Categorie
Coronavirus Roma - Cronaca

Covid, mozione alla Regione: mascherine trasparenti a scuola in aiuto dei bimbi ipoudenti

L’iniziativa di Eleonora Mattia, presidente della IX Commissione Pari opportunità: « I bambini devono poter cogliere le espressioni facciali e il labiale di compagni e insegnanti» …

«Con l’obbligo delle mascherine, la pandemia Covid-19 ha reso ancora più complicata la già difficile vita dei bambini ipoudenti, che si ritrovano con un’altra barriera comunicativa. Le mascherine chirurgiche, infatti, sono per loro un grosso ostacolo per la comunicazione e l’apprendimento». Per questa ragione, Eleonora Mattia, Presidente della IX Commissione Pari opportunità del Consiglio regionale del Lazio, ha depositato, con il sostegno del gruppo del Partito Democratico, una mozione per dotare insegnanti e alunni ipoudenti di mascherine «inclusive» e trasparenti, che consentano loro la lettura del labiale dell’interlocutore.

«Per gli scolari ipoudenti, infatti, cogliere le espressioni del volto – commenta ancora la Mattia – è determinante per la piena comprensione, la corretta comunicazione e l’inclusione scolastica, ma anche per mantenere e favorire le relazioni coi coetanei. Le mascherine tradizionali non permettono di vedere i volti, le espressioni, i sorrisi ma soprattutto non permettono di leggere il labiale». Con la mozione si chiede, quindi, di dotare gli istituti scolastici frequentati da studenti con disabilità uditiva, i docenti e gli alunni presenti in classe, di mascherine trasparenti o altro tipo di dispositivi di protezione individuale che mettano nella condizione gli alunni di poter ricevere l’istruzione dell’obbligo nelle idonee condizioni di ascolto supportate dalla lettura labiale. E si chiede anche di più alla Regione Lazio, cioè di farsi portavoce con il Governo perché questo provvedimento venga recepito a livello nazionale per permettere agli studenti affetti da ipoacusia di vivere serenamente, al pari dei coetanei, l’anno scolastico.

16 ottobre 2020 | 15:35

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sorgente articoli: Vai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *