Categorie
ATTUALITÀ Coronavirus Giovanni Sebastiani Interviste Numeri in chiaro Sanità Video

Coronavirus, i numeri in chiaro. Sebastiani (Cnr): «La curva è in calo. Col trend attuale a fine aprile arriveremo a 350 mila dosi al giorno»

Per il matematico alla fine d’aprile raggiungeremo al massimo le 350 mila dosi giornaliere, e non le 500 prospettate
L’articolo Coronavirus, i numeri in chiaro. Sebastiani (Cnr): «La curva è in calo. Col trend attuale a fine aprile arriveremo a 350 mila dosi al giorno» proviene da Open. …

In Italia sono 627 i decessi da Coronavirus segnalati nelle ultime 24 ore, con il totale delle vittime che sale così a 112.374. I nuovi contagi, secondo il bollettino della Protezione Civile e del Ministero della Salute, sono invece +13.708. Gli attualmente positivi sono 547.837. «Siamo in una fase di calo, molto lenta», spiega il matematico del Cnr Giovanni Sebastiani, «per questo è molto importante continuare a rispettare le misure di contenimento».

I dati della giornata

«I dati degli ultimi giorni mostrano che si conferma la tendenza, attestata già a metà marzo, di discesa del contagio». Ma è una discesa molto lenta, «questo significa che anche la diffusione ha difficoltà a calare. Per quanto riguarda la curva delle terapie intensive tra qualche giorno sarà possibile localizzare il picco. Stesso discorso per i decessi che hanno un valore molto alto, ma il trend è a diminuire».

La campagna vaccinale

«La campagna vaccinale procede, ma se andiamo a guardare i dati di marzo vediamo che, tolta la settimana in cui le operazioni hanno subìto un rallentamento per via dei problemi con AstraZeneca, l’incremento da una settimana all’altra è di circa 20 mila unità al giorno. Questo è il trend: nell’ipotesi che continui, non raggiungeremo entro la fine d’aprile le 500 mila dosi di vaccino al giorno, come prospettato, ma al massimo le 350 mila. Il tasto davvero dolente riguarda quella categoria “altro” – inserita nei moduli per la vaccinazione – che aumenta. Rispetto a 8 giorni fa, siamo passati dal 13 al 18%, vale a dire che 2 milioni di soggetti vaccinati appartengono a quella categoria. Su un totale di circa 11 milioni e mezzo di vaccinati».

Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *