Categorie
Coronavirus Corriere

Cybersecurity: il coronavirus usato come esca dai criminali del web per sottrarre i dati

I pirati informatici non solo hanno sfruttato le occasioni di maggiore connessione alla rete dovuti alle contingenze ma hanno pure messo a punto dei software ad hoc che hanno strumentalizzato il nome del virus sanitario …

Milano, 9 settembre 2020 – 14:04

I pirati informatici non solo hanno sfruttato le occasioni di maggiore connessione alla rete dovuti alle contingenze ma hanno pure messo a punto dei software ad hoc che hanno strumentalizzato il nome del virus sanitario

di Maria Rosa Pavia | @mariarosapavia

L’emergenza Covid-19 in Italia ha influito pesantemente sulla sicurezza informatica anche dopo la fine del confinamento. In base ai dati del secondo rapporto sulle minacce informatiche nel 2020 in Italia elaborato dall’Osservatorio sulla Cybersecurity di Exprivia, giugno è stato il mese in cui dall’inizio dell’anno si sono verificati la maggior parte di attacchi, incidenti e violazioni della privacy a danno di aziende, privati e pubblica amministrazione. Come novità, l’interesse per il Coronavirus è stato sfruttato da criminali del web per creare file dannosi ad hoc.

Scheda 1 di 6

9 settembre 2020 | 14:04

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sorgente articoli: Vai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *