Categorie
Coronavirus Cronache

L’appello di Biden gli americani: «Mettete la mascherina ancora per 100 giorni»

Il presidente con la vice Harris ha concesso la prima intervista alla Cnn: «Le quattro priorità: Covid, economia, clima e condizioni degli afroamericani e delle minoranze». E sul vaccino: «Aspetto il via libera di Fauci» …

«Agli americani chiedo un piccolo sacrificio: mettete la mascherina per altri 100 giorni». Il piano anti-Covid di Joe Biden parte da qui, da questo semplice appello. Il presidente eletto e la sua vice Kamala Harris hanno concesso ieri sera, la prima intervista congiunta a Jake Tapper della Cnn. Biden ha detto che il Paese deve affrontare «quattro crisi contemporaneamente: il Covid, l’economia, la condizione degli afroamericani e delle altre minoranze, i cambiamenti climatici». Il nuovo leader, innanzitutto, ha confermato che Anthony Fauci resterà al suo posto e, anzi, avrà un ruolo chiave nella strategia contro il virus. Biden lo considera il garante per l’efficacia dei vaccini: «Io lo farò immediatamente e anche in pubblico, non appena ci sarà il via libera di Fauci».

L’altra urgenza è l’economia. Il ticket presidenziale ha già ottenuto un primo risultato, spingendo i democratici a negoziare con i repubblicani un pacchetto di misure a favore di imprese e famiglie per un valore di 900 miliardi di dollari. «È un passo da fare subito», ha osservato Biden. Sulla politica estera c’è da registrare l’offerta «di una più stretta cooperazione agli alleati europei e asiatici». Joe si è rivolto in particolare agli alleati della Nato: «Dobbiamo tornare al più presto a collaborare. Il mio predecessore ha mostrato grande disponibilità nei confronti dei regimi autoritari e ha messo un dito nell’occhio ai nostri amici dell’Alleanza Atlantica. Quella stagione è chiusa».

Biden ha confermato di voler riprendere il negoziato con l’Iran sul nucleare, «anche se sarà molto difficile» ed è stato secco sulla Cina: «Ho conosciuto Xi Jinping e metterò in chiaro una cosa: volete giocare seguendo le regole? Bene, noi ci stiamo; altrimenti non si gioca. Il presidente in carica ha condotto la politica del gambero con la Cina. Noi non accetteremo più il furto della proprietà intellettuale o che alle nostre aziende che investono lì siano costrette a formare imprese comuni controllate con il 51% dai cinesi».

Infine Trump. Kamala Harris ha assicurato che «toccherà al Dipartimento di Giustizia prendere qualsiasi decisione sulle inchieste da condurre». Tapper ha ricordato quello che Harris disse in campagna elettorale: «Trump non può che essere processato». «Ero in una posizione diversa, parlavo come ex Procuratore della California. Il Dipartimento di Giustizia della nostra amministrazione non sarà condizionato da alcuna pressione politica. Punto», ha replicato la vice presidente eletta. Biden ha aggiunto: <Il Dipartimento di giustizia sarà indipendente. Non è mio, né dell’Amministrazione, ma è al servizio dei cittadini». E poi ha aggiunto: «Nessuno della mia famiglia avrà alcun incarico pubblico o nel business privato che possano adombrare un conflitto di interessi con la mia posizione di presidente«». Ultima domanda di Tapper: «Pensate che Trump parteciperà all’inaugurazione del 20 gennaio?». Biden sorride: «Non lo so. Se non verrà, per me personalmente non cambia niente. Ma non daremo una bella immagine al mondo. Tutte queste manovre sono cose da dittature. Non c’entrano con l’America. Noi abbiamo bisogno di una tranquilla transizione, una stretta di mano e poi di andare avanti».

4 dicembre 2020 (modifica il 4 dicembre 2020 | 04:58)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sorgente articoli: Vai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *