Categorie
Coronavirus Politica

Covid, Speranza: «Nel nuovo Dpcm mascherina all’aperto, anche con amici. Dati in crescita, no illusioni»

Il ministro della Salute illustra alla Camera (e poi al Senato) la situazione della pandemia e anticipa i nuovi provvedimenti allo studio del Governo: «Situazione in Italia migliore, ma non facciamoci illusioni. Nessuna Regione può sentirsi fuori dai rischi» …

«L’Italia sta meglio in questo momento» rispetto a molti altri Paesi europei, «insieme alla Germania è quello che sta reggendo meglio la seconda ondata ma non dobbiamo farci nessuna illusione».C’è — infatti — una fase di «peggioramento oggettivo. Da 9 settimane c’è una tendenza alla crescita dei numeri.Sarebbe profondamente sbagliato immaginare di esserne fuori». Così in Aula alla Camera il ministro della Salute, Roberto Speranza, nel corso delle comunicazioni sulnuovo Dpcm che conterrà la proroga dello stato di emergenza fino al 31 gennaio del 2021. «L’Italia — ha aggiunto — ha un piccolo vantaggio rispetto agli altri Paesi europei, ma questo vantaggio non può essere vanificato. In questo momento seguire la linea della prudenza che fino ad oggi ci ha guidato». «A febbraio, marzo e aprile il virus — ricorda infatti il ministro — aveva colpito un pezzo d’Italia circoscritto, la Lombardia e alcune aree del Nord. Oggi non c’è più una dinamica di territorialità. Nessuna Regione può sentirsi fuori dai rischi».

La tendenza al peggioramento

La valutazione del presidente del Consiglio di prorogare lo stato di emergenza «è corrispondente alla situazione in cui si trova il Paese», ha chiarito. «È sotto gli occhi di tutto che il quadro internazionale e nazionale segnali una mutazione di fase rispetto ai mesi passati; nel mondo i contagiati superano 35 milioni con oltre 1 milione di decessi, e l’Ecdc posizione l’Italia al 45esimo posto», ha sottolineato, facendo un bilancio della pandemia. In due mesi c’è stato «un salto in avanti significativo dei casi: 3.487 ora sono i ricoverati e in terapia intensiva abbiamo 323 persone. Questi numeri a oggi sono sostenibili per il nostro Ssn. Inoltre nella prima fase l’età media dei casi era di 70 anni ora è di 41 anni, anche in questo caso la tendenza non può farci stare tranquilli perché ad agosto l’ età media era di 31 anni».

Leggi anche

Le tre regole da seguire

Speranza è, poi, tornato a fare il punto sulle tre regole fondamentali per la gestione dell’emergenza sulle quali è costruito il nuovo Dpcm: «Serve uno sforzo in più, valutiamo quindi l’estensione dell’obbligo di utilizzare la mascherina anche all’aperto, in maniera continuativa e in ogni situazione, anche con gli amici», ha sottolineato. Sulle ultime due regole «imparate» in questi mesi, ha ribadito l’importanza dell’«obbligo del distanziamento, per questo il Governo sta lavorando sugli strumenti per evitare gli assembramenti» e dell’«igiene».

«Nelle scuole impatto basso»

Penso — ha concluso — che sia «ancora presto» per un giudizio definitivo sulla capacita del Paese di mantenere un livello basso di contagio nelle scuole, ma «i primi numeri segnalano un impatto basso e buona capacita di tenuta. I casi ci sono e ci saranno nelle prossime settimane ma i protocolli che abbiamo individuato in questo momento sono solidi e se rispettati con rigore possono consentirci di gestire la partita delle scuole», ricordando i numeri dei contagi nelle scuole diffusi lunedì sera dalla collega Lucia Azzolina. «Stiamo rafforzando la nostra capacità di testing e abbiamo superato i 120mila test al giorno. Il mio auspicio è che si possa arrivare al piu presto all’utilizzo dei test salivari soprattutto rispetto ai piu piccoli». I prossimi mesi «saranno non facili, di convivenza» con il virus, «ma in attesa di cure e vaccini dobbiamo recuperare appieno lo spirito di comunità, di unità nazionale. L’unità di marzo e aprile, quando il Paese si è stretto a coorte».

6 ottobre 2020 (modifica il 6 ottobre 2020 | 10:59)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sorgente articoli: Vai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *