Categorie
Coronavirus Corriere

Luisa, sarta novantenne: «Cucio mascherine dalla casa di riposo»

Ha 89 anni ed è ospite della residenza per anziani a San Biagio, in provincia di Bologna. Il figlio le ha portato una delle sue macchine da cucire e nel lockdown ha ripreso l’attività …

A San Biagio, nel Comune di Casalecchio di Reno (Bo), la signora Luisa Lolli, 89 anni, è stata una sarta di alta moda per tutta la vita e ha avuto anche una ditta con 38 dipendenti tutte donne. «Il figlio ci ha fatto avere una delle sue macchine da cucire e abbiamo allestito un piccolo laboratorio», spiegano gli operatori della cooperativa sociale Cadiai, che gestisce la Rsa. Da questo dono ne è nata una sartoria: «Non solo si é rimessa all’opera con ottimi risultati e soddisfazione ma ultimamente si sta sperimentando nella produzione di mascherine in stoffa». Le prime mascherine realizzate sono a tema natalizio. Sono state una prova, giusto per rispolverare le abilità creative. Ed eccole perfettamente rifinite con tanto di ferretto cucito internamente, anche alcune con tasca apposito per filtro. Luisa Lolli è insomma un’anziana indispensabile alla produzione: quella inclusiva e dei diritti. Ha anche un profilo Facebook dove, in questi giorni, stanno arrivando i complimenti per la sua iniziativa. La Rsa accoglie sessanta ospiti e in questa fase di emergenza a causa della pandemia da Covid-19 ha sospeso le visite dei parenti. Per comunicare con i parenti però gli anziani hanno a disposizione tablet e smartphone.

14 novembre 2020 (modifica il 14 novembre 2020 | 07:22)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sorgente articoli: Vai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *