Categorie
cronaca

Coronavirus, il bollettino di oggi 19 novembre: 653 morti e 36.176 nuovi casi

Ieri i nuovi contagi erano stati 34.282, mentre le vittime erano 753. Stabile il rapporto tra positivi rispetto al numero di tamponi effettuati nelle ultime 24 ore: 14,4%. I tamponi effettuati nell’ultimo giorno sono stati 250.186, circa 15mila in più rispetto al giorno… …

Sono 36.176 i nuovi casi di coronavirus registrati nelle ultime 24 ore in Italia, circa duemila in più del giorno precedente. Le vittime sono 653 contro le 753 registrate ieri, per un totale di 47.870. È quanto emerge dal bollettino odierno del ministero della Salute sull’emergenza Covid in Italia.

Sono 18.503 i nuovi attuali positivi per un totale di 761.671. I tamponi effettuati sono stati 250.186 tamponi, in aumento di rispetto ai 234.834 di ieri. Ancora in calo, seppur lieve, la percentuale dei positivi-tamponi, che arriva al 14,4 mentre ieri era del 14,5. Quanto ai dati sanitari, sono 42 in più rispetto a ieri i pazienti positivi al Covid-19 ricoverati nelle terapie intensive in Italia. Il totale dei posti occupati ammonta oggi a 3.712.

I ricoverati con sintomi nelle ultime 24 ore sono 106, rispetto ai 430, per un totale di 33.610. I guariti oggi sono 17.020 per un totale da inizio pandemia di 498.987. La regione con il maggior numero di contagi resta la Lombardia (+7.453), segue il Piemonte (+5.349), il Veneto (+3.753), la Campania (+3.334), il Lazio (+2.697), e l’Emilia Romagna (+2.160). 

VALLE D’AOSTA

Dodici decessi nelle ultime 24 ore sono stati registratio in Valle d’Aosta a causa del Covid-19. I nuovi casi positivi sono 91. È quanto si legge nel bollettino dell’Unità di crisi (in base ai dati Usl). Il totale delle vittime dall’inizio della pandemia sale a 271 (125 nella ‘seconda ondata’). I guariti sono 137, gli attuali contagiati sono 2.035. Le persone sottoposte a tampone sono state 351. Infine i ricoverati sono 156 di cui 12 in terapia intensiva.

PIEMONTE

LIGURIA
 

LOMBARDIA

Oggi in Lombardia si sono registrati 7.453 casi e 165 morti. Dall’inizio dell’epidemia i decessi hanno superato quota 20 mila (20.015). I tamponi effettuati sono stati 37.595, in totale 3.682.509. Ieri, a fronte di 38.100 tamponi effettuati, erano emersi 7.633 positivi e 182 morti.

TRENTINO
 

ALTO ADIGE

Nella Provincia autonoma di Bolzano i numeri del contagio da Covid-19 restano ancora molto alti. Alla vigilia dello screening di massa su scala provinciale (potrebbe interessare fino a 350.000 persone) che durerà fino a domenica, i dati odierni indicano 13 persone decedute, 703 nuove positività sui 3.041 tamponi esaminati e il 2% della popolazione altoatesina in isolamento domiciliare (10.570 persone). I nuovi casi emersi nelle ultime 24 ore fanno salire a 19.388 il numero totale delle persone positive a seguito di tampone (141.560 i soggetti testati dall’inizio della pandemia). I decessi totali salgono a quota 438. E’ ormai quasi un mese che c’è forte pressione sugli ospedali altoatesini. Ad oggi i ricoverati sono 508, dodici in meno rispetto a ieri, dato che resta irrilevante. I pazienti covid ricoverati nei normali reparti ospedalieri sono 335 ai quali vanno aggiunti i 39 che necessitano della terapia intensiva e i 134 che si trovano nelle strutture private convenzionate.Torna sopra quota 100 – 120 per la precisione – il numero dei pazienti in isolamento presso le strutture di Colle Isarco e Sarnes. Le persone guarite sono 7.739 (380 in più rispetto a ieri).

Made with Flourish

FRIULI VENEZIA GIULIA

Oggi in Friuli Venezia Giulia sono stati rilevati 1.197 nuovi contagi (il 17,92 per cento dei 6.680 tamponi eseguiti) e 13 decessi da Covid-19. Lo ha comunicato il vicegovernatore con delega alla Salute del Friuli Venezia Giulia, Riccardo Riccardi. Le persone risultate positive al virus in regione dall’inizio della pandemia ammontano in tutto a 21.922, di cui: 5.812 a Trieste, 9.006 a Udine, 4.226 a Pordenone e 2.595 a Gorizia, alle quali si aggiungono 283 persone da fuori regione. I casi attuali di infezione sono 11.835. Scendono a 48 i pazienti in cura in terapia intensiva mentre salgono a 485 i ricoverati in altri reparti. I decessi complessivamente ammontano a 580, con la seguente suddivisione territoriale: 255 a Trieste, 168 a Udine, 139 a Pordenone e 18 a Gorizia. I totalmente guariti sono 9.507, i clinicamente guariti 190 e le persone in isolamento 11.112.

 

VENETO

Sono 3.753 i nuovi positivi al Coronavirus riscontrati in Veneto nelle ultime 24 ore per un totale di 112.691 dall’inizio dell’emergenza ad oggi. In isolamento domiciliare ci sono ad oggi 36.887 persone. Sono 2.242 invece i ricoverati, 50 in più rispetto a ieri, che vanno ad aggiungersi ai 296 posti letto di terapia intensiva occupati (cinque più di ieri). I decessi salgono di 38 rispetto a ieri per un totale dal 21 febbraio ad oggi di 3.057.

EMILIA – ROMAGNA

Dall’inizio dell’epidemia, in Emilia-Romagna si sono registrati 97.814 casi di positività, 2.160 in più rispetto a ieri, su un totale di 18.930 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti è oggi dell’11,4%, stabile rispetto a ieri. Sono invece 50 i nuovi decessi registrati. Lo comunica la Regione nel bollettino quotidiano.
Prosegue l’attività di controllo e prevenzione: dei nuovi contagiati, 986 sono asintomatici individuati nell’ambito delle attività di contact tracing e screening regionali. Complessivamente, tra i nuovi positivi 287 erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone e 386 sono stati individuati all’interno di focolai già noti. L’età media dei nuovi positivi di oggi è 45,4 anni. La situazione dei contagi nelle province dell’Emilia-Romagna vede Bologna con 483 nuovi casi, Reggio Emilia con 411, Modena (361), Piacenza (195), Rimini (167), Parma (164), Ravenna (119) e Ferrara (110). Poi l’area di Forlì (61), Cesena (53) e Imola (36). Questi i dati – accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste istituzionali – relativi all’andamento dell’epidemia in regione. Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 18.930 tamponi, per un totale di 1.935.478. A questi si aggiungono anche 3.752 test sierologici.

 

TOSCANA

La Toscana torna sotto quota 2.000 nuovi casi giornalieri: non accadeva dal 12 novembre quando però erano stati fatti circa 2.000 tamponi in meno. In particolare la rilevazione odierna parla di 1.972 casi, età media 49 anni, a fronte di 17.830 tamponi: una settimana fa i casi erano stati 1.932 e i tamponi 15.786. L’incidenza positivi-tamponi è pari oggi all’11,1 %, confermando il dato di ieri, quando era stata dell’11,2% ma su molti più tamponi, 22.365. Purtroppo si registrano altri 51 decessi (alcuni sono avvenuti nelle settimane scorse): si tratta di 26 uomini e 25 donne con un’età media di 82,2 anni. Complessivamente a oggi la Toscana, da inizio pandemia, conta 88.677 casi e 2.073 decessi. I guariti crescono del 6,2% e raggiungono quota 32.480 (36,6% dei casi totali). I tamponi eseguiti hanno raggiunto quota 1.403.341. Gli attualmente positivi sono oggi 54.124, +0,03% rispetto a ieri. I ricoverati sono 2.101, 14 in più rispetto a ieri, di cui 287 in terapia intensiva, 5 in più. Ci sono poi 52.023 persone in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi (stabili rispetto a ieri). Altre 50.138 (878 in meno rispetto a ieri, meno 1,7%) sono isolate perchè contatti di positivi.
 

UMBRIA

Sono stati 556 i nuovi casi registrati in Umbria nell’ultimo giorno a fronte di 5.509 tamponi. Il dato è stato fornito nel corso della conferenza stampa settimanale della Regione dedicata all’epidemia. Il tasso di positività è quindi intorno al 10 per cento, in leggero calo rispetto al 10,6% di ieri. Registrati inoltre 438 guariti e sette decessi. Con 446 ricoverati, due più di ieri, 76 dei quali in terapia intensiva (uno in più). Il direttore regionale alla Sanità Claudio Dario ha descritto la seconda ondata come “un allagamento diffuso, multifocale e contemporaneo”. “Per questo motivo – ha aggiunto – le misure applicate sono state efficaci ma non tali da tenere all’esterno il virus, con il rischio di contagio che poteva coinvolgere chiunque”.

LAZIO
Sono 75.541 i casi positivi al Covid-19 nel Lazio. Di questi, 72.109 sono in isolamento domiciliare, 3.103 sono ricoverati non in terapia intensiva, 329 sono ricoverati in terapia intensiva (+11 rispetto a ieri), 1.880 sono deceduti e 17.361 sono guariti. Lo fa sapere l’assessorato alla Sanita e all’integrazione socio sanitaria della Regione Lazio.

MARCHE

Sono 667 i positivi al covid rilevati nelle ultime 24ore nelle Marche su 2.213 tamponi testati nel percorso nuove diagnosi. Il totale dei tamponi testati è 3.795 tamponi e comprende anche 1.582 test nel percorso guariti. I dati sono resi noti dal Servizio Sanità della Regione. I soggetti sintomatici sono 110, ci sono anche contatti in setting domestico (156), contatti stretti di casi positivi (208), contatti in setting lavorativo (27), contatti in ambienti di vita/socialità (16), contatti in setting assistenziale (5), contatti in setting scolastico/formativo (11), screening percorso sanitario (8) e 1 rientro dall’estero. Per altri 125 casi si stanno ancora effettuando le indagini epidemiologiche.
 

ABRUZZO

Sono complessivamente 21842 i casi positivi al Covid 19 registrati in Abruzzo dall’inizio dell’emergenza. Rispetto a ieri si registrano 649 nuovi casi (di età compresa tra 9 mesi e 96 anni). I positivi con età inferiore ai 19 anni sono 74, di cui 32 in provincia dell’Aquila, 7 in provincia di Pescara, 20 in provincia di Chieti, 15 in provincia di Teramo. Il bilancio dei pazienti deceduti registra 9 nuovi casi e sale a 721 (di età compresa tra 76 e 99 anni, 5 in provincia dell’Aquila, 2 in provincia di Pescara e 2 in provincia di Chieti). Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 6259 dimessi/guariti (+168 rispetto a ieri). Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 14862 (+472 rispetto a ieri). Dall’inizio dell’emergenza Coronavirus, sono stati eseguiti complessivamente 362295 test (+4813 rispetto a ieri). 658 pazienti (+37 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in terapia non intensiva; 74 (+9 rispetto a ieri) in terapia intensiva, mentre gli altri 14130 (+426 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl. Del totale dei casi positivi, 7086 sono residenti o domiciliati in provincia dell’Aquila (+372 rispetto a ieri), 4248 in provincia di Chieti (+156), 4396 in provincia di Pescara (+72), 5702 in provincia di Teramo (+68), 215 fuori regione (+8) e 195 (-27) per i quali sono in corso verifiche sulla provenienza. Lo comunica l’Assessorato regionale alla Sanità.

Made with Flourish

CAMPANIA

Sono 3.334 i nuovi positivi in Campania nelle ultime 24 ore, di cui asintomatici 3.127 e sintomatici 207, a fronte di 23.496 tamponi. Il dato è dell’Unità di crisi della regione e porta il totale positivi dall’inizio della pandemia a 125.276 su un totale tamponi pari a 1.355.455. Sono poi 32 i nuovi decessi, registrati oggi ma rispetto a morti avvenute tra il 13 e il 18 novembre, e il totale sale a 1.192. Ci sono infine 2.255 guariti, e il totale è di 28.898. Su 656 posti letto di terapia intensiva, sono occupati 194; su 3.160 posti letto di degenza, compresa l’offerta dei privati, sono occupati 2.287.

MOLISE
 

BASILICATA

Altri 290 nuovi casi positivi in Basilicata nelle ultime 24  ore, a fronte dei  2148 tamponi processati. Di questi, una ventina si riferiscono a cittadini residenti fuori regione. Tra i nuovi positivi si contano 32 casi a Potenza. È quanto rende noto la Regione. Sempre ieri sono guarite 11 persone e 2 sono decedute. Stabile il numero di ricoverati negli ospedali lucani, arrivati a quota 175,  di cui ventotto nei reparti di terapia intensiva di Potenza  e Matera.

PUGLIA

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha reso noto che oggi in Puglia, sono stati effettuati 9.386 test per l’infezione da Covid-19 e sono stati registrati 1.263 casi positivi: 555 in provincia di Bari, 72 in provincia di Brindisi, 189 nella provincia Bat, 154 in provincia di Foggia, 98 in provincia di Lecce, 187 in provincia di Taranto, 6 residenti fuori regione, 2 casi di provincia di residenza non nota. Sono stati registrati 28 decessi: 5 in provincia di Bari, 4 in provincia di Brindisi, 1 in provincia Bat, 10 in provincia di Foggia, 2 in provincia di Lecce, 6 in provincia di Taranto.

Coronavirus, in Puglia terapie intensive al limite. Gli anestesisti: “Imploriamo, non ci fate fare scelte drammatiche”

CALABRIA

“In Calabria ad oggi sono stati sottoposti a test 327.394 soggetti per un totale di tamponi eseguiti 334.533 (allo stesso soggetto possono essere effettuati più test). Le persone risultate positive al coronavirus sono 12.512 (+506 rispetto a ieri), quelle negative 314.882”. Lo rende noto la Regione nel bollettino quotidiano dei dati relativi al coronavirus: i decessi dall’inizio dell’emergenza sono 202 (+5 rispetto a ieri).

SICILIA

Sono 1871 i casi registrati nelle ultime 24 ore in Sicilia, mentre toccano quota 40 i morti. I tamponi effettuati sono stati 11470. I dati sono contenuti nel bollettino del Ministero della Salute. Gli attuali positivi sono 33581 di cui 1.532 i ricoverati con sintomi, 240 in terapia intensiva e 31.809 in isolamento domiciliare.áI pazienti dimessi o guariti sono 352.

SARDEGNA

In Sardegna nelle ultime 24 ore si registrano 479 nuovi casi, 199 rilevati attraverso attività di screening e 280 da sospetto diagnostico, e 12 decessi (362 in tutto). Le vittime sono 7 uomini e 5 donne, di età compresa fra 32 e 91 anni, nove residenti nel nord dell’Isola, due nella Città Metropolitana di Cagliari e una nella provincia del Sud Sardegna. Salgono a 16.997 i casi di positività al Covid-19 complessivamente accertati in Sardegna dall’inizio dell’emergenza. Crediti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *