Categorie
Coronavirus Salute

Coronavirus in Italia, il bollettino di oggi 22 febbraio: 9.630 nuovi casi e 274 morti

I dati di lunedì 22 febbraio. Le vittime sono meno di 300 per il terzo giorno consecutivo: non era mai successo nel 2021. Meno contagi con meno tamponi (170.672) e il tasso di positività sale al 5,6% (ieri 5,3%). In aumento ricoveri e terapie intensive …

Sono 9.630 i nuovi casi di coronavirus in Italia (ieri erano +13.452, qui il bollettino). Sale così ad almeno 2.818.863 il numero di persone che hanno contratto il virus Sars-CoV-2 (compresi guariti e morti) dall’inizio dell’epidemia. I decessi odierni sono 274 (ieri erano +232), per un totale di 95.992 vittime da febbraio 2020. Mentre le persone guarite o dimesse sono 2.334.968 complessivamente: 10.335 quelle uscite oggi dall’incubo Covid (ieri +8.946). E gli attuali positivi — i soggetti che hanno il virus — risultano essere in tutto 387.903, pari a -992 rispetto a ieri (+4.272 il giorno prima). La flessione degli attuali positivi di oggi — con il segno meno davanti — dipende dal fatto che i guariti, sommati ai decessi, sono in numero maggiore rispetto ai nuovi casi.

I tamponi e lo scenario

I tamponi totali (molecolari e antigenici) sono stati 170.672 , ovvero 80.314 in meno rispetto a ieri quando erano stati 250.986. Il tasso di positività è 5,6% (l’approssimazione di 5,642%): vuol dire che su 100 tamponi eseguiti più di 5 sono risultati positivi; ieri era 5,3%. Qui la mappa del contagio in Italia.

Meno contagi in 24 ore rispetto a ieri. Un drastico calo di nuove infezioni si osserva ogni lunedì per effetto di pochi tamponi: infatti, oggi sono comunicate le analisi processate di domenica e rappresentano il numero più basso di tutta la settimana. Il rapporto di casi/test sale al 5,6% dal 5,3% di domenica. Dal confronto con lunedì scorso quando sono stati comunicati +7.351 casi con un tasso di positività del 4,1% si nota che lo scenario non migliora. Sulla distanza settimanale, secondo i calcoli del fisico e comunicatore scientifico Giorgio Sestili, la situazione nell’arco di tempo 15-21 febbraio è stabile, mantenendosi così ormai da cinque settimane. «Nell’ultima settimana si sono registrati 87 mila casi e si rileva un leggero aumento del +3% rispetto a quella precedente — spiega Sestili —, ma i casi sono sostanzialmente in linea con l’andamento delle ultime cinque settimane. Ci sono però diverse province che hanno avuto un forte aumento dei contagi: Bolzano è la più colpita con 591 casi ogni 100 mila abitanti; Pescara con 448; Bologna con 311; Brescia con 298; Ancora con 297; Trento con 288; Perugia con 277 e Rimini con 272. C’è una concentrazione nel quadrante Nord-Est con una parte del centro Italia, come Umbria e Marche. Come se la scia di casi stia scendendo lungo la linea adriatica».

Ad avere un incremento di positivi a quattro cifre sono Emilia-Romagna (+1.847 casi), Lombardia (+1.491) e Campania (+ 1.202). Tutte le altre regioni segnano una crescita a due o tre cifre. Il numero più alto di tamponi regionali è stato fatto in Sardegna, pari a oltre 25 mila, che ha permesso di trovare 77 contagiati nelle ultime 24 ore.

Le vittime

Le vittime sono meno di 300 per il terzo giorno consecutivo (+232 morti ieri e +251 il 20 febbraio). Non era mai successo nel 2021. Precisiamo: i dati potrebbero essere incompleti, come capita nel weekend e a volte anche il primo giorno della settimana. Non lo sappiamo, in quanto non sono fornite informazioni in merito. In ogni modo la curva dei decessi su base settimanale sta scendendo: «Sono stati 2.141 i decessi in una settimana — precisa Sestili—, ossia il -7% di una settimana fa». Oggi, soltanto la Valle d’Aosta non ha lutti, mentre il maggior numero di morti è in Lombardia (+45 decessi), Lazio (+24), Emilia-Romagna (+23), Piemonte (+22) e Campania (+21). In basso il dettaglio di tutte le regioni.

Il sistema sanitario

Aumentano le degenze, ordinarie e non. I posti letto occupati nei reparti Covid ordinari sono +351 (ieri +79), per un totale di 18.155 ricoverati. I posti letto occupati in terapia intensiva (TI) sono +24 (ieri +31), portando il totale dei malati più gravi a 2.118. La variazione dei posti letto occupati, in area critica e non, indica il saldo tra i pazienti usciti e quelli entrati nelle ultime 24 ore: non vuol dire che non ci sono nuovi malati ospedalizzati. Infatti, i nuovi ingressi in TI sono +162 (ieri +125). Il maggior numero di persone entrate in rianimazione è in Lombardia (+26), Campania (+20) ed Emilia-Romagna (+17).

Coronavirus in Italia, il bollettino di oggi 22 febbraio: 9.630 nuovi casi e 274 morti

I vaccinati

I cittadini vaccinati sono oltre 3,5 milioni quelli che hanno ricevuto la prima dose e più di 1,3 milioni quelli che hanno fatto il richiamo. Qui la mappa aggiornata ogni sera e qui i dati in tempo reale del report «Vaccini anti Covid-19» sul sito del governo.

Qui tutti i bollettini dal 29 febbraio. Qui le ultime notizie della giornata.

Il Corriere ha creato una newsletter sul coronavirus. È gratis: ci si iscrive qui.

I casi regione per regione

Il dato fornito qui sotto, e suddiviso per regione, è quello dei casi totali (numero di persone trovate positive dall’inizio dell’epidemia: include morti e guariti). La variazione indica il numero dei nuovi casi registrati nelle ultime 24 ore. In aggiunta i tamponi complessivi, tra molecolari e rapidi.

Lombardia 580.771: +1.491 casi (ieri +2.514 ) con 17.871 tamponi
Veneto 327.016: +509 casi (ieri +718) con 10.314 tamponi
Campania 254.318: +1.202 casi (ieri +1.658) con 11.097 tamponi
Emilia-Romagna 247.856: +1.847* casi (ieri +1.852) con 12.312 tamponi
Piemonte 239.588: +639 casi (ieri +802) con 11.194 tamponi
Lazio 226.668: +854 casi (ieri +1.048) con 14.616 tamponi
Toscana 149.732: +911 casi (ieri +968) con 10.833 tamponi
Sicilia 149.402: +412 casi (ieri +411) con 18.558 tamponi
Puglia 140.802: +343 casi (ieri +758) con 4.161 tamponi
Liguria 75.910: +136 casi (ieri +266) con 3.438 tamponi
Friuli-Venezia Giulia 74.108: +145 casi (ieri +284) con 2.857 tamponi
Marche 63.856: +117 casi (ieri +488) con 1.047 tamponi
P. A. Bolzano 51.773: +183 casi (ieri +313) con 7.231 tamponi
Abruzzo 51.442: +351** casi (ieri +503) con 14.768 tamponi
Umbria 43.089: +97 casi (ieri +270) con 1.245 tamponi
Sardegna 40.765: +77 casi (ieri +33) con 25.403 tamponi
Calabria 36.704: +118 casi (ieri +170) con 1.312 tamponi
P. A. Trento 32.042: +60 casi (ieri +259) con 907 tamponi
Basilicata 14.886: +41 casi (ieri +65) con 624 tamponi
Molise 10.157: +83 casi (ieri +67) con 778 tamponi
Valle d’Aosta 7.978: +14 casi (ieri +5) con 106 tamponi

I decessi regione per regione

Il dato fornito qui sotto, e suddiviso per regione, è quello dei morti totali dall’inizio della pandemia. La variazione indica il numero dei nuovi decessi registrati nelle ultime 24 ore.

Lombardia 28.103: +45 decessi (ieri +50)
Veneto 9.721: +9 decessi (ieri +11 )
Campania 4.141: +21 decessi (ieri +14)
Emilia-Romagna 10.368: +23 decessi (ieri +41)
Piemonte 9.287: +22 decessi (ieri +8)
Lazio 5.743: +24 decessi (ieri +47)
Toscana 4.562: +16 decessi (ieri +15)
Sicilia 4.018: +19 decessi (ieri +18)
Puglia 3.782: +17 decessi (ieri +6)
Liguria 3.584: +11 decessi (ieri +4)
Friuli-Venezia Giulia 2.775: +11 decessi (ieri +8)
Marche 2.195: +11 decessi (ieri +7)
P. A. Bolzano 993: +13 decessi (ieri +6)
Abruzzo 1.628: +8 decessi (ieri +10)
Umbria 993: +10 decessi (ieri +11)
Sardegna 1.118: +5 decessi (ieri +4)
Calabria 667: +1 decesso (ieri +1)
P. A. Trento 1.196: +2 decessi (ieri nessun nuovo decesso)
Basilicata 368: +3 decessi (ieri +1)
Molise 336: +3 decessi (ieri +2)
Valle d’Aosta 414: nessun nuovo decesso per il secondo giorno di fila

*L’Emilia-Romagna comunica che dal totale dei positivi sono stati eliminati 4 casi dichiarati nei giorni precedenti, in quanto positivi al test antigenico ma non confermati da tampone molecolare.

**L’Abruzzo comunica che dal totale dei positivi, dichiarato nei giorni precedenti, sono stati sottratti 2 casi in quanto duplicati.

Articolo in aggiornamento…

22 febbraio 2021 (modifica il 22 febbraio 2021 | 18:00)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sorgente articoli: Vai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *