Categorie
cronaca

Coronavirus, a Foggia tutti contagiati i 70 ospiti di una Rsa. I parenti: “Situazione terribile all’interno, abbiamo portato noi l’ossigeno”

Il contagio sembra essere partito da una operatrice che il 24 ottobre scorso – raccontano alcuni parenti dei degenti – ha iniziato  ad avvertire i primi sintomi. Per sopperire alla mancanza di personale è intervenuta la Asl …

07 Novembre 20201 minuti di lettura

Il virus Covid non ha risparmiato nessuno, tra ospiti ultra 80enni della Rsa “Fondazione Palena” di Foggia. Positivi al Coronavirus tutti i 70 pazienti presenti nella struttura. Contagiati anche 28 dipendenti. Pare da indiscrezioni che siano quasi tutti asintomatici, fatta eccezione per qualche anziano che aveva già in precedenza un quadro clinico un po’ più delicato.

Il contagio sembra essere partito da una Oss – Operatrice socio sanitaria – che il 24 ottobre scorso – raccontano alcuni parenti dei degenti – ha iniziato  ad avvertire i primi sintomi. Per sopperire alla mancanza di personale e’ intervenuta la Asl di Foggia. I pazienti sono stati infatti affidati a quattro medici USCA – unità speciali di continuità assistenziale – che effettuano visite quotidiane al mattino e al pomeriggio.

L’Asl sta provvedendo anche alla gestione igienico/sanitaria della residenza. “La situazione è terribile – ammette una donna che ha il padre ricoverato nella struttura. Non lo vedo da lunedì scorso”. Durante la settima – da indiscrezioni – sono deceduti tre anziani: il primo lunedì, un secondo mercoledì e l’ultimo ieri sera, 6 novembre. Mentre per altri due ospiti e’ stato necessario il ricovero in ospedale. 

“Ieri i nostri familiari hanno cenato con latte e biscotti. Tutto questo è inaccettabile – tuonano  i parenti. Abbiamo anche portato in struttura quattro bombole per l’ossigeno per i nostri cari. Chiediamo che venga fatta al più presto chiarezza”, concludono.

Crediti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *