Categorie
cronaca

Alessandria, medico di famiglia muore di coronavirus: in pensione da un anno, aiutava la figlia in studio per l’emergenza

Giorgio Drago è spirato dopo 15 giorni in rianimazione. I colleghi: “Ha sempre voluto stare vicino ai suoi pazienti” …

Giorgio Drago è uno dei medici che sono rimasti contagiati, e che non è sopravvissuto, al Covid-19. Aveva settant’anni, Giorgio Drago lascia la moglie e due figli. Si era ammalato venti giorni fa: è stato ricoverato ad Alessandria, quindi trasferito all’ospedale di Asti, in rianimazione, perché doveva essere intubato e in città non c’erano più posti. Il suo nome va ad allungare la lunga lista dei dottori morti dall’inizio della pandemia.

Drago, punto di riferimento per i pazienti del quartiere Cristo, era andato in pensione un anno fa: medico di famiglia molto stimato, per trent’anni tesoriere della Fimmg provinciale di Alessandria – la Federazione dei medici di medicina generale – un anno fa aveva deciso di smettere: in studio lavora la figlia Claudia, che ha seguito le sue orme. Però ogni tanto, da appassionato della professione, andava a dare una mano, soprattutto ora in piena emergenza pandemia.

“Si è ammalato a contatto con i suoi pazienti – racconta adesso Camillo Milano, segretario provinciale della Fimmg di Alessandria – un medico con  grandi capacità, sia umane sia professionali”. E’ il terzo medico che muore nell’Alessandrino dall’inizio della pandemia: le altre due vittime sono un medico di famiglia e un ospedaliero. Il funerale si terrà venerdì nel quartiere Cristo ad Alessandria, nella chiesa San Giovanni Evangelista, alle 15,30.

Crediti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *