Categorie
Coronavirus Sport

Mancini, il Covid e il post che fa discutere: «Come ho preso il virus? Guardando i tg…»

Il c.t. della Nazionale, dopo la polemica con il ministro Speranza a inizio ottobre, torna sul tema coronavirus postando su Instagram una vignetta che ha indignato molti: «Vada a spiegarlo alle famiglie delle vittime» …

«Hai idea di come ti sei ammalato? Guardando il tg». Firmato @mrmancini10. Cioè l’account Instagram del c.t. della Nazionale, Roberto Mancini. La vignetta, che raffigura un paziente nel letto di ospedale che risponde alla domanda su come si è contagiato, è stata lanciata come «storia»giovedì pomeriggio e ha scatenato subito grandi polemiche sui social, dove molti hanno ritenuto l’uscita fuori luogo e irrispettosa. In molti hanno attaccato Mancini: «Qualcuno fermi Roberto Mancini, non è sul gruppo degli amici del calcetto del venerdì sera», si legge in un messaggio. Sullo stesso tenore il messaggio di un altro utente: «Vada a spiegarlo alle famiglie delle vittime di Covid-19, che forse hanno guardato troppa tv».

La polemica con Speranza

A inizio ottobre Mancini era entrato in pesante polemica con il ministro della Salute, Roberto Speranza dopo che questi aveva sostenuto come «la priorità sono le scuole, non gli stadi. Non possiamo correre rischi per riportare migliaia di persone negli stadi». Durante la conferenza stampa alla vigilia di Italia-Moldova a Firenze il 6 ottobre, Mancini era stato molto duro nei confronti del ministro: «Si dovrebbe pensare, prima di parlare. Lo sport è un diritto di tutti esattamente come la scuola. È una parte importante della società, come l’istruzione e il lavoro. Lo sport è praticato da milioni di italiani. Resto della mia idea. Non sono condizionabile. Sono a favore della riapertura degli stadi in percentuale, come avvenuto in tanta parte d’Europa». Ora Mancini si è spinto pure oltre. Con una uscita di dubbio gusto.

22 ottobre 2020 (modifica il 22 ottobre 2020 | 16:26)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sorgente articoli: Vai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *