Categorie
Coronavirus Iran MONDO Sanità USA Vaccini Variante Covid

Coronavirus, negli Usa stretta sui viaggi dal Regno Unito: tampone obbligatorio prima dell’imbarco. L’Iran ottiene l’ok per i primi vaccini, nonostante le sanzioni americane

Dopo la scoperta della variante Covid in Inghilterra, i Cdc negli Stati Uniti hanno ulteriormente limitato gli arrivi imponendo l’obbligo di un test prima dell’imbarco. Dopo una lunga trattativa, l’Iran ha ottenuto il via libera per l’acquisto delle prime dosi di vaccini contro il Coronavirus
L’articolo Coronavirus, negli Usa stretta sui viaggi dal Regno Unito: tampone obbligatorio prima dell’imbarco. L’Iran ottiene l’ok per i primi vaccini, nonostante le sanzioni americane proviene da Open. …


Usa

EPA/Peter Foley | Passeggeri al check-in della Delta Airlines all’aeroporto LaGuardia di New York

Da lunedì 28 dicembre tutti i passeggeri dei voli in arrivo dal Regno Unito negli Stati Uniti dovranno ottenere un test Covid negativo prima dell’imbarco. La direttiva emessa ieri, 24 dicembre, dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie segue i precedenti provvedimenti che già limitavano i viaggi in arrivo dal Regno Unito a poche circostanze, come il rientro degli americani, i ricongiungimenti famigliari e i rientri per chi è in possesso di un visto. La stretta arriva dopo la scoperta della nuova variante del Covid in Inghilterra, che secondo i Cdc: «potrebbe essere fino al 70% più trasmissibile rispetto alle precedenti varianti già in circolazione».

Iran

EPA/ABEDIN TAHERKENAREH | Iraniani indossano le mascherine in un mercato di Teheran

L’Iran ha ottenuto il via libera dal governo degli Stati Uniti per l’acquisto di quasi 17 milioni di dosi del Vaccino contro il Coronavirus, dopo che l’operazione era stata bloccata per le sanzioni americane su Teheran contro il programma nucleare iraniano. Il governatore della banca centrale iraniana, Abdolnaser Hemmati, ha spiegato che erano stati destinati 244 milioni di dollari per l’acquisto dei vaccini e che nei giorni scorsi aveva ricevuto rassicurazioni sull’esenzione dalle sanzioni, visto che queste non possono impedire acquisti per aiuti umanitari e nel settore medico. Nonostante le garanzie di Washington, però, come riporta il New York Times, Hemmati ha detto alla tv di stato iraniana che diversi tentativi di pagamento tramite una banca in Svizzera erano stato bloccati.

Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *