Categorie
Coronavirus Tecnologia

Covid, nasce la prima mascherina di Apple (ma solo per i dipendenti)

L’«Apple Face Mask», si compone di tre strati ed è riutilizzabile fino a cinque volte. Via alle spedizioni entro due settimane. E si pensa anche a una soluzione trasparente… …

Lo scorso aprile il Ceo di Apple Tim Cook aveva annunciato l’imminente entrata in produzione di oltre un milione di scudi facciali alla settimana per contribuire al contrasto al Covid-19. Oggi è giunto anche il turno delle mascherine, ma solo per i dipendenti dell’azienda. Lo ha reso noto Bloomberg, specificando come il nuovo dispositivo, ideato dagli stessi ingegneri che di norma lavorano su prodotti di punta quali iPhone e iPad, prenderà il ben poco originale nome di «Apple Face Mask». Conclusa la fase di sviluppo, la company spera ora di avviare le spedizioni entro le prossime due settimane, con tutta probabilità a partire dagli Stati Uniti.

macrumors.com

macrumors.com

macrumors.com

Confortevole e riutilizzabile

Composta da tre strati in grado di filtrare le particelle sia in entrata che in uscita (come le Ffp2 e le Ffp3 senza valvola, per intenderci), la mascherina disporrà di un’ampia copertura per il naso e per il mento e di stringhe regolabili per il massimo comfort intorno alle orecchie. A rivelarne per primi l’aspetto, la senior vice president Retail&People della Mela Deirdre O’Brien e i colleghi di macrumors.com. Ma non è finita qui. L’Apple Face Mask sarà infatti sanificabile e riutilizzabile fino a cinque volte, dunque con un occhio di riguardo per la sostenibilità. L’azienda si è inoltre assicurata che i materiali scelti non incidano sulle forniture destinate al personale sanitario, che restano prioritarie.

In arrivo anche trasparenti

In verità la Face Mask non sarà l’unico dispositivo che Cupertino farà pervenire ai suoi dipendenti. Per agevolare i clienti con problemi di udito è infatti prevista anche la distribuzione di alcuni esemplari di ClearMask, la prima mascherina trasparente certificata dalla Fda, (ente governativo Usa che si occupa della regolamentazione dei prodotti farmaceutici). Ma potrebbe trattarsi di un semplice passaggio intermedio, in quanto anche in questo caso Apple starebbe valutando una possibile soluzione interna. Si attendono ulteriori sviluppi.

14 settembre 2020 (modifica il 14 settembre 2020 | 10:37)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sorgente articoli: Vai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *