Categorie
Coronavirus Cronache

Coronavirus, Patuanelli in autoisolamento dentro il ministero dello Sviluppo economico

Gli aggiornamenti sulla diffusione del Covid-19. Oltre 3 mila i morti in 65 Paesi. Diminuiscono i contagi in Cina. L’Iss valuta di allargare la zona rossa …

L’Istituto Superiore di Sanità valuta di allargare la zona rossa tra Alzano Lombardo e Nembro in provincia di Bergamo dove si registra un aumento di casi. Il bilancio in Italia è di oltre 2.260 malati e 80 morti (qui la mappa). Rinviata la semifinale di ritorno di Coppa Italia tra Juventus e Milan in programma stasera a Torino, e quella di domani tra Napoli e Inter. Continuano a diminuire le nuove infezioni in Cina: 119 gli ultimi contagi. Numeri ancora alti, invece, in Corea del Sud. In Giappone superata la soglia dei mille totali (qui la situazione nel mondo). Salgono ad almeno 9 i decessi negli Usa, dove Trump ha donato tre mesi del suo stipendio per l’emergenza. Qui la situazione della giornata a Bergamo, e nelle Regioni CampaniaEmiliaToscanaVeneto.

Articolo in aggiornamento…

Ore 15.23 – Primo morto in Piemonte
Si tratta di ultraottantenne con patologie pregresse.

Ore 13.41 – Conte alle 16 fa il punto con i presidenti delle Regioni
Conte alle ore 16 farà il punto con i presidenti di Regioni sulle misure di contrasto al coronavirus. Poi il premier vedrà le parti sociali.

Ore 13.35 – Scuole chiuse in tutta Italia: la decisione entro stasera
(Monica Guerzoni) È una misura molto drastica, il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte ne è consapevole, ma la linea del governo è affidarsi al comitato scientifico. In questi minuti a Palazzo Chigi nella riunione con tutti ministri presieduta dal premier sta maturando la decisione anticipata dal Corriere, di chiudere tutte e scuole d’Italia a partire probabilmente da domani e per tutta la settimana prossima. L’ufficialità ancora non c’è, sarà il presidente del Consiglio a rendere pubblica la notizia al termine dell’incontro con la squadra di governo al più tardi in serata, quando si sarà confrontato con le parti sociali. La discussione con i ministri su un tema così sensibile è stata molto animata. Gli interrogativi riguardano la durata del provvedimento e il timing.

Ore 13.19 – Oms,tasso mortalità 3,4%, più di influenza
Il coronavirus causa «una malattia più grave dell’influenza stagionale: a livello globale, circa il 3,4% dei casi riportati di Covid-19 è deceduto mentre l’influenza stagionale generalmente uccide molto meno dell’1% di quelli infetti». Lo ha sottolineato l’Oms.

Ore 13.10 – A Genova nave in isolamento
A Genova una nave è in isolamento. Un traghetto è stato «bloccato» e l’equipaggio, 50 persone circa, è stato messo in quarantena dai medici del 118. Ciò perché un passeggero nordafricano che ha viaggiato a bordo della nave è risultato positivo al coronavirus in Tunisia.

Ore 13.02 – Terza vittima nelle Marche
È deceduto nella notte all’Inrca di Ancona un anziano ottantacinquenne del capoluogo di regione, con patologie pregresse. Si tratta della terza vittima marchigiana, tra i pazienti risultati positivi al Coronavirus. Lo rende noto Regione Marche.

Ore 12.59 – Sospensione ateneo Viterbo
È stata la positività al Covid-19 di un docente del polo di Agraria e di una studentessa di nazionalità georgiana già allo «Spallanzani» di Roma a determinare la sospensione delle attività didattiche all’università di Viterbo.

Ore 12.55 – Cina, -80% le vendite di auto a febbraio
La vendita di auto ha registrato in Cina un crollo dell’80%, pagando gli effetti dell’epidemia di coronavirus.

Ore 12.53 – Olanda sconsiglia i viaggi in Nord Italia
Il ministero degli Esteri dei Paesi bassi ha innalzato ad arancione il codice che si applica alle regioni del Nord Italia come conseguenza dell’epidemia di coronavirus.

Ore 12.37 – Galli (Sacco): «Fantascienza ripresa prossima settimana»
Dopo che più esperti hanno definito questa settimana «decisiva» per il contenimento dell’infezione da coronavirus, ha senso pensare che dalla prossima possano riaprire attività e servizi? «No, è fantascienza — ha risposto l’infettivologo Massimo Galli, primario dell’ospedale Sacco di Milano, intervenuto oggi a 24Mattino su Radio 24 —. Non credo che una situazione con queste caratteristiche si normalizzi al punto da tornare a breve alla normalità», ha aggiunto.

Ore 12.35 – Allerta Oms su banconote: «Rischio di contagio»
Anche le banconote rischiano di essere veicolo di contagio da coronavirus. L’avvertimento arriva da un portavoce dell’Oms, citato oggi fra gli altri dalla Bbc. «Sappiano che il denaro passa di mano con frequenza e può catturare ogni tipo di batterio o di virus, per questo suggeriamo alle persone di lavarsi le mani dopo aver maneggiato i soldi». Cina e Corea hanno già avviato nei giorni scorsi procedure di disinfezione di banconote in circolazione.

Ore 12.30 – Chiuso pronto soccorso ospedale nel Foggiano
È stato chiuso a scopo precauzionale il pronto soccorso dell’ospedale Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo (Foggia), essendo risultato un paziente positivo al coronavirus.

Ore 12.20 – Il Bollettino dello Spallanzani di Roma
« In questo momento sono ricoverati presso il nostro istituto 56 pazienti. Di questi 20 sono risultati positivi al nuovo coronavirus, più i due cinesi ormai negativizzati. Tutti i ricoverati sono in condizioni cliniche che non destano preoccupazioni ad eccezione di tre che presentano una polmonite interstiziale bilaterale in terapia antivirale e che necessitano di supporto respiratorio». È quanto emerge dal nuovo bollettino dello Spallanzani. «Si sta provvedendo a dimettere 22 pazienti, risultati negativi ai test o che non richiedono più ospedalizzazione». «Non abbiamo al momento notizie di altri agenti di Polizia positivi al coronavirus».

Ore 12.17 –Riaperto il Louvre di Parigi
Il museo del Louvre, chiuso da domenica per i timori sul coronavirus, è stato riaperto. Lo annuncia la direzione del museo dopo una riunione con il personale.

Ore 12.05 — Sala: «Governo estenda aiuti alla “zona gialla”»
Il governo potrebbe «estendere alla zona gialla quello immaginato per la zona rossa» come per esempio «i 500 euro ai lavoratori autonomi, che credo si debba fare anche per il nostro territorio»: lo ha detto il sindaco di Milano Giuseppe Sala in diretta su Corriere tv. E ha aggiunto: «Non c’è occasione migliore per provare a sperimentare lo smart working. Noi lo abbiamo concesso a 500 dipendenti comunali. Anzi non è una concessione ma una opportunità. Lancio un invito alle aziende: provateci, è veramente il momento in cui serve» il tele lavoro. E ha concluso: «Ci vorranno due mesi per tornare alla normalità».

Ore 12.01 – Attesa per «zona rossa» per 25 mila bergamaschi
Clima d’attesa e poche persone in giro nei Comuni di Nembro e Alzano Lombardo, centri della media valle Seriana, nella Bergamasca, dove vivono quasi 25 mila persone.

Ore 11.50 – Belgio, 10 nuovi casi, di questi 9 sono stati in Italia
Con i dieci nuovi casi di coronavirus identificati in Belgio durante la notte, nove dei quali sono tornati da un viaggio nel Nord Italia, salgono a 23 i contagi rilevati nel Paese, come indica l’ultimo bollettino rilasciato dal servizio sanitario federale.

Ore 11.33 – Positivi due assessori dell’Emilia-Romagna
Sono positivi al coronavirus due assessori della Regione Emilia-Romagna: si tratta dell’assessore alle Politiche per la Salute, Raffaele Donini, e dell’assessora alla Montagna Barbara Lori. Lo comunica la Regione in una nota. Entrambi sono in buone condizioni e si trovano a casa dove rispetteranno il periodo di isolamento. Negativo il presidente Stefano Bonaccini che parteciperà in videoconferenza all’incontro con Conte e le parti sociali previsto nel pomeriggio.

Ore 11.29 – Germania, i positivi aumentano: ora sono 240
Il numero totale dei contagiati in Germania è 240: ieri erano 196. La regione più colpita resta il Nordreno-Vestfalia con 111 casi. Seguono la Baviera con 48 e il Baden-Wuerttemberg con 44. Salgono a 6 i positivi berlinesi.

Ore 11.18 – Oms avverte: c’è carenza di dispositivi di protezione
Nel mondo c’è una carenza di dispositivi protettivi, dalle mascherine ai guanti, dovuta alla diffusione del coronavirus, e le aziende dovrebbero aumentare la produzione del 40% per far fronte all’emergenza. Lo scrive l’Oms in un comunicato, in cui sottolinea che a causare l’aumento della domanda ci sono anche fenomeni come l’accaparramento e l’utilizzo errato.

Ore 11.17 – Veneto, salgono a 360 i casi nella regione con sei morti
Salgono a 360 i casi positivi al Coronavirus registrati in Veneto, con sei morti in totale. Nel bollettino delle 17.00 di ieri erano 333. Al momento, i ricoverati sono 99 (+18), di cui 23 sono in terapia intensiva (+4), e con 9 dimissioni. Si registra un morto in più rispetto a ieri , la persona è deceduta all’ospedale di Venezia.

Ore 11.11 – Il piano per aumentare del 50% i posti in terapia intensiva
È pronto il piano del Governo per aumentare i posti di terapia intensiva sul territorio. Si prevede un incremento del 50% dei posti letto in terapia intensiva e del 100% nelle unità di pneumologia e malattie infettive. Inoltre, per mantenere un’adeguata performance assistenziale delle equipe sanitarie che lavorano nelle aree dei contagi «deve essere pianificato un programma di turnazione, reclutando anche operatori che svolgono attività in altre aree del Paese meno sottoposte a carichi assistenziali legati alla gestione dei pazienti affetti da Covid-19». Lo indica una circolare del ministero della Salute.

Ore 11.01 – Nel mondo 3.200 morti e 93.455 contagiati
Sono arrivati a 3.198 i decessi nel mondo per il coronavirus, mentre 93.455 sono i contagiati e 50.700 le persone guarite. È il quadro in tempo reale dell’università Johns Hopkins.

Ore 10.54 – Positivo dipendente dell’Agenzia Europea per la Difesa
Primo caso di coronavirus nelle istituzioni Ue. Si tratta di un dipendente dell’Agenzia Europea per la Difesa (Eda) risultato positivo al Covid-19: l’uomo era tornato la scorsa settimana a Bruxelles dall’Italia. L’Eda ha cancellato tutte le riunioni fino al 13 marzo e tutti gli incontri esterni dello staff, per precauzione.

Ore 10.50 – Donna positiva al Campus Biomedico di Roma
È risultata positiva al test per il coronavirus una donna al policlinico Campus Biomedico di Roma. La paziente messa subito in isolamento è stata trasferita già ieri sera all’Istituto Spallanzani.

Ore 10.47 – Salta l’appuntamento di Fridays For Future a Sassari
Il terso appuntamento nazionale di Fridays For Future, il movimento di giovani per il clima nato sulle orme di Greta Thunberg, in programma per il weekend 14-15 marzo a Sassari, in Sardegna, è stato rinviato a data da destinarsi.

Ore 10.41 – Napoli-Inter rinviata
Dopo Juventus-Milan, anche Napoli-Inter, seconda semifinale di ritorno della Coppa Italia in programma giovedì sera allo stadio San Paolo, è stata rinviata per l’emergenza coronavirus. Lo confermano fonti del Governo.

Ore 10.38 – Dodici infermieri delle Molinette in isolamento

All’ospedale Molinette dodici infermieri del pronto soccorso sono in isolamento da questa mattina dopo l’arrivo di due pazienti affetti da coronavirus. Il servizio di emergenza è comunque rimasto aperto.

Ore 10.10 – Gallera: «Servono assunzioni di sanitari a chiamata diretta»
Per affrontare l’emergenza l’assessore lombardo al Welfare, Giulio Gallera, ha spiegato che bisogna incrementare il personale sanitario: «Al Governo chiediamo adeguate risorse economiche, personale medico-sanitario qualificato e possibilità di assumere in maniera agile anche a chiamata diretto e per esempio gli specializzandi».

Ore 9.44 – Morto un uomo di 75 anni nel Foggiano
Un uomo di 75 anni, positivo al virus, è morto a San Marco in Lamis nel Foggiano e il sindaco del paese Michele Merla ha disposto la chiusura delle scuole e rimandato il mercato settimanale a data da destinarsi. Sono state disposte anche le operazioni di sanificazione degli ambienti scolastici.

Ore 9.42 – Primo morto in Iraq
Le autorità di Baghdad hanno comunicato il primo decesso per coronavirus in Iraq. È un uomo di 70 anni (un religioso locale) morto a Sulaimani poco dopo essere risultato positivo al test. Era affetto da altre patologie pregresse. Finora i casi confermati nel Paese sono 31.

Ore 9.35 – Primo caso di contagio in Polonia

La Polonia ha annunciato di avere il primo caso di contagio. Si tratta di uomo che aveva soggiornato in Germania. «Non è anziano, quindi non fa parte dei pazienti a rischio», ha dichiarato il Ministro della Sanità Lukasz Szumowski. In attesa di verificare altri possibili casi (68 persone sono ricoverate per le verifiche) ci sono circa 500 polacchi in quarantena preventiva.

Ore 8.59 –L’esame di stato per l’abilitazione dei medici
(Fiorenza Sarzanini) Il ministero dell’Istruzione ha fissato al 16 luglio 2020 l’esame di stato per l’abilitazione dei medici. «Esprimiamo il nostro apprezzamento per l’operato del Governo, con il quale siamo in contatto costante anche attraverso la partecipazione alla Task Force e che, lo sappiamo per certo, sta mettendo in atto tutte le misure necessarie ed adeguate per la prevenzione, il contenimento e la gestione del Covid-19 – dichiara il presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri Filippo Anelli -. Apprezziamo il fatto che il Governo adotti e moduli tali misure non sulle ragioni della politica ma su quelle della scienza e della pratica clinica, che vengono suggerite dai medici e dagli scienziati del team»

Ore 8.58 – In India positivi 14 turisti lodigiani, ora in quarantena
Sono 14, e non 15 come riportato in precedenza, i turisti lodigiani (su un totale di 21) che si trovano in India, risultati positivi al tampone del virus. Sono in quarantena in una struttura militare a Delhi. Fanno parte del gruppo di turisti che era in viaggio in India assieme ai due coniugi già contagiati e ricoverati da due giorni in isolamento a Jaipur.

Ore 8.53 – Iran, positivo il ministro dell’Industria
Il ministro iraniano dell’Industria, delle Miniere e del Commercio, Reza Rahmani è risultato positivo al test per il coronavirus: è ricoverato a Teheran e le sue condizioni di salute sono in via di miglioramento. Il presidente iraniano Hassan Rohani ha dichiarato: «Il coronavirus si diffuso praticamente in tutte le province dell’Iran», augurandosi che la nazione possa uscire presto dall’emergenza con il numero minimo di morti.

Ore 7.56 – Prime due vittime nel Milanese

In Lombardia le vittime sono 55 in totale con i dati diffusi ieri. I decessi nel Milanese sono due over 75, uno di Inzago e uno di Melegnano. Allarme in un circolo di Bresso per via di un anziano deceduto in casa che viene classificato come «probabilmente collegato all’epidemia Covid-19», sul quale andranno eseguiti gli accertamenti (leggi l’approfondimento).

Ore 7.56 – In Cina un caso di contagio dall’Italia

Tra i nuovi casi registrati a Pechino uno riguarda una persona che si è infettata in Italia, mentre l’altro contagiato ha preso il virus in Iran. Ad annunciarlo la Commissione sanitaria nazionale (Nhc) del Paese.

Ore 7.40 – In Cina oltre 80 mila contagiati e 49 mila guariti

In Cina i positivi al virus sono 80.270 con 2.981, mentre i guariti sono saliti a 49.856. Nella giornata del 3 marzo i nuovi casi sono stati 119 nuovi casi (in diminuzione) e 38 decessi, tutti nella provincia di Hubei. Restano in gravi condizioni 6416 persone. A Hong Kong i casi sono 100, con 2 morti e 10 a Macao.

Per approfondire:

Ore 6.56 – Positivo al primo test un uomo di Vasto (Chieti)
Un uomo di Vasto (Chieti), ora ricoverato in isolamento all’ospedale San Pio della città, è risultato positivo al Covid-19, dal test eseguito nel laboratorio di riferimento regionale di Pescara. Il campione è stato inviato all’Istituto Superiore di Sanità per le controanalisi. Se confermato sarebbe il sesto caso in Abruzzo. Intanto, il sindaco Francesco Menna ha disposto la chiusura di tutte le scuole di Vasto. Istituti chiusi anche a Casalbordino: il contagiato è un docente (qui la mappa delle scuole chiuse).

Ore 3.45 – Paziente di 55 anni positivo ricoverato a Livorno, è grave

Un uomo di 55 anni risultato positivo al test è ricoverato in isolamento nel reparto di rianimazione dell’ospedale di Livorno. Le sue condizioni sono definite critiche. Si è presentato autonomamente al pronto soccorso. Adesso tutti gli operatori del reparto che sono entrati in contatto con lui sono stati posti in quarantena preventiva.

4 marzo 2020 (modifica il 4 marzo 2020 | 15:39)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sorgente articoli: Vai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *