Categorie
cronaca

Coronavirus, il bollettino di oggi 10 settembre: 10 morti e 1.597 nuovi casi

Scende rispetto a ieri il numero delle vittime. Il totale delle vittime tocca quota 35.587 dall’inizio della pandemia …

Risalgono i casi di Covid-19 in Italia: sono 1.597 i nuovi positivi oggi, contro i 1.434 di ieri. In lieve calo i tamponi effettuati: 94.186 contro i 95.990 di 24 ore fa. Il numero totale dei casi sale a 283.180. Cala rispetto a ieri il numero dei decessi, 10 contro i 14 di mercoledì, per un totale di 35.587. I guariti sono 613 (ieri 471), e sono 211.885 in tutto. Sono queste le cifre diffuse nel quotidiano bollettino Ministero della salute. Sono 58 in più in Italia nelle ultime 24 ore i ricoverati positivi al coronavirus con sintomi: 1.836 in totale contro i 1.778 di ieri. Crescono anche le persone in terapia intensiva: 16 in più, 164 contro i 150 di ieri. In isolamento domiciliare si trovano attualmente 33.708 persone, ovvero 902 in più nelle ultime 24 ore.

La regione con più casi nuovi è la Lombardia (245), seguita dalla Campania (180) e dal Lazio (163).
Come ieri è sempre la Valle d’Aosta la sola regione a zero contagi nelle 24 ore. In Molise i casi di oggi sono 3. In aumento gli attualmente positivi, 974 in più (ieri 945), per un totale che sale a 35.708. E crescono ancora i ricoveri: quelli in regime ordinario aumentano di 58 unità e arrivano a 1.836, mentre le terapie intensive salgono di altre 14 unità, e sono 164 in tutto. Le persone in isolamento domiciliare sono 33.708, 902 in più di ieri.

 Tutti i grafici e le mappe sull’epidemia (aggiornati ogni giorno)VENETOSalgono i contagi da Coronavirus in Veneto, con 147 nuovi casi in 24 ore, che portano il totale a 24.356. Lo riporta il bollettino regionale. Sono tuttavia in diminuzione (-11) gli attuali contagiati, che scendono a 2.926, mentre non si registrano vittime rispetto a ieri. Stabile la situazione nei reparti ospedalieri, con 143 ricoverati (+1) di cui 83 positivi, e nelle terapie intensive, con 18 ricoveri di cui 12 positivi Crediti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *