Categorie
Cina Coronavirus MONDO OMS Sanità Scuola USA

Coronavirus, prof contro la riapertura delle scuole a Chicago: quasi la metà a rischio assenza. Via libera a Wuhan agli ispettori dell’Oms

Si sblocca la missione degli ispettori dell’Oms a Wuhan, dopo il via libera del governo cinese al team internazionale fissato per giovedì 14 gennaio. Negli Stati Uniti gli insegnanti di Chicago minacciano di non tornare in classe nel giorno del rientro a scuola dopo quasi un anno
L’articolo Coronavirus, prof contro la riapertura delle scuole a Chicago: quasi la metà a rischio assenza. Via libera a Wuhan agli ispettori dell’Oms proviene da Open. …


Usa

EPA/ETIENNE LAURENT | Alunni in classe in una terza elementare alla St. Joseph Catholic School, a Los Angeles

È scontro nel mondo della scuola nel distretto di Chicago, il terzo più grande degli Stati Uniti, dove è stato fissato il rientro in classe a partire dagli asili e parte delle scuole elementari, nonostante la contrarietà degli insegnanti che temono un aumento dei contagi di Coronavirus. Mentre buona parte delle grandi città americane ha deciso di rinviare la riapertura delle scuole alla prossima primavera, a Chicago è previsto il rientro in presenza di circa 6 mila alunni, costretti alla didattica a distanza ormai dallo scorso marzo.

Cresce però il dubbio che gli alunni possano trovare i propri insegnanti in classe, dopo che il sindacato dei professori ha contestato duramente il piano di rientro, sostenendo che le scuole non siano ancora sicure. Nell’ultima settimana, riporta il New York Times, si sono presentati alle rispettive scuole meno del 60% dei 2 mila insegnanti previsti. L’amministratore delegato del distretto scolastico Chicago, Janice Jackson, ha avvertito che sarebbero stati sospesi i pagamenti per gli insegnanti risultati assenti non giustificati.

Cina

EPA/ROMAN PILIPEY | Una donna fa esercizi in riva a un lago a Wuhan, in Cina

Via libera agli ispettori dell’Oms a Wuhan

La Commissione sanitaria nazionale della Cina ha fissato a giovedì 14 gennaio l’inizio della visita degli ispettori dell’Oms, che indagheranno sulle origini della pandemia a partire da Wuhan. Il via libera arriva dopo l’improvvisa frenata da parte di Pechino, che la scorsa settimana non aveva ancora rilasciato i visti a parte del team di ispettori, tra cui alcuni che erano già in viaggio verso la Cina. La pandemia intanto torna a preoccupare Pechino, con 103 nuovi casi rilevati nelle ultime 24 ore, un picco che non si registrava da cinque mesi. Dei nuovi casi, 85 sono relativi a contagi interni, 82 nella sola provincia dell’Hebei.

Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *