Categorie
Angela Merkel Brasile Coronavirus Germania MONDO Sanità USA

Coronavirus, Germania verso un nuovo lockdown, Merkel: «Crisi storica». Negli Usa 4mila morti in 24 ore, oltre 1,8 milioni in tutto il mondo

Il totale dei contagi registrati in tutto il mondo è di 82,5 milioni, con 46,6 milioni di persone guarite. I Paesi più colpiti dal virus restano gli Usa, il Brasile e l’India. Secondo Merkel, la «crisi è storica e il Covid si estenderà al 2021»
L’articolo Coronavirus, Germania verso un nuovo lockdown, Merkel: «Crisi storica». Negli Usa 4mila morti in 24 ore, oltre 1,8 milioni in tutto il mondo proviene da Open. …

Il numero delle vittime legate al Coronavirus registrate ufficialmente in tutto il mondo dall’inizio della pandemia ha superato quota 1,8 milioni. I dati globali arrivano, come sempre, dall’università americana Johns Hopkins. Il totale dei contagi registrati in tutto il mondo è di 82,5 milioni, con 46,6 milioni di persone guarite. I Paesi più duramente colpiti dal Covid restano gli Stati Uniti, con oltre 341mila decessi totali e quasi 19,7 milioni di casi di contagio da quando è esplosa l’epidemia; subito dopo c’è il Brasile con 192mila morti e 7,56 milioni di persone contagiate dal virus. Segue l’India dove i cittadini colpiti dall’infezione sono in totale 10,2 milioni e le vittime registrate ufficialmente sono 148mila.

Germania

ANSA/RONALD WITTEK

Verso proroga del lockdown

Con molta probabilità la Germania prorogherà il lockdown attualmente in corso per altre due o tre settimane, visti i numeri negativi che si continuano a registrare nel Paese. L’attuale serrata scadrà il 10 gennaio, dunque ci sarebbe la volontà da parte del governo di estenderla fino alla fine del mese. A riportarlo è la Bild che dà notizia del piano su cui starebbero lavorando Angela Merkel e i ministri presidenti dei Laender, in vista del vertice del 5 gennaio. Stando alle indiscrezioni circolate e diffuse dalla stampa tedesca, poterbbe rimanere tutto chiuso fino al 24 o addirittura fino al 31 gennaio. Quanto al capitolo scuole, si registra ancora grande disaccordo fra le regioni.

Merkel: «Crisi storica, il Coronavirus si estenderà al 2021»

ANDERSEN / AFP

La cancelliera Angela Merkel ha fatto il suo discorso di auguri per il nuovo anno che sta cominciando. Il contenuto non poteva che essere totalmente monopolizzato dall’emergenza Covid che continua a far registrare nel Paese numeri drammatici tra vittime e contagi. La «crisi storica del Coronavirus si estenderà fino al 2021», sono le parole di Merkel, anche se il vaccino sta portando «speranza». «Questi giorni e queste settimane – ha proseguito la cancelliera – sono tempi difficili per il nostro Paese. E questo durerà a lungo». Per Merkel si tratta dell’ultimo discorso di fine anno del suo quarto e ultimo mandato.

Usa

EPA/ALEX GALLARDO

Record di quasi 4mila morti in 24 ore

Nuovo record negli Stati Uniti. Nelle ultime 24 ore sono stati registrate quasi 4.000 vittime legate al Covid-19. Per la precisione, stando ai dati ufficiali diffusi dalla Johns Hopkins University, nella giornata di mercoledì il Paese più duramente colpito dal virus ha contato 3.927 morti, che portano il bilancio complessivo a 342.259 decessi da inizio pandemia. Quanto alle nuove infezioni, i numeri continuano a essere fuori controllo: sono 189.671 i nuovi casi di contagio giornalieri, dato che porta il totale a oltre 19,73 milioni di persone colpite dal virus.

Brasile

EPA/Antonio Lacerda

Oltre 1.200 morti in 24 ore: è la cifrà più alta da agosto

Il Brasile è il secondo Paese più colpito al mondo dal virus, dopo gli Stati Uniti. Qui, nelle ultime 24 ore, sono stati registrati 1.224 decessi legati al Covid-19. Si tratta del numero più alto di vittime in un giorno dallo scorso 20 agosto. Il bilancio totale relativo ai morti in tutto il Paese sale così a 193.940 dall’inizio della pandemia. Decisamente fuori controllo anche il numero dei nuovi positivi: sono 55.833. Complessivamente, le persone infettate in Brasile da inizio epidemia sono 7.619.979.

Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *