Categorie
cronaca

Coronavirus, Arcuri: ecco la campagna per i vaccini ideata da Boeri. “Una primula come simbolo di speranza”

La conferenza stampa del Commissario straordinario all’emergenza Covid-19 e dell’architetto dall’auditorium di Invitalia a Roma …

Una primula come simbolo di forza, speranza, rinascita. Un fiore semplice a indicare la fragilità come lascito fondamentale di questa pandemia. Ma insieme i punti di forza: la solidarietà, le generosità sociale, l’impegno di migliaia di operatori sanitari, l’impegno anche dei cittadini a contenere il virus, il coraggio e l’investimento grandissimo delle comunità scientifica.

Da qui è nata l’idea base della campagna per i vaccini anti-Covid. “Un regalo generoso e stupendo” quello dell’architetto Stefano Boeri al nostro Paese, come lo definito il Commissario straordinario per l’emergenza Covid-19, Domenico Arcuri, durante la conferenza stampa a due trasmessa dall’Auditorium di Invitalia a Roma per raccontare la campagna vaccinale.

“L’italia rinasce con un fiore” è lo slogan che accompagna il simbolo e che sarà presente in tutta la campagna. Anche i padiglioni per le vaccinazioni di massa (300 all’inizio e 1500 nella seconda fase, ricorda Arcuri) avranno la forma di un fiore: moduli facilmente smontabili e riassemblabili, come dei petali, energeticamente autosufficienti, realizzati con materiali naturali come il legno e i tessuti. “Come dei fiori queste strutture sbocceranno nelle città italiane e si alimenteranno con la luce del sole e daranno, mi auguro, un senso di grande serenità e fiducia” spiega Boeri, citando artisti e intellettuali da Andrea del Verrocchio a Pier Paolo Pasolini, fonti di ispirazione per la sua creazione grafica.

“La luce in fondo al tunnel comincia ad intraversi – sottolinea fiducioso Arcuri – Le Regioni, il governo, i Comuni stanno lavorando senza sosta per l’inizio della campagna di vaccinazione di massa che la nostra generazione, e non solo, ricorderà con più forza. Abbiamo condiviso nei giorni scorsi con il primo produttore del vaccino le modalità di ricezione e somministrazione delle prime dosi che speriamo arrivi almeno per 1 milione e 800 mila italiani a partire dalla metà di gennaio. Abbiamo provveduto anche agli accordi per gli accessori necessari come le siringhe. Abbiamo anche fatto – ha ricordato il Commissario – la call per 3 mila medici e 12mila infermieri per darci una mano in queste primule che saranno nelle piazze italiane”.

Basterà un fiore? “È solo l’inizio” promette Arcuri.

E ancora sulla campagna vaccinale e la risposta dell’Italia davanti alla pandemia: “Io credo – spiega Arcuri – che abbiamo dato prova di un grande senso di comunità di fronte a una tragedia imprevedibile. Auspico che questa comunità possa ritrovarsi attorno a questo simbolo di rinascita. Un simbolo semplice ma potente.  Alla fine di questa tragedia ci ricorderemo non solo delle facce cupe e delle persone addolorate, che non dovremo dimenticare mai, ma ci ricoredemo anche di un fiore, una primula per uscire dal buio”.

Crediti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *