Categorie
Coronavirus Salute

Coronavirus in Italia, il bollettino di oggi 14 gennaio: 17.246 nuovi casi e 522 morti

I dati del bollettino sulla pandemia di Covid-19 di giovedì 14 gennaio …

In Italia, dall’inizio dell’epidemia di coronavirus, almeno 2.336.279 persone (compresi guariti e morti) hanno contratto il virus Sars-CoV-2: i nuovi casi sono 17.246, +0,7% rispetto al giorno prima (ieri erano +15.774), mentre i decessi odierni sono 522, +0,6% (ieri erano +507), per un totale di 80.848 vittime da febbraio. Le persone guarite o dimesse sono 1.694.051 complessivamente: 20.115 quelle uscite oggi dall’incubo Covid, +1,2% (ieri erano +20.532). E gli attuali positivi — i soggetti che adesso hanno il virus — risultano essere in totale 561.380, pari a -3.394 rispetto a ieri, -0,6% (ieri erano -5.266).

I tamponi sono stati 160.585, ovvero 14.844 in meno rispetto a ieri quando erano stati 175.429. Mentre il tasso di positività è del 10,7% (l’approssimazione di 10,73%): vuol dire che su 100 tamponi eseguiti più di 10 sono risultati positivi; ieri era del 9%. Qui la mappa del contagio in Italia.

Più contagi in 24 ore rispetto a ieri, a fronte di meno tamponi. I nuovi casi sono in aumento per il terzo giorno consecutivo (erano 12.532 l’11 gennaio). La curva sale e purtroppo non si arresta la crescita dei decessi, come evidenzia anche il monitoraggio indipendente di Gimbe sulla settimana 6-12 gennaio. Si teme una nuova forte ripresa della diffusione del virus, quella che si sta verificando in altri Paesi europei. «Siamo ancora nella seconda ondata che è ancora molto alta e non riusciamo ad appiattirla», ha detto il consigliere del ministro della Salute, Walter Ricciardi a SkyTg24. Il prossimo mese e mezzo sarà cruciale per capire come si evolverà lo scenario, secondo Walter Ricciardi.

Diminuiscono le degenze in area critica e non, per il secondo giorno di fila. I posti letto occupati nei reparti Covid ordinari sono -415 (ieri -187), per un totale di 23.110 ricoverati. Mentre i posti letto occupati in terapia intensiva (TI) sono -22 (ieri -57), portando il totale dei malati più gravi a 2.557. Qui, i nuovi ingressi in TI sono +164 (ieri +165).

I cittadini vaccinati sono oltre 896 mila, per la precisione 896.498 secondo i dati del 14 gennaio forniti alle ore 15.42, come indica il «Report vaccini anti Covid-19» in continuo aggiornamento sul sito del governo e consultabile qui.

Qui tutti i bollettini dal 29 febbraio. Qui le ultime notizie della giornata.

Il Corriere ha creato una newsletter sul coronavirus. È gratis: ci si iscrive qui.

I casi regione per regione

Il dato fornito qui sotto, e suddiviso per regione, è quello dei casi totali (numero di persone trovate positive dall’inizio dell’epidemia: include morti e guariti). La variazione indica il numero dei nuovi casi registrati nelle ultime 24 ore, mentre la percentuale rappresenta l’incremento rispetto al giorno precedente, calcolata sul totale regionale.

Lombardia 508.224: +2.587 casi, +0,5% (ieri +2.245)
Veneto 293.795: +2.076 casi, +0,7% (ieri +1.884)
Piemonte 210.338: +857 casi, +0,4% (ieri +1.009)
Campania 203.846: +1.294 casi, +0,6% (ieri +1.098)
Emilia-Romagna 197.086: +1.515 casi, +0,8% (ieri +1.178)
Lazio 185.724: +1.816 casi, +1% (ieri +1.612)
Toscana 126.564: +424 casi, +0,3% (ieri +507)
Sicilia 115.391: +1.867 casi, +1,6% (ieri +1.969)
Puglia 106.102: +1.524 casi, +1,5% (ieri +1.082)
Liguria 64.960: +289 casi, +0,4% (ieri +395)
Friuli-Venezia Giulia 58.592: +805 casi, +1,4% (ieri +546)
Marche 48.633: +506 casi, +1% (ieri +480)
Abruzzo 38.594: +256 casi, +0,7% (ieri +314)
Sardegna 34.944: +275 casi, +0,8% (ieri +233)
P. A. Bolzano 32.186: +174 casi , +0,5% (ieri +269)
Umbria 31.677: +210 casi, +0,7% (ieri +307)
Calabria 28.022: +286 casi, +1% (ieri +283)
P. A. Trento 24.390: +272 casi, +1,1% (ieri +175)
Basilicata 12.287: +90 casi, +0,7% (ieri +72)
Valle d’Aosta 7.581: +16 casi, +0,2% (ieri +19)
Molise 7.343: +107 casi, +1,5% (ieri +97)

Articolo in aggiornamento…

14 gennaio 2021 (modifica il 14 gennaio 2021 | 17:32)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sorgente articoli: Vai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *