Categorie
Coronavirus Roma - Cronaca

Cori, 18 migranti (negativi al virus) scappano da centro accoglienza: 5 ancora in fuga

Sette sono stati rintracciati nascosti nella campagne circostanti e lungo i binari della linea ferroviaria che attraversa Cisterna. Altri sei fermati a Roma Termini …

Diciotto migranti sono fuggiti nella notte tra sabato 1 e domenica 2 dalla struttura di un Centro di accoglienza straordinaria (Cas) a Cori, in provincia di Latina. Erano arrivati nel capoluogo pontino martedì scorso ed erano stati ospitati a Cori, dove stavano proseguendo il periodo di sorveglianza fiduciaria. Gli extracomunitari – tutti sottoposti a tampone orofaringeo e risultati negativi al Covid19 – nel corso della notte si sono allontanati dal centro scavalcando, secondo una prima ricostruzione, alla spicciolata un muro laterale dell’edificio ed eludendo la sorveglianza delle forze di polizia impegnate nei servizi di vigilanza.

Una volta scattato l’allarme sono partite subito le ricerche coordinate dal questore di Latina, che ha diretto una battuta ad ampio raggio. Impegnati gli agenti delle Volanti, della Digos, della Squadra mobile e del commissariato di Cisterna di Latina. Il lavoro dei poliziotti ha portato in poco tempo i primi risultati: sette immigrati sono stati trovati nascosti nella campagne circostanti e lungo i binari della linea ferroviaria che attraversa Cisterna. A questo punto è stato chiesto l’intervento anche della Polfer ed è stato necessario far rallentare i treni in transito per evitare eventuali incidenti e assicurare così l’incolumità degli agenti e dei migranti.

Altri sei stranieri in fuga sono stati fermati a Roma Termini, dopo aver fornito ai poliziotti in servizio nello scalo ferroviario romano le fotografie dei migranti non ancora individuati. Con tutta probabilità, dopo aver raggiunto a piedi Latina Scalo, erano saliti a bordo del primo treno utile per la Capitale, allo scopo di sfuggire alle ricerche della polizia. Ora si cercano gli altri cinque immigrati ancora in fuga.

2 agosto 2020 | 12:58

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sorgente articoli: Vai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *