Categorie
Coronavirus Salute

Coronavirus in Italia, il bollettino di oggi 27 dicembre: 8.913 nuovi casi e 298 morti

I dati del bollettino sulla pandemia di Covid-19 di domenica 27 dicembre …

In Italia, dall’inizio dell’epidemia di coronavirus, almeno 2.047.696* persone (compresi guariti e morti) hanno contratto il virus Sars-CoV-2: i nuovi casi sono 8.913, +0,4% rispetto al giorno prima (ieri erano +10.407), mentre i decessi odierni sono 298, +0,4% (ieri erano +261), per un totale di 71.925 vittime da febbraio. I morti salgono a 305 se si aggiungono i 7 decessi di Bolzano di ieri comunicati oggi (vedi la nota). Le persone guarite o dimesse sono 1.394.011 complessivamente: 7.798 quelle uscite oggi dall’incubo Covid, +0,6% (ieri erano +9.089). E gli attuali positivi — i soggetti che adesso hanno il virus — risultano essere in totale 581.760, pari a +817 rispetto a ieri, +0,1% (ieri erano +1.055). Gli attuali positivi sono in crescita per il secondo giorno consecutivo, perché i nuovi casi sono più della somma di guariti e decessi.

Nota: attenzione. Tutti i dati odierni sono stati corretti rispetto a ieri con l’aggiunta di quelli di Bolzano del 26 dicembre che sono stati comunicati oggi 27 dicembre. P.A. Bolzano del 26/12: ieri +24 casi con 279 tamponi, +7 morti, -2 in terapia intensiva, +8 ricoveri, +15 guariti, +2 attuali positivi.

Meno contagi in 24 ore rispetto a ieri, a fronte di meno tamponi. I test sono in numero inferiore alla media (la media di questa settimana natalizia è di 143 mila, calcolata da lunedì 21), come accade sempre durante i festivi. Nella domenica del Vax day la situazione sul territorio nazionale non è uniforme: alcune regioni mostrano segnali di miglioramento, altre no, come il Veneto che comunica 3.337 nuovi contagiati.

Qui tutti i bollettini dal 29 febbraio. Qui le ultime notizie della giornata.

Il Corriere ha creato una newsletter sul coronavirus. È gratis: ci si iscrive qui.

Articolo in aggiornamento…

27 dicembre 2020 (modifica il 27 dicembre 2020 | 17:12)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sorgente articoli: Vai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *