Categorie
ATTUALITÀ Coronavirus Lazio Sanità Terza dose Vaccini

Coronavirus, il Lazio parte con la terza dose di vaccino: «Settimana prossima le prime somministrazioni»

Chi ha ricevuto un trapianto sarà contattato dal sistema sanitario regionale. Si apre così la nuova fase delle vaccinazioni anti Covid
L’articolo Coronavirus, il Lazio parte con la terza dose di vaccino: «Settimana prossima le prime somministrazioni» proviene da Open. …

Alla fine la terza dose di vaccino è arrivata. Il Lazio, come anticipa oggi il presidente della Regione Nicola Zingaretti, comincerà dalla prossima settimana. «Il Lazio parte con la terza dose di vaccino. Dalla prossima settimana iniziamo con chi ha ricevuto un trapianto e che saranno contattati dal sistema sanitario regionale. Continuiamo a mettere in sicurezza la vita e il futuro», ha scritto Zingaretti su Twitter. Si apre, dunque, la terza fase dei vaccini anti-Covid con buona pace dei No vax.

L’ok di Aifa alla terza dose

A dare il via libera qualche giorno fa era stata l’Aifa che aveva confermato la somministrazione della terza dose di vaccino per tutta la popolazione considerata fragile. Quindi «tutti i soggetti immunodepressi, i trapiantati, i grandi anziani, gli ospiti delle Rsa e i sanitari a maggiore rischio (ad esempio se in attività nei reparti Covid)». Le tempistiche prevedono la somministrazione della terza dose dopo 6 mesi dalla seconda per tutti i soggetti over 16 “fragili”, fatta eccezione per gli immunodepressi e i trapiantati che, invece, riceveranno il terzo richiamo dopo almeno 28 giorni dalla seconda iniezione.

Le prime persone che riceveranno la terza dose

In Italia si partirà nei prossimi giorni con i 3 milioni di immunodepressi, quindi con chi ha subito trapianti o con chi sta facendo cure chemioterapiche. A dicembre sarà la volta degli over 80, compresi gli ospiti delle Rsa, a gennaio e febbraio 2022 degli operatori sanitari. Non è ancora certo che la terza dose sia necessaria per tutta la popolazione.

Foto in copertina di repertorio: EPA/ATEF SAFADI

Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *