Categorie
Coronavirus Salute

Tra le conseguenze (rare) del virus anche  la perdita di udito: la storia di un 45enne

Descritto un primo caso nel Regno Unito ma altre ricerche hanno evidenziato la perdita di capacità uditive anche dopo la guarigione. È importante segnalare il disturbo per attivare cure tempestive …

Anche la perdita di udito, improvvisa e permanente, potrebbe essere legata, seppure raramente, all’infezione da nuovo coronavirus. Lo indica l’analisi del caso clinico pubblicata sul British Medical Journal Case Reports da Foteini Stefania Koumpa, dell’University College London e del Royal National Throat Nose and Ear Hospital. Non è sempre chiara la causa della perdita di udito ma può essere conseguenza di un’infezione virale come ad esempio l’influenza oppure l’herpes o il citomegalovirus. Ora i primi casi sono stati osservati anche come conseguenza di Covid-19

La storia del 45enne gravemente malato

Il caso descritto è quello di un 45enne del Regno Unito che è stato ricoverato per Covid dieci giorni dopo aver accusato i primi sintomi. In un secondo momento, a causa dei seri problemi respiratori è stato trasferito in terapia intensiva dove è stato intubato per un mese. La sua degenza si è ulteriormente complicata a causa di una embolia polmonare bilaterale, polmonite, ipertensione polmonare e anemia. Trattato con Remdesivir, steroidi per via endovenosa e trasfusioni di sangue l’uomo è poi stato dimesso. Un settimana dopo il paziente ha cominciato ad accusare i sintomi di ipoacusia. All’inizio ronzii e fischi (acufeni) fino ad arrivare alla perdita completa dell’udito all’orecchio sinistro. Non aveva precedenti di questo genere. L’unica malattia di cui soffriva l’uomo prima del ricovero era l’asma. I suoi canali uditivi erano pervi e non infiammati e le membrane del timpano intatte. L’uomo è stato curato con compresse di steroidi ed è leggermente migliorato.

Le cause

Avendo escluso una serie di possibili cause, i medici hanno infine concluso che l’origine di tutto poteva soltanto essere l’infezione da Covid-19. Si ritiene che Sars-CoV-2, il virus responsabile del Covid-19, si agganci a un particolare tipo di cellula che riveste i polmoni. Ma il virus è stato trovato anche in cellule simili che rivestono l’orecchio medio. Sars-CoV-2 genera anche una risposta infiammatoria e un aumento delle sostanze chimiche che sono state collegate alla perdita dell’udito.

Le altre ricerche

Nonostante l’ampia letteratura su Covid-19 e i vari sintomi associati al coronavirus non esiste quasi nulla che associ la perdita di udito e l’acufene a Covid-19. Il primo caso risale all’aprile del 2020 e da allora sono stati pubblicati solo altri quattro articoli sul tema e altri due casi sono stati descritti. Gli scienziati della Johns Hopkins School of Medicine nel luglio scorso avevano pubblicato una ricerca descrivendo di aver individuato il coronavirus nelle orecchie di due pazienti affetti da Covid-19 deceduti. Un’altra analisi su una ventina di pazienti asintomatici aveva scoperto che le loro capacità uditive erano peggiorate dopo la guarigione. La perdita di udito associata al Covid è certamente rara ma la rapidità di diagnosi del disturbo con cure tempestive può limitare i danni.

14 ottobre 2020 (modifica il 14 ottobre 2020 | 15:50)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sorgente articoli: Vai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *