Categorie
cronaca

Coronavirus, è morto il vescovo di Caserta, monsignor Giovanni D’Alise

Aveva 72 anni. Era ricoverato in ospedale dal 30 settembre: è deceduto alle 6,30 …

E’ deceduto alle 6,30 del 4 ottobre il vescovo di Caserta, monsignor Giovanni D’Alise. Era stato ricoverato il 30 settembre scorso perché positivo al Covid-19. Il prelato aveva accusato lievi sintomi e febbre. Per questo si era recato in ospedale dove gli era stato praticato un tampone molecolare rapido. Le sue condizioni non erano gravi, ma evidentemente la sua pregressa situazione di salute ha contribuito ad aggravare il quadro clinico.

Secondo l’Azienda ospedaliera sanitaria di Caserta “il quadro clinico d monsignor D’Aliese era aggravato da insufficienza renale, diabete mellito, cardiopatia ipertensiva e dislipidemia. I protocolli terapeutici previsti per la malattia sono stati tutti applicati. E stato altresì trattato con il nuovo farmaco antivirale Remdesivir. Le sue condizioni cliniche erano stazionarie. Il paziente è stato monitorato costantemente. Alle ore 6 si è verificato l’arresto cardiaco e alle ore 6.30, dopo le manovre di rianimazione cardiopolmonare, veniva constatato il decesso”.

Monsignor D’Alise aveva 72 anni ed era stato ordinato vescovo il 17 luglio del 2004. Era  alla guida della Diocesi di Caserta dal 18 maggio 2014.

Aveva sostituito monsignor Pietro Farina. Anche lui deceduto nel corso del mandato vescovile. Costernati i fedeli alla notizia della morte del prelato.

Crediti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *