Categorie
Coronavirus Tecnologia

Gli smartwatch Garmin al centro di un’app per combattere la diffusione del Coronavirus

L’azienda romana Helthia sta sviluppando un’app che permetterà di rilevare i parametri misurati dai dispositivi per fare un primo screening sulle condizioni di salute dell’individuo …

Misurano la nostra vita tutti i giorni, seguono le prestazioni sportive, ci avvertono in caso di disfunzioni cardiache. Ora però gli smartwatch potrebbero diventare anche uno strumento per combattere il Coronavirus. L’idea è di Healthia, azienda romana specializzata nella raccolta e gestione di dati su salute e benessere, che sta sviluppando un’applicazione per i dispositivi Garmin che potrebbe rivelarsi strategica nella lotta alla pandemia in corso.

I parametri fondamentali

Alcuni modelli di Garmin infatti hanno all’interno un pulsossimetro, lo strumento (ricercatissimo) che permette di conoscere saturazione dell’ossigeno e battito cardiaco. Questi sono due parametri chiave che, in mano a Helthia, consentono di fare un primo screening sulle condizioni dell’individuo che indossa lo smartwatch. Le informazioni acquisite infatti vanno ad alimentare un’Intelligenza Artificiale che costruisce i profili di rischio dei singoli utenti minimizzando il numero di falsi positivi e falsi negativi.

Pulsossimetro connesso

I dati non saranno tratti direttamente dagli smartwatch ma tramite l’app di supporto. Questa infatti trasforma gli smartwatch in pulsossimetri connessi. I Garmin compatibili con il progetto invece sono Fenix, Forerunner, Marq, Vivosmart, Vivomove, Venu, Quatix 6, Approach S62 e D2 Delta.

Leggi anche:

Il bando dei ministeri

Al momento quello di Helthia è solo un progetto. Verrà presentato a metà di aprile a Innovaperlitalia, bando dei ministeri dell’Innovazione, dello Sviluppo Economico e dell’Università e Ricerca per il finanziamento di realtà che, attraverso le proprie tecnologie, «possono fornire un contributo nell’ambito dei dispositivi per la prevenzione, la diagnostica e il monitoraggio per il contenimento e il contrasto del diffondersi del Coronavirus in Italia».

3 aprile 2020 (modifica il 3 aprile 2020 | 17:36)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sorgente articoli: Vai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *