Categorie
cronaca

Coronavirus, il bollettino di oggi 28 luglio: 11 morti

In Lombardia dopo 4 giorni senza morti, c’è un nuovo decesso. Il totale delle vittime arriva a 35.123 …

Sono 11 le vittime da coronavirus registrate nelle ultime 24 ore, con il bilancio che arriva a 35.123, in aumento rispetto agli ultimi 4 giorni, nei quali le vittime erano state 5. Risalgono leggermente i contagi in base ai tamponi eseguiti. Oggi i casi di positività sono aumentati di 181 (ieri erano stati 170 in più). Esclusi i guariti, i positivi in più in Italia sono 28, secondo i dati del ministero della Salute. I tamponi effettuati sono 48.170, in netto aumento rispetto ai 25.551 di ieri, che si riferivano alla domenica. Le persone attualmente positive in Italia sono 12.609 (+28), mentre le vittime da inizio epidemia salgono a 35.123. I casi totali di positività al coronavirus sono 246.488. I guariti sono 198.756 (+163). I pazienti in terapia intensiva sono ora 40, in calo di 5 unità. Sono 11.820 quelli in isolamento domiciliare (+24), 749 quelli ricoverati con sintomi (+9).La situazione regione per regione
Marche
Nelle ultime 24 ore sono stati rilevati nelle Marche 11 tamponi positivi al coronavirus: 4 in provincia di Pesaro Urbino, legati al focolaio di Montecopiolo, Una festa a cui avevano partecipato molte persone e che è sfociata con 70 in isolamento, di cui 5 positivi. Il nuovo aggiornamento degli 11 casi ne comprende 4 n provincia di Macerata, di cui uno proveniente dall’estero, uno paucisintomatico con tampone effettuato a domicilio da Usca e 2 individuati con tampone propedeutico ad attività sanitarie: uno in provincia di Fermo, già in isolamento, e 2 in provincia di Ascoli Piceno appartenenti a un cluster familiare individuato per accesso a prestazioni sanitarie. Lo rende noto il Gores (Gruppo Operativo Regionale Emergenza Sanitaria).

“I risultati dei tamponi di oggi – dice il presidente della Regione Luca Ceriscioli – dimostrano che non è ancora arrivato il momento di abbassare la guardia e che gli assembramenti causano livelli importanti di contagio, come sta avvenendo a Montecopiolo in seguito a una festa a cui hanno partecipato molte persone. Oggi più che mai – insiste – il contenimento della diffusione del virus fa capo alla responsabilità di ciascuno ed è indispensabile che quando ci si trova nei luoghi pubblici, in mezzo a tante persone, si adottino tutti i comportamenti e si prendano tutte le precauzioni necessarie per evitare di contagiarsi a vicenda, a partire dal giusto distanziamento, fino all’uso corretto della mascherina e alla corretta igiene delle mani.
Crediti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *