Categorie
cronaca

Coronavirus, iniziato a Bolzano lo screening di massa

Cittadini in coda dal primo mattino. Fino a domenica 350mila abitanti della Provincia (il 70% del totale) potranno sottoporsi al tampone rapido. Osservatori anche dall’Austria per imparare …

Alle ore 8 è iniziato in Alto Adige lo screening di massa. L’obiettivo è quello di sottoporre il 70% della popolazione, ovvero 350.000 persone, all’esame del tampone rapido. I test a tappeto dureranno tre giorni, fino a domenica, dalle 8 alle 18. Vengono effettuati in tutti i Comuni dell’Alto Adige in quasi 200 presidi. In molti casi si tratta delle palestre dei seggi elettorali. Gli asintomatici dovranno stare in quarantena per dieci giorni. Con lo screening di massa la Provincia autonoma intende piegare la cura dei contagi.
Martedì riapriranno gli asili e le scuole elementari.

La coda per lo screening
  (ansa)
Fin da venerdì alle 8 è stato enorme l’afflusso dei bolzanini per lo screening. In molte parti della città, davanti ai presidi si sono formate lunghe code. A Bolzano, secondo le vie e il numero civico, sono state assegnate delle ‘finestre temporali’, per partecipare. “Sono 60 mila gli altoatesini che si sono prenotati finora” ha detto il direttore generale dell’Azienda sanitaria, Florian Zerzer. Nei Comuni minori i test avvengono su prenotazione e appuntamento, mentre in quelli maggiori durante le finestre temporali prestabilite. “In tutti i 116 comuni dell’Alto Adige sono in funzione 600 linee di test”, ha aggiunto Zerzer. I tamponi veloci avvengono ad un ritmo di uno ogni 1-2 minuti. A Bolzano, oltre alla stampa nazionale ed internazionale, sono giunti anche tre osservatori del governo austriaco per studiare lo svolgimento dello screening di massa.

Crediti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *