Categorie
Coronavirus Salute

Coronavirus in Italia, il bollettino di oggi 21 dicembre: 10.872 nuovi casi e 415 morti

I dati del bollettino sulla pandemia di Covid-19 di lunedì 21 dicembre. Meno contagi con meno tamponi (quasi 88 mila), ma il tasso di positività sale al 12,4% …

In Italia, dall’inizio dell’epidemia di coronavirus, almeno 1.964.054 persone (compresi guariti e morti) hanno contratto il virus Sars-CoV-2: i nuovi casi sono 10.872, +0,6% rispetto al giorno prima (ieri erano +15.104), mentre i decessi odierni sono 415, +0,6% (ieri erano +352), per un totale di 69.214 vittime da febbraio. Le persone guarite o dimesse sono 1.281.258 complessivamente: 19.632 quelle uscite oggi dall’incubo Covid, +1,6% (ieri erano +12.156). E gli attuali positivi — i soggetti che adesso hanno il virus — risultano essere in totale 613.582, pari a -9.178 rispetto a ieri, -1,5% (ieri erano +2.594). La flessione degli attuali positivi di oggi — con il segno meno davanti — dipende dal fatto che i guariti, sommati ai decessi, sono in numero maggiore rispetto ai nuovi casi.

I tamponi sono stati 87.889, ovvero 49.531 in meno rispetto a ieri quando erano stati 137.420. Mentre il tasso di positività è del 12,4% (l’approssimazione di 12,37%): vuol dire che su 100 tamponi eseguiti più di 12 sono risultati positivi; ieri era dell’11%. Questa percentuale dà l’idea dell’andamento dei contagi, indipendentemente dal numero di test effettuati. Qui la mappa del contagio in Italia.

Meno contagi in 24 ore rispetto a ieri, a fronte di molti meno tamponi. Ogni lunedì il numero di test è il più basso di tutta la settimana, perché si riferisce alle analisi della domenica che sono in quantità inferiore in confronto a quelle infrasettimanali e del sabato. Ricordiamo che il record di tamponi è 254 mila. Sale ancora il rapporto di casi su tamponi (il tasso di positività) che supera il 12% — 12,4% come detto sopra — dopo giorni di assestamento intorno al 10% (vedi tra il 15/12 e il 19/12): non succedeva dal 7 dicembre (era 12,3%). E se da una parte l’incidenza dei casi non permette ancora il tracciamento (dobbiamo scendere sotto 10 mila) — a sei giorni dal «Vaccine Day» —, dall’altra la nuova variante del virus desta preoccupazione.

Il Veneto rimane la regione più colpita dal 5 dicembre (+2.583 contagi), seguita da Emilia-Romagna (+1.594) e Lazio (+1.205). Per la prima volta nella seconda ondata la Lombardia ha un incremento a tre cifre (+950). Le altre regioni comunicano incrementi di casi a due o tre numeri, tranne la Valle d’Aosta che segna il dato più basso di nuovi positivi (+9).

I ricoverati nei reparti Covid ordinari sono 25.145 in totale: qui i posti letto occupati sono -13 (ieri -206). Mentre i malati più gravi in terapia intensiva (TI) sono 2.731 in totale: i posti letto occupati in rianimazione sono -12 (ieri -41), ma sono entrate +161 persone in TI (ieri +121), con la Campania che non fornisce questo dato. Se i posti letto occupati in terapia intensiva sono diminuiti di 12 unità, ma sono entrate 161 persone in TI, significa che nelle ultime 24 ore sono usciti dalla TI 173 pazienti (161+12) in quanto migliorati o deceduti.

Qui tutti i bollettini dal 29 febbraio. Qui le ultime notizie della giornata.

Il Corriere ha creato una newsletter sul coronavirus. È gratis: ci si iscrive qui.

I casi Regione per Regione

Il dato fornito qui sotto, e suddiviso per Regione, è quello dei casi totali (numero di persone trovate positive dall’inizio dell’epidemia: include morti e guariti). La variazione indica il numero dei nuovi casi registrati nelle ultime 24 ore, mentre la percentuale rappresenta l’incremento rispetto al giorno precedente, calcolata sul totale regionale.

Lombardia 460.168: +950 casi, +0,2% (ieri +1.795)
Veneto 219.506: +2.583 casi, +1,2% (ieri +3.869)
Piemonte 189.968: +611 casi, +0,3% (ieri +829)
Campania 181.259: +691 casi, +0,4% (ieri +891)
Emilia-Romagna 157.185: +1.594 casi, +1% (ieri +1.751)
Lazio 150.223: +1.205 casi, +0,8% (ieri +1.213)
Toscana 116.235: +452 casi, +0,4% (ieri +483)
Sicilia 85.198: +669 casi, +0,8% (ieri +792)
Puglia 81.387: +788 casi, +1% (ieri +791)
Liguria 57.754: +177 casi, +0,3% (ieri +285)
Friuli-Venezia Giulia 45.435: +244 casi, +0,5% (ieri +658)
Marche 37.431: +162 casi, +0,4% (ieri +372)
Abruzzo 33.534: +64 casi, +0,2% (ieri +216)
Sardegna 28.683: +297 casi, +1% (ieri +311)
P. A. Bolzano 28.165: +43 casi, +0,1% (ieri +246)
Umbria 27.282: +41 casi, +0,1% (ieri +113)
Calabria 21.261: +110 casi, +0,5% (ieri +224)
P. A. Trento 20.154: +59 casi, +0,3% (ieri +108)
Basilicata 10.054: +25 casi, +0,2% (ieri +73)
Valle d’Aosta 7.040: +9 casi, +0,1% (ieri +22)
Molise 6.132: +98 casi, +1,6% (ieri +62)

Articolo in aggiornamento…

21 dicembre 2020 (modifica il 21 dicembre 2020 | 17:23)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sorgente articoli: Vai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *