Categorie
cronaca

Coronavirus in Italia, bollettino di oggi 8 ottobre: 4458 nuovi casi, 22 morti

128.098 i tamponi. Ieri 3678 nuovi casi e 31 morti. Nessuna regione a zero contagi. L’Italia è tornata ai picchi di aprile. Preoccupa ancora la Campania dove nelle ultime 24 ore si sono registrati ben 757 nuovi casi. In Lombardia 683 nuovi riscontri, 491 nel Veneto e 359 nel… …

Continua a crescere il numero dei nuovi casi di Covid-19: secondo il bollettino quotidiano del ministero della Salute, sono stati 4.458 nelle ultime ventiquattro ore, a fronte dei 3678 nuovi casi registrato ieri: il totale sale così a 338.398. Nuovo record del numero dei tamponi effettuati: 128.098. Le vittime di oggi sono 22, contro le 31 di ieri. Nessuna regione a zero contagi.

I nuovi diffusi dal ministero della Salute registrano un nuovo record di tamponi effettuati. Nelle ultime 24 ore sono stati 128.098, quasi tremila in più rispetto a ieri quando erano stati 125.314. Dei 65.952 attualmente positivi, 358 sono in terapia intensiva (+21 rispetto a ieri), 3.925 ricoverati con sintomi (+143) e 61.669 in isolamento domiciliare (+3.212). I dimessi e i guariti sono complessivamente 236.363 con un incremento di 1.060.

Tutti i grafici e le mappe sull’epidemia In ben dodici regioni si registrano più di 100 nuovi casi: 757 in Campania, 683 in Lombardia, 491 in Veneto, 359 nel Lazio, 339 in Toscana, 336 in Piemonte, 259 in Sicilia, 248 in Puglia, 184 in Emilia Romagna, 152 in Liguria, 127 in Sardegna e 110 in Friuli Venezia Giulia. Le 22 vittime sono distribuite tra Veneto (6), Lazio (6), Sicilia (3), Lombardia (1), Emilia Romagna (1), Campania (1), Puglia (1), Abruzzo (1), Sardegna (1) e Umbria (1). In crescita anche la pressione sulle strutture ospedaliere: i ricoverati con sintomi sono 3.925 (143 in più di ieri) e quelli in terapia intensiva 358 (+21). In isolamento domiciliare figurano 61.669 pazienti (+3.212).Con 4.458 casi in più di contagi in un giorno l’Italia è tornata al livello dei picchi di aprile: il 3 aprile, infatti i casi furono 4,584,  il giorno dopo arrivarono al top del mese con 4.805 per poi scendere progressivamente ma con il picco del 12 aprile con 4.694 contagi.Va sottolineato, però, che ad aprile i decessi giornalieri erano ancora centinaia: il 4 aprile, ad esempio, furono 681.VALLE D’AOSTASono oltre 300 in Valle d’Aosta gli studenti in quarantena, mentre gli insegnanti messi in isolamento domiciliare, in attesa di un tampone, sono 72: un numero rilevante per la piccola regione alpina che conta una popolazione studentesca di circa 17 mila ragazzi e che ora è in allerta per la tenuta del sistema scolastico messo a dura prova dalla ripartenza dell’epidemia di coronavirus. E i primi scricchiolii già ci sentono: una ventina di classi sono a casa e, in un paio di istituti superiori, è già stata attivata la didattica a distanza per circa la metà degli studenti.PIEMONTESono 37.194 (+336 oggi) i casi di persone finora risultate positive in Piemonte, così suddivisi su base provinciale: 4496 Alessandria, 2046 Asti, 1224 Biella, 3739 Cuneo, 3560 Novara, 18.595 Torino, 1726 Vercelli, 1238 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 309 residenti fuori regione, ma in carico alle strutture sanitarie piemontesi. I restanti 261 casi sono in fase di elaborazione e attribuzione territoriale. Non si sono registrati decessi. 

Un focolaio si è sviluppato nella struttura per richiedenti asilo Cascina Scarampa di Caresana (Vercelli). Attualmente, su un totale di 45 persone, 16 risultano positive al SarsCov2, le restanti sono invece negative. Tutte le persone sono state poste in quarantena sotto stretto controllo sanitario.

LIGURIAIn Liguria 152 nuovi casi (14.474 casi totali). Oggi non sono state registrate vittime, il totale dei deceduti è di 1.614. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 28. I nuovi tamponi sono 3.857 (differenza rispetto a ieri +131), il totale dei tamponi effettuati da inizio pandemia è di 336.672.LOMBARDIAIn Lombardia 683 nuovi casi (109.869 casi totali). Oggi è stata registrata una vittima, il totale dei deceduti è di 16.979. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 41. I nuovi tamponi sono 22.069 (differenza rispetto a ieri +500), il totale dei tamponi effettuati da inizio pandemia è di 2.254.865.

Dopo i test effettuati nella giornata di ieri ad Appiano Gentile sono risultati positivi i due giocatori dell’Inter Radja Nainggolan e Roberto Gagliardini. Entrambi i calciatori hanno già effettuato un secondo esame dal quale domani si attende conferma o meno della loro positività. Focolai di Covid-19 sono stati identificati negli ospedali di Luino e Angera, nel Varesotto. Lo riferisce l’Asst dei Sette Laghi, spiegando che sono state attivate necessarie misure di sorveglianza sanitaria. 

La campagna vaccinale contro l’influenza partirà in Lombardia il 19 ottobre. Lo ha annunciato il direttore generale dell’assessorato al Welfare Marco Trivelli, in conferenza stampa a Palazzo Lombardia. Le somministrazioni del vaccino partiranno a ottobre con soggetti fragili, gli ospiti delle Rsa e gli over 65. Dalla prima metà di novembre si inizierà con i soggetti in età pediatrica fragili e con i bambini dai 6 ai 24 mesi, e con soggetti tra i 60 e 64 anni, con priorità per le persone fragili. Da metà novembre il calendario proseguirà con le fascia dei bambini da due a sei anni, degli operatori sanitari e della popolazione tra i 60 e i 64 anni.

TRENTINOAumenta in modo considerevole oggi il numero dei positivi in Trentino. Il rapporto quotidiano dell’Azienda provinciale per i servizi sanitaria indica 59 nuovi casi certificati dal tampone molecolare, ma se si considera anche il test per l’antigene, emergono oggi ulteriori 17 casi la cui positività ora dovrà essere confermata dalle analisi riconosciute dall’Istituto superiore di sanità. Ieri sono stati analizzati ben 2.731 tamponi tradizionali portando la cifra complessiva a 246.265 test effettuati dall’inizio della pandemia. Sale anche il numero dei tamponi per antigene che nella giornata di ieri sono stati 221.  Sul fronte dei ricoveri ospedalieri, i pazienti sono 23, nessuno dei quali in rianimazione. L’attenzione rimane molto alta nei confronti delle Rsa e delle scuole. Nel primo caso, l’Azienda sanitaria fa sapere che ci sono 3 operatori collegati al focolaio di cui si è data notizia nei giorni scorsi fra i positivi contati oggi, mentre le classi per cui si è reso necessario l’isolamento sono diventate 40. L’attività di monitoraggio prosegue anche nel settore della raccolta frutta: tra i numeri di oggi c’è anche 1 soggetto positivo che appartiene a questa categoria che finora è stata interessata da 3.507 test che hanno permesso di individuare 109 lavoratori positivi.ALTO ADIGENella provincia autonoma di Bolzano, ad oggi, sono stati effettuati in totale 187.835 tamponi su 97.393 persone. I nuovi casi positivi sono 69 su 1.897 test analizzati ieri. I pazienti Covid-19 ricoverati nei normali reparti ospedalieri sono 30, uno in più fra quelli in isolamento  nella struttura di Colle Isarco. In terapia intensiva si trova una persona. Invariato il numero dei decessi, incluse le case di riposo: 292. Sono alcuni dei dati comunicati dall’Azienda sanitaria altoatesina. In Isolamento domiciliare 2.071 cittadini (di cui 36 di ritorno da Croazia, Grecia, Spagna o Malta). Cresce, intanto, il numero dei guariti: 10 in più per un totale di 2.785. A queste persone si aggiungono 918 (+3) persone che avevano un test dall’esito incerto o poco chiaro e che in seguito sono risultate per due volte negative al test. I collaboratori dell’Azienda sanitaria positivi al test sono 237, di cui 235 guariti.VENETOSono 491 i nuovi positivi nella Regione Veneto solo nelle ultime 24 ore, e sono 6 i nuovi decessi. A dirlo è l’ufficio stampa della Regione, secondo i dati forniti dalla Direzione Prevenzione del Veneto al ministero della Salute. Dall’inizio della pandemia da coronavirus i positivi registrati sono 29.909, con 2.206 vittime. Gli attualmente positivi sono 5.083.
In isolamento domiciliare ci sono 10.934 persone, delle quali – sottolinea l’ufficio stampa – il 90% è asintomatico.
Crediti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *