Categorie
ATTUALITÀ Emma Marrone Musica

«Sono definitivamente fuori dalla malattia»: l’annuncio di Emma Marrone

La cantante ha lottato contro il tumore per oltre 10 anni: la prima diagnosi nel 2009, quando faceva la commessa a Lecce
L’articolo «Sono definitivamente fuori dalla malattia»: l’annuncio di Emma Marrone proviene da Open. …

La prima diagnosi è arrivata a 24 anni: tumore all’utero e alle ovaie. Allora Emma Marrone faceva la commessa a Lecce. Era il 2009 e dopo pochi giorni si presentò ai provini di Amici. Quell’anno non solo riuscì a superare le selezioni per il talent ma vinse anche tutta l’edizione. Oltre 10 anni dopo quella prima diagnosi, ora in un’intervista pubblicata sul settimanale Grazia la rivelazione: «In base agli ultimi esami sono definitivamente fuori dalla malattia».

La conferma è arrivata con una chiamata nel medico che sta seguendo la cantante: «Quindici giorni fa, quando ha squillato il telefono ed era il mio medico. Ho pensato: “Ci risiamo”. Ho immaginato che dovessi ricominciare tutto da capo. Invece mi diceva che, in base agli ultimi esami, sono uscita definitivamente dalla malattia. Ecco, in quell’istante sono morta e risorta».

Lo scorso 10 agosto la cantante scriveva su Instagram:

«Nella mia vita si sono avverati molti desideri. Io nel mio piccolo mi sono sempre impegnata affinché accadessero delle cose. L’universo ci ascolta e accoglie i nostri pensieri, chiudete gli occhi senza aver paura di chiedere “troppo”. Le cose accadono, a volte ci vuole un po’ più di tempo e bisogna avere tanta pazienza».

Nell’intervista a Grazia, Emma aggiunge: «Sono diventata una donna, mi sono guadagnata rispetto. Sono abituata alla conquista. Fin da bambina, anzi: da generazioni, è genetica. Mia madre, figlia di contadini, non è potuta andare a scuola, aiutava il padre nei campi. Ricamava, cuciva. Solo da adulta ha iniziato a leggere, legge tantissimo, molto più di me. Se compro un libro, penso: ‘Questo devo metterlo da parte per lei’”».

Da quest’anno Emma sarà giudice del talent X Factor: «Prima di cominciare temevo di non essere all’altezza, poi, grazie soprattutto ai colleghi straordinari, mi sono sentita bene, al posto giusto».

Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *