Categorie
Coronavirus Roma - Cronaca

Inchiesta mascherine in Lazio: tre arresti  per truffa aggravata, sequestri per 22 milioni

Nel mirino dei pm tre intermediari, interdetta la società attraverso la quale operavano e d eseguito un sequestro da 22milioni di euro da parte dei finanzieri. Tra i reati contestati anche il traffico di influenze illecite …

Una fornitura di camici e mascherine privi di certificazione e destinati alla Protezione civile del Lazio: tre imprenditori sono finiti agli arresti domiciliari con le accuse di frode nelle pubbliche forniture e truffa aggravata ma a due di loro i pm Rosalia Affinito e Paolo Ielo contestano anche il traffico di influenze illecite. Nei confronti di Andelko Aleksic , Vittorio Farina e Domenico Romeo è stato anche eseguito dai finanzieri del Nucleo di polizia economico finanziaria un sequestro di beni di circa 22milioni di euro. Mentre una misura interdittiva ha colpito la milanese European Network Tlc srl che non potrà piu fare affari con la pubblica amministrazione.

Leggi anche

A fronte dei contratti sottoscritti con la Protezione civile l’impresa milanese che faceva cao ad Aleksic avrebbe fornito documentazione rilasciata da enti estranei agli organismi deputati al via libera delle certificazioni. In seguito ha prodotto falsi certificati di conformità rilasciati da Romeo. La merce proveniva tutta dalla Cina. Si tratta di cinque milioni di mascherine e 430mila camici medici. L’inchiesta era partita dalla segnalazione dell’agenzia regionale della Protezione civile del Lazio alla Procura di Roma. «Il 7 luglio 2020 Farina, Sposato e Aleksic dialogano in conference call tra loro dei problemi relativi alle certificazioni della merce promessa alla Protezione civile. Dice Sposato: «La certificazione che noi abbiamo allegato all’inizio era una conformità. Era una conformità non come Dpi (dispositivo di protezione individuale, ndr). Questo è l’unico buchetto che c’è per il resto è tutto come dici tu, ma questo glielo abbiamo già scritto in passato».

3 marzo 2021 | 10:24

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sorgente articoli: Vai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *