Categorie
Coronavirus Salute

La misteriosa malattia che ha colpito l’India: un morto e centinaia di ricoveri

Colpito lo stato meridionale dell’Andhra Pradesh. Tra i sintomi vomito, nausea, bruciore agli occhi e convulsioni. Il governo esclude la contaminazione dell’acqua …

Una persona ha perso la vita e quasi trecento, tra cui decine di bambini molto piccoli, sono state ricoverate in ospedale ad Eruru, nello stato dell’Andhra Pradesh, nel sud dell’India, nel solo fine settimana a causa di una malattia che non è ancora stata identificata. I medici non sono infatti riusciti a capire l’origine della malattia. Tra i sintomi riscontrati nausea, vomito, occhi che bruciano, crisi epilettiche fino ad arrivare alla perdita di coscienza. I medici indiani hanno riferito al quotidiano The Indian Express che ad ammalarsi «sono soprattutto i bambini che cominciano a vomitare lamentandosi degli occhi che bruciano». Tutti i pazienti sono risultati negativi al coronavirus. Già 125 persone sono state dimesse domenica sera e nessuno al momento sarebbe in pericolo di vita.

Esclusa la contaminazione di aria e acqua

Chandrababu Naidu, ex governatore e leader dell’opposizione nell’Andhra Pradesh con un tweet ha parlato di acqua contaminata come possibile causa della malattia e ha chiesto che venga dichiarato lo stato di emergenza. Tuttavia il ministro della Sanità, Alla Nani ha escluso che si tratti di inquinamento dell’aria o dell’acqua, e che si tratti di dengue o chikungunya, infezioni endemiche nell’area perché nella zona sono stati fatti controlli. Tuttavia campioni di sangue e tamponi sono stati inviati a un laboratorio specializzato per ulteriori analisi.

Contagio da Covid

Il Covid ha colpito duramente l’Andhra Pradesh, il terzo stato più toccato del paese, con oltre 800mila positivi, mentre l’India è il secondo Paese al mondo per numero di contagi.

7 dicembre 2020 (modifica il 7 dicembre 2020 | 15:23)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sorgente articoli: Vai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *