Categorie
Coronavirus Corriere

«Corsi preparto  su Skype, il nome della bimba scelto al telefono: la gravidanza in quarantena» Raccontateci le vostre storie d’amore con il coronavirus

Gianluca, 37 anni, vive a Casalpusterlengo e non vede la sua fidanzata Giulia, 35, dal 21 febbraio: la nascita della loro prima bimba è prevista per il 3 luglio …

L’amore, in tempi di coronavirus, ha acquisito dimensioni nuove. C’è chi, improvvisamente, lo deve vivere a distanza e chi, invece, lo sente improvvisamente troppo vicino. Chiusi in casa per settimane, senza poter incontrare altre persone e obbligati, se si vive con qualcuno, a passare tutti i giorni insieme: l’isolamento forzato è una situazione difficile, che sta mettendo a dura prova le relazioni fuori e dentro casa. E voi, come state vivendo l’amore in queste settimane? Raccontateci la vostra storia qui: gli interventi migliori verranno pubblicati in una serie di articoli sul sito del Corriere. Se volete potete farlo anche su Instagram pubblicando una foto e menzionando @corriere con l’hashtag #amorecoronavirus.

Il nome lo hanno scelto durante una delle videochiamate quotidiane: la loro prima figlia si chiamerà Ginevra. Dovrebbe nascere il 3 luglio. Se le previsioni sono esatte, per quella data In Italia dovremmo essere a contagio zero: l’ultima regione ad arrivare a questo risultato, il 28 giugno secondo le stime degli esperti, dovrebbe essere la Lombardia. Dove vive Gianluca, il futuro papà. Mentre la futura mamma, Giulia, abita in provincia di Verona. Non si vedono dal 21 febbraio. Perché Gianluca vive a Casalpusterlengo, una delle prime zone rosse d’Italia.

Gianluca e Giulia, 37 e 35 anni, si sono conosciuti al lavoro, tre anni fa a Verona. Si sono messi insieme ma dopo qualche mese per lui, originario di Teramo, è saltata fuori un’opportunità proprio a Casalpusterlengo. Ha deciso di accettare e per due anni la loro è stata una storia a distanza. Anche se, ammette lui, forse non si può parlare di distanza quando a dividere due persone c’è solo un’ora e mezza di auto. Si vedevano tutti i weekend e spesso, quando la nostalgia era troppa, anche durante la settimana. Il prezzo da pagare? Tutto sommato minuscolo: solo una levataccia per essere puntuale al lavoro il giorno dopo, ma con il sorriso per aver passato del tempo insieme. A novembre arriva la bella notizia: Giulia è incinta. A gennaio, passati i canonici tre mesi, Gianluca lo annuncia ai suoi responsabili e chiede di essere trasferito di nuovo a Verona. Ottiene sì il via libera e comincia anche i preparativi.

Solo che in Italia arriva il coronavirus e, qualche settimana più tardi, Casalpusterlengo viene chiusa. Lui con sincerità racconta che il 21 febbraio, quando ha sentito l’annuncio del premier Conte che istituiva le prime zone rosse, la tentazione di mettersi in auto e raggiungere Giulia a Verona l’ha avuta. Tentazione che a volte ritorna anche oggi: partire, magari a notte fonda, sperare di non venire fermato e controllato e andare dalla sua fidanzata. Però è solo un pensiero che va e viene, perché lui nelle regole ci crede e intende rispettarle. E quando ci scherza su è la stessa Giulia a bloccarlo: gli dice che sta bene, che possono aspettare, che si vedranno quando sarà possibile farlo.

Nel frattempo la gravidanza va avanti. Quando hanno capito che il tempo in cui sarebbero rimasti divisi si sarebbe allungato parecchio hanno deciso di scegliere il nome della bimba durante una telefonata: un modo, per Gianluca, di sentirsi più vicino. Giulia molto spesso avvicina lo smartphone al pancione così che la piccina possa sentire la voce del papà. Sarà vero che poi i neonati la riconosceranno? Lei è convinta di sì, lui tema che la sua voce sia diversa, quasi metallica, e che quindi Ginevra finirà per non riconoscerlo. Intanto, la osserva più spesso che può anche se a distanza. Quando si mette in posizioni strane Giulia lo videochiama per fargli vedere, in tempo reale, come cambia la forma della sua pancia. E stasera hanno un appuntamento: la prima lezione del corso preparto, su Skype naturalmente.

Le storie:

21 aprile 2020 (modifica il 21 aprile 2020 | 21:17)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sorgente articoli: Vai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *