Categorie
Coronavirus Cronache

Misiani: «Stiamo lavorando a un nuovo decreto ristori» | Il virus in Italia: la mappa

Gli aggiornamenti sul coronavirus di oggi, martedì 3 novembre …

I casi di Covid nel mondo sono oltre 46,6 milioni, secondo i dati diffusi dalla Johns Hopkins University, mentre i decessi confermati sono 1.202.013 dall’inizio della pandemia. E anche in Italia i contagi continuano a salire: l’ultimo bilancio, relativo a lunedì 2 novembre, è di 22.253 nuovi positivi e 233 morti, a fronte di 135.731 tamponi (qui il bollettino con i dati e qui tutti i bollettini che mostrano la situazione dall’inizio della pandemia).

Leggi anche

Ore 9.24 – In Germania 15 mila nuovi contagi in 24 ore
Sono 15.352 i nuovi contagi registrati in Germania nelle ultime 24 ore: lo riferisce il Robert Koch Institut (Rki), il centro epidemiologico tedesco, specificando che il numero complessivo delle infezioni nella Repubblica federale supera 560 mila casi. Sono 131 i decessi comunicati dalle autorità sanitarie. I contagi segnalati oggi segnano tuttavia un calo rispetto alla settimana scorsa: sabato stando ai dati dell’Rki, la Germania aveva superato il suo record assoluto con oltre 19 mila infezioni giornaliere. È intanto iniziato ieri il «lockdown soft» deciso la settimana scorsa dal governo tedesco in accordo con i Laender. Tra le misure, la chiusura di ristoranti, bar, cinema, teatri, discoteche, la riduzione «al minimo» di tutti i contatti sociali con il permesso di incontro all’aperto di massimo due nuclei familiari o di conviventi, mentre rimangono aperte le scuole, gli asili e gli esercizi commerciali.

Ore 9.20 – Parigi, coprifuoco e lockdown in arrivo
«Verrà adottato un decreto per introdurre il coprifuoco a Parigi e nell’Île-de-France alle 21», ha annunciato Attal. «Stiamo mettendo in atto – ha aggiunto – misure difficili per tutti e, mentre molti le rispettano, è insopportabile per alcuni francesi vedere che gli altri non rispettano le regole».

Ore 8.24 – In Corea del Nord 10.462 test e zero positivi
La Corea del Nord rivendica ancora zero casi di Covid-19: secondo un rapporto dell’Oms, il Paese eremita ha condotto fino al 29 ottobre i test su 10.462 persone. Tutti, riporta la Yonhap, sono risultati negativi, con 5.368 persone identificate come «sospette», di cui 8 stranieri. Sono 161, invece, i soggetti che hanno rispettato il periodo di quarantena dal 15 al 22 ottobre, portando in numero dei rilasciati a 32.011. L’Oms ha annotato inoltre che 846 cittadini nordcoreani erano sospettati di avere contratto il coronavirus nel periodo di riferimento quale risultato di una «sorveglianza intensificata», risultando alla fine comunque negativi. La Corea del Nord ha rivendicato di essere un Paese «libero dal coronavirus», ma ha adottato misure stringenti per evitare i contagi chiudendo sia i confini sia optando per una quarantena fino a un mese.

Ore 8.36 – Misiani: «Stiamo lavorando a un nuovo decreto ristori»
«Stiamo lavorando ad un secondo decreto legge per sostenere e aiutare le attività economiche interessate ai nuovo provvedimenti restrittivi, analogamente a quanto abbiamo fatto con il primo decreto ristoro». Lo afferma Antonio Misiani, viceministro dell’Economia ad Agorà su Raitre.

Ore 8.10 – Scattano da questa mattina, in Sicilia, le zone rosse di Vittoria (Ragusa) e Centuripe (Enna). L’ordinanza, firmata dal presidente della Regione Nello Musumeci per contrastare la diffusione del Coronoravirus, resterà in vigore fino al 10 novembre. Tutte le scuole, di ogni ordine e grado, resteranno chiuse e sono sospese fiere, sagre e mercati rionali. Rimarrà invece attivo il mercato ortofrutticolo di Vittoria.

3 novembre 2020 (modifica il 3 novembre 2020 | 09:30)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sorgente articoli: Vai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *