Categorie
Coronavirus Esteri

Coronavirus, quando il «negazionista» è famoso all’estero. Il più scatenato ha giocato nella Roma e nel Verona

Ogni Paese ha la sua star «cospirazionista». Ecco i personaggi che fuori dai confini italiani hanno espresso dubbi sull’uso delle mascherine e chiesto la fine delle misure anti-Covid …

Ogni Paese ha il suo negazionista (famoso). Nel corso degli ultimi mesi diversi personaggi in Italia, dal cantante Andrea Bocelli all’attore Massimo Boldi hanno espresso dubbi sull’uso di mascherine o addirittura sul contagio in generale. Poi finiti alla gogna mediatica, hanno fatto (quasi) tutti brusche retromarce. Negli altri Paesi la situazione è simile. Anzi, alcuni personaggi celebri sono addirittura alla guida di movimenti che si oppongono alle misure d’emergenza e chiedono la fine delle misure protettive che hanno lo scopo di ridurre il rischio di trasmissione del Coronavirus. Una di queste è Thomas Berthold, ex calciatore tedesco che ha giocato tra fine anni ‘80 e inizio anni ‘90 prima nel Verona e poi nella Roma e nel 1990 è diventato campione del mondo con la Germania in Italia. L’8 agosto il 56enne Berthold era tra gli oratori della protesta organizzata dall’associazione «Iniziative Querdenken» (iniziativa pensiero trasversale) e ha tenuto un discorso davanti a una folla di 5 mila persone a Stoccarda nel quale ha chiesto al governo di ritirare le misure anti-Covid e di restituire ai tedeschi la libertà.

26 agosto 2020 | 11:17

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sorgente articoli: Vai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *