Categorie
Coronavirus Economia

Smart working, le nuove regole (valide  fino al 31 dicembre) del «lavoro agile» Quarantena e malattia Inps: cosa cambia

La guida dei Consulenti del lavoro che però avvertono: bisogna fissare le norme del lavoro agile da adottare nel post pandemia. Altrimenti si rischiano caos e abusi …

1/6

Fino a gennaio «formula semplificata»

Con la proroga dello stato di emergenza al 31 gennaio 2021 resteranno in vita anche tutte le regole dello Smart Working semplificato, in scadenza prima il 15 ottobre. Saranno dunque valide, fino al 31 dicembre, tutte le disposizioni emergenziali previste al momento.

Da febbraio, invece, finirà la possibilità delle aziende di collocare i lavoratori in smart working in modo unilaterale e senza gli accordi individuali previsti dalla legge 81/2017. Le nuove attivazioni nel settore privato dovranno seguire le regole ordinarie, cioè prevedere un accordo firmato dai singoli lavoratori che fissi le modalità di esecuzione della prestazione fuori dai locali aziendali e di esercizio del potere direttivo del datore, gli strumenti da usare, i tempi di riposo e le misure per assicurare il diritto alla disconnessione.

1/6

Sorgente articoli: Vai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *