbana». La vulnerabilità è la caratteristica più citata dal segretario generale Angel Gurria per descrivere il rapporto tra le popolazioni migranti e il virus: «sono particolarmente esposte al virus, ad esempio, per condizioni di alloggio a volte precarie», ha spiegato. Secondo il vertice dell’Ocse la Covid-19 avrebbe ridisegnato per intero la carta delle migrazioni internazionali.

PALESTINA

Saeb ErekatANSA | Il segretario generale dell’Olp Saeb Erekat

Il segretario generale dell’Olp Saeb Ekerat in coma dopo il contagio

Il segretario generale dell’Olp (Organizzazione per la Liberazione della Palestina) è in coma. La notizia arriva dall’ospedale Hadassah di Gerusalemme dove Saeb Erekat, 65 anni, è ricoverato da ieri. «Ha trascorso una notte tranquilla, ma stamane, le sue condizioni sono peggiorate» hanno raccontato gli operatori sanitari che si stanno occupando di Ekerat, aggiungendo di una crisi respiratoria a cui è seguito il coma.

Il segretario era stato trasferito nella giornata di ieri dalla sua città di Gerico in Cisgiordania a Tel Aviv a seguito di un aggravamento causato dalla positività alla Covid-19. L’ospedale Hadassah ha precisato che il trattamento medico di Ekerat «rappresenta una sfida significativa» avendo subìto egli alcuni anni fa un trapianto dei polmoni con gravi conseguenze al suo sistema immunitario.

ITALIA

Alberto CirioANSA/ALESSANDRO DI MARCO | Il presidente della regione Piemonte Alberto Cirio

Cirio (Piemonte): «Controlli ai varchi con la Francia»

Preservare il territorio dalla trasmissione oltre confine. Questo è l’obiettivo dell’ultima decisione del governatore del Piemonte Alberto Cirio, che ha annunciato un’azione «informativa e di controllo a campione» alla frontiera con la Francia. L’ipotesi era stata avanzata dal presidente già diversi giorni fa, quando l’aumento dei casi aveva fatto preoccupare non poco l’amministrazione locale. «Presidiare il territorio dai casi di Coronavirus provenienti dall’estero è una delle prossime mosse», aveva detto Cirio che ora annuncia l’allestimento di tende per il monitoraggio.

«La nostra protezione civile sta allestendo delle tende dove, affiancati dalla polizia, misureremo la febbre a campione a chi arriva» ha spiegato, specificando che in caso di febbre l’invito ai singoli sarà quello di recarsi all’Asl più vicina per «essere preso in carico dal sistema sanitario regionale». Il presidente del Piemonte è stato tra i partecipanti dell’importante vertice Stato-Regioni tenutosi ieri, poco prima della firma ufficiale del nuovo Dpcm da parte del premier Conte. Scuola, trasporto e tutela delle attività commerciali le priorità per la Regione su cui il governatore si è battuto.

Meloni al governo: «Con misure confuse e inutili rischiamo un altro lockdown»

ANSA/FABIO FRUSTACI | La presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni alla Camera dei Deputati

Il centrodestra attacca duramente l’esecutivo per il mancato coinvolgimento nella stesura del nuovo Dpcm. Lo fa in una nota congiunta, pubblicata su Facebook, in cui Giorgia Meloni, Matteo Salvini e Silvio Berlusconi muovono pesanti accuse di inazione: «Nulla si è fatto per migliorare gli ospedali, per potenziare i trasporti pubblici, per aiutare gli anziani e i disabili, per sostenere le famiglie e le imprese in difficoltà». Dal comunicato emerge anche una critica nei confronti delle dirette tv con le quali il presidente del Consiglio Giuseppe Conte è solito annunciare i decreti.

L’attacco più duro al governo, però, arriva dalla leader di Fratelli d’Italia. In un’intervista al Corriere della Sera, Meloni sostiene che l’esecutivo «avrebbe dovuto avere meno spocchia, più serietà e più concretezza». La deputata dell’opposizione afferma di non fidarsi del premier Conte, deficitario a suo dire di una strategia complessiva. Poi lancia l’allarme: «Con misure confuse e inutili – il riferimento è al Dpcm annunciato dal presidente del Consiglio la sera del 18 ottobre – rischiamo un altro lockdown».

CINA

Pechino, CinaEPA/WU HONG | Pechino, Cina

La prima grande economia a uscire dalla crisi generata dalla pandemia

I dati del terzo trimestre confermano il buon andamento dell’economia cinese. La crescita economica registrata tra luglio e settembre, stando ai dati del governo di Pechino, è del +4,9%. La Cina, che aveva chiuso il primo trimestre dell’anno con un calo del Pil del –6,8%, la prima contrazione dal 1992, nel secondo trimestre aveva già mostrato i primi segnali di ripresa, con un balzo in avanti del Pil del +3,2%. Di fatto, la Cina è la prima grande economia mondiale che può considerarsi fuori dalla crisi economica ingeneratasi con il Coronavirus.

Yi Gang, governatore della banca centrale cinese, ha annunciato che la crescita prevista su base annua, adesso, si aggira intorno a un +2%. «L’economia cinese è resiliente e con un grande potenziale. È prevista una ripresa costante, che andrà a vantaggio della ripresa globale», ha dichiarato Yi Gang. Secondo i dati del Fondo monetario internazionale, la Cina sarà l’unica economia del G20 con il segno “più” davanti alla percentuale del Pil. A livello mondiale, invece, dovrebbe registrarsi una contrazione del –4,4%: la flessione più ripida dai tempi della Grande depressione.

INDIA

Kangra, Himachal Pradesh, IndiaEPA/SANJAY BAID | Kangra, Himachal Pradesh, India

Altri 579 decessi, i nuovi casi sono 55.722

Dopo gli Stati Uniti, l’India è il Paese più colpito dalla pandemia di Sars-CoV-2. Il totale delle infezioni registrate dall’inizio del monitoraggio è salito a quota 7.550.273: nelle ultime 24 ore, i nuovi contagi individuati dalle autorità sanitarie sono stati 55.722. Morte, invece, 579 persone che avevano contratto la Covid-19. Il bilancio delle vittime è aggiornato alla cifra di 114.610.

I cittadini attualmente positivi al Coronavirus risultano essere 772.055. Nelle ultime 24 ore sono stati analizzati 859.786 tamponi, per un totale di test eseguiti in India di 95.083.976. Il tasso di mortalità nel Paese è pari all’1,5% delle persone che contraggono la malattia. Intanto, dopo sette mesi di chiusura, molte scuole del Paese stanno riaprendo per la prima volta oggi, 19 ottobre.

Link utili:

Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *