Categorie
cronaca

Coronavirus, da Milano a Palermo si sfidano i divieti. A Napoli assembramenti in strada prima della zona rossa

Centro di Roma affollato nel pomeriggio nonostante le transenne, ristoranti pieni per l’ultimo pranzo sul lungomare di Napoli, spiagge vietate a Palermo ma gente in acqua in una giornata quasi estiva …

Per milioni di italiani è stato l’ultimo sabato di seminormalità prima della stretta, per altri il primo con nuovi divieti tra cui orientarsi, per altri ancora il secondo senza shopping e movida. Ovunque con controlli serrati delle forze dell’ordine e della polizia municipale che stavolta hanno fatto scattare più multe e meno consigli. Eppure qualche assembramento di troppo nonostante transenne e il ritorno dei megafoni ad invitare la gente a rimanere a casa c’è stato comunque: a Napoli sul lungomare con i ristoranti affollati per l’ultimo pranzo prima della chiusura da zona rossa come in centro a Roma nonostante la serrata dei grandi magazzini.
 

Napoli, pienone per l’ultimo pranzo sul lungomare

La Campania è zona rossa da domani e oggi bar e ristoranti hanno fatto il pienone a pranzo, soprattutto sul lungomare che di mattina sembrava mezzo addormentato. Tanta gente anche per l’ultimo shopping fino a chissà quando dal Vomero a Via Toledo. E folla anche nella “via dei Pastori”.

Covid, Campania zona rossa da domani: folla in via Toledo e al Vomero

Roma, shopping contingentato ma ancora struscio nel pomeriggio

La mattinata sembrava procedere ordinata e con poca gente in giro. Gli oltre 2400 controlli della polizia municipale che bloccava e contingentava gli ingressi al Tridente non hanno portato ad alcuna multa, i grandi magazzini chiusi sembravano aver scoraggiato lo shopping ma nel pomeriggio via del Corso è tornata a riempirsi anche se non ai livelli dello scorso weekend.

Roma, scattano le misure anti assembramento: pattuglie e megafoni in centro

Milano, posti di blocco per evitare fughe nelle seconde case

La città ha già preso confidenza con il weekend con negozi, bar e ristoranti chiusi. Qualche coda in mattinata dietro ai bar aperti per il caffè e cornetto da asporto, ma l’attenzione delle forze dell’ordine si è appuntata sulle strade in entrata e uscita dalla città per evitare fughe non consentite nelle seconde case

(fotogramma)

Firenze, ultimo shopping tra le luci di Natale

“Non affollatevi in centro a far spese”, il vano appello del sindaco Dario Nardella. Nelle strade del centro già addobbate con le luci natalizie, i fiorentini non hanno rinunciato all’ultimo sabato di compere prima dell’entrata in vigore della zona rossa.

(ansa)

Bologna, negozi semideserti, atmosfera triste

Con l’ordinanza regionale firmata dal presidente Bonaccini appena 24 ore prima del passaggio alla zona arancione, è stato un sabato mesto e con i negozi semideserti che domani resteranno chiusi per tutta la giornata. Appena un po’ di folla di giovani nell’ultimo aperitivo anticipato del sabato pomeriggio

(eikon)

Bari, tutti in fila ai megastore

Inascoltato l’appello del sindaco di Bari Antonio De Caro. Strade del centro affollate in barba a qualsiasi possibilità di distanziamento e nonostante la chiusura anticipata dei negozi alle 19, centinaia di clienti in fila nei megastore rimasti aperti nella Puglia zona arancione.

Bari, sabato nella zona arancione: centinaia nelle strade e il distanziamento è solo per pochi

Palermo, una giornata d’estate, controlli in spiaggia e bagnanti a mare

Polizia municipale in spiaggia a cacciar via chi si era organizzato per trascorrere qualche ora al sole, spiagge interdette per il divieto di stazionamento firmato dal sindaco Leoluca Orlando, molti controlli, poca gente anche a passeggiare ma bagnanti in mare per un bagno fuori stagione.

Palermo, a Mondello si fa il bagno tra controlli e multe per l’ordinanza anti-stazionamento

Crediti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *